www.quadrantefuturo.it

Il nuovo sito web è online. Quadrante Futuro, iniziativa congiunta di Ersel e Centro Einaudi, intende fornire ai navigatori di Internet una rotta panoramica costantemente aggiornata, che passa per quattro grandi “isole” (o punti cardinali del Quadrante): Terra, Paesi, Settori e Congiuntura e un Focus Italia che è una novità, insieme alle schede in lingua inglese.


Read More...

Economic Freedom of the World 2014

Pubblicato il 7 ottobre l’Economic Freedom of the World Report 2014. Realizzato dal Fraser Institute, in collaborazione con centri di ricerca indipendenti di circa novanta paesi (il Centro Einaudi è il partner italiano), il rapporto sulla libertà economica colloca al 79° posto l’Italia che quindi avanza di quattro posizioni rispetto allo scorso anno.

Download Report
Comunicato Stampa
Press Release


Read More...

XXVII Conferenza Fulvio Guerrini

Relatrice della Conferenza Guerrini 2014 sarà Sylvie Goulard, Deputato al Parlamento Europeo. Introduzione di Anna Caffarena.

Invito


Read More...

Il bilancio delle risorse per il Piemonte: recuperare il federalismo fiscale per tornare a crescere

Presentata il 10 settembre, la ricerca di Giuseppe Russo, Lucia Quaglino, Massimo Occhiena, Marco Orlando svolta dal Centro Einaudi in collaborazione con la Camera di Commercio di Torino.
Download Ricerca
Slides Occhiena  -  Slides Orlando -  Slides Russo   


Read More...

Primo Rapporto "Giorgio Rota" su Napoli

Ci vuole una terra per vedere il mare è il titolo del primo Rapporto "Giorgio Rota" su Napoli, presentato all'Unione Industriali di Napoli.


Read More...
01234

Le nostre testate

Agenda liberale

I limiti di una geopolitica del caos

08/10/2014

I limiti di una geopolitica del caos

di Anthony Louis Marasco

Scendere a patti con Assad?

01/10/2014

Scendere a patti con Assad?

di Francesco Chiamulera

Lettera economica

Come cambiano le banche italiane

17/10/2014

Come cambiano le banche italiane

di Monica Straniero

L'accelerazione delle cadute

16/10/2014

L'accelerazione delle cadute

di Giorgio Arfaras

Che cosa si può o non si può dire

13/10/2014

Che cosa si può o non si può dire

di Giorgio Arfaras

Pubblicazioni

Economic Freedom of the World (2014)

Economic Freedom of the World (2014)

  Il 7 ottobre 2014 è stato presentato dal Fraser Institut (referente dell’Economic Freedom Network per l’Italia è il Centro Einaudi) il rapporto 2014 sulla libertà...

Il bilancio delle risorse per il Piemonte: recuperare il federalismo fiscale per tornare a crescere

Il bilancio delle risorse per il Piemonte: recuperare il federalismo fiscale per tornare a crescere

La ricerca di Giuseppe Russo, Lucia Quaglino, Massimo Occhiena, Marco Orlando svolta dal Centro Einaudi in collaborazione con la CCIAA di Torino.

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

Immagine video

 

7 ottobre 2014 - Perchè i mercati finanziari continuano a salire?

 

 

 

 

Del lasciar solo Monti

In questi giorni si discute molto della presa posizione del Fondo Monetario, che chiede un “muro in difesa” dell'euro area. Chiede maggiori conferimenti al fondo “salva stati” e il coinvolgimento della Banca Centrale Europea nel salvataggio della Grecia, con questo intendendo che deve accettare di veder ridotto il valore delle obbligazioni greche che ha in portafoglio (1). Perché tanta agitazione, sanno delle cose (negative) che non sappiamo? Non proprio, ma hanno sviluppato un'analisi che è originale e preoccupante, e che, in breve, esponiamo.

Carlo Cottarelli, direttore del dipartimento fiscale del Fondo Monetario, ha presentato a Londra alla fine di dicembre quest'analisi (2), cui sono allegati dei lucidi (3). Si prendono i deficit, i debiti e gli spread (pagina 18) dei maggiori paesi. I deficit sono sull'asse verticale, i debiti su quella orizzontale, e gli spread sono misurati da un cerchio, che è tanto maggiore, tanto maggiore è lo spread (la differenza di rendimento dei titoli decennali da quelli del paese virtuoso). Tutti gli spread sono calcolati per differenza con la Germania (il paese virtuoso, appunto).

Si vede che esiste una linea ideale (la retta rossa) che divide i paesi mal messi (come deficit e debito) da quelli ben messi. Gli spread sono spiegabili (i paesi mal messi hanno degli spread elevati abbastanza in proporzione alla loro combinazione di deficit e debito), tranne che per gli Stati Uniti e per il Giappone. Si potrebbe pensare che gli Stati Uniti e il Giappone abbiano delle prospettive migliori. Questo non è vero, come mostrato nei lucidi successivi. La spesa pensionistica e sanitaria degli Stati Uniti, per esempio, è lungo un percorso esplosivo. Il paese messo meglio in questo campo è l'Italia, se si esclude l'Estonia (pagina 25).

Dunque qual'è la spiegazione dell'anomalia nel campo degli spread? Tutto torna abbastanza bene nell'analisi degli spread (ossia, tutto si dispone secondo i numeri fondamentali di deficit, debito, crescita), salvo la posizione degli Stati Uniti e del Giappone, che dovrebbero avere degli spread alti, e, invece, li hanno nulli. La presenza o meno di operatori non residenti sembra la spiegazione (pagina 33). Tanto maggiore la quota di operatori residenti, tanto minore lo spread (4).

Gli Stati Uniti e il Giappone controllano abbastanza bene il proprio debito pubblico, e dunque, anche se hanno dei fondamentali “brutti”, hanno degli spread “belli”. Abbiamo così due mercati isolati (o segmentati), che sono fuori dalle regole che valgono per tutti gli altri.

Uno potrebbe chiedersi se gli spread per i paesi che hanno regole comuni sono “giusti”. Avevamo visto che grosso modo gli spread erano in linea con la disposizione dei deficit, dei debiti, e della crescita. Gli spread fra i rendimenti decennali e i Credit Default Swap (CDS = i contratti che assicurano contro l'insolvenza) non mostrano delle valutazioni dissimili. Sono studiati i secondi, probabilmente perché più volatili e quindi più sensibili (pagina 34).

In breve, si vede che le variazioni dei CDS sono molto legate ai giudizi sugli andamenti correnti e non su quelli futuri. Il deficit, il debito, e la crescita dell'oggi hanno più influenza di quanto ne abbia il deficit, il debito, e la crescita futura (e, nel caso dell'Italia, la solida posizione sulle pensioni e la sanità). Perciò i mercati finanziari sono tacciabili di “miopia” e non di “lungimiranza”.

Qui finisce l'analisi di Cottarelli. Si capisce allora la preoccupazione del Fondo Monetario. I mercati finanziari possono mettere a repentaglio il risanamento dell'area dell'euro, perché osservano troppo l'oggi - l'Europa dell'euro dovrebbe finire in recessione (5) - e molto poco il domani. Da qui l'invocazione di un muro a difesa dei debiti pubblici europei. Oppure anche, l'affermazione del direttore del Fondo Monetario che “Monti non può fare tutto da solo”.

http://www.ft.com/intl/cms/s/0/74d2b31a-46b2-11e1-bc5f-00144feabdc0.html?ftcamp=rss#axzz1k8XShMDx

www.imf.org/external/np/speeches/2011/111811.htm#P62_19593

http://www.imf.org/external/np/speeches/2011/pdfs/111811.pdf

http://www.scmsim.it/download/La_sovranita_nazionale.pdf

http://www.centroeinaudi.it/articoli/asset-allocation-economiacentroeinaudiit-100/1407-la-stretta-finaleii.html

L'articolo è uscito su L'Inkiesta:

http://www.linkiesta.it/fmi-italia-spread-cds

Commenti

Diventa nostro amico su Facebook

Prossimi eventi

Ricerche e Progetti

 
logo RGR medio 
 
I Rapporto "Giorgio Rota" su Napoli
 
XV Rapporto "Giorgio Rota" su Torino