Bdl / Call for papers 2015

The Bdl call for papers 2015 is open. Deadline for submission: December 31st, 2015.

Bando / Call


Read More...

Online il numero 210 di Biblioteca della libertà

Il nuovo fascicolo di Biblioteca della libertà, intitolato Europa: un ideale possibile? contiene articoli di Paolo Natale, Alexander D. Ricci, Mónica Ferrín Pereira, Stefano Sacchi, Francesca Arcostanzo.


Read More...

Adjusting the Adjustment Programmes

International Financial Assistance During the Crisis: Shaping the IMF Template to Fit the Euro Area Countries
Silvia Merisio è l'autrice dell'ultimo paper LPF della serie Comparative politics, appena uscito.


Read More...

La Germania e l'economia sociale di mercato

Alessandro Somma è l'autore che inaugura la serie dei Quaderni di Biblioteca della libertà online.
Quaderno N.1 / 2014


Read More...

Primo Rapporto "Giorgio Rota" sull'innovazione territoriale sostenibile nel Lazio

Non tutte le strade portano a Roma è il titolo del Rapporto presentato a Roma il 13 novembre.
Invito - Download capitoli Rapporto


Read More...

Giorgio Rota Best Paper Award

The Centro Einaudi launches the 3rd  annual Giorgio Rota Best Paper Award.


Read More...
0123456

copertina ebook50 home

Le nostre testate

Biblioteca della libertà

 

Agenda liberale

Bioetica…. o biopolitica?

19/11/2014

Bioetica…. o biopolitica?

di Alessandro Litta Modignani

Sono i liberali conservatori?

12/11/2014

Sono i liberali conservatori?

di Anthony Louis Marasco

Lettera economica

Unione bancaria e Basilea 3

12/12/2014

Unione bancaria e Basilea 3

di Monica Straniero

La caduta del petrolio

12/12/2014

La caduta del petrolio

di Giorgio Arfaras

Valute di riserva

12/12/2014

Valute di riserva

di Giorgio Arfaras

Pubblicazioni

Un disperato bisogno di crescere

a cura di Mario Deaglio

Un disperato bisogno di crescere

Contributi di Giovanni B. Andornino, Giorgio Arfaras, Anna Caffarena, Anna Lo Prete, Paolo Migliavacca, Anna Paola Quaglia, Giuseppe Russo. Presentazione di Franco Polotti. Realizzato...

La Germania e l'economia sociale di mercato

di Alessandro Somma

La Germania e l'economia sociale di mercato

Il 1° Quaderno di Biblioteca della libertà della nuova serie online 2014 raccoglie alcuni saggi di Alessandro Somma apparsi su «Biblioteca della libertà» a partire...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

 

prova 50

3 dicembre 2014  

“I 50 anni del Centro Einaudi"

Bedfellows

Barack Obama riparte con una nuova agenda economica in vista delle presidenziali dell’anno prossimo, e per farlo mette mano al suo team e alle sue priorità. Occupazione e competitività sono i nuovi obiettivi, da raggiungere con investimenti pubblici laddove sono indispensabili – secondo l’ortodossia liberal: ricerca, istruzione, formazione e con il corteggiamento del big business. Per farlo, il presidente americano si è circondato di mediatori efficaci, che sanno parlare al business, che si è sentito in questi anni molto trascurato, pure quando ha avuto ottime protezioni.

L’operazione è così travolgente che, secondo «New Republic», pubblicazione liberal, Obama non sta avvicinandosi al mondo dell’imprenditoria, «lo sta cooptando». Si alzano grida di delusione da molte parti, e nel cortocircuito delle critiche si ritrovano due strange bedfellows: il Nobel per l’Economia Paul Krugman, neokeynesiano che da anni chiede all’Amministrazione di spendere e stimolare l’economia, e i Tea Party, libertari fino al midollo, paladini dello small government, del taglio delle tasse, della fine dello strapotere di Washington.

Krugman ha scritto che Obama, asservendosi alle grandi imprese, sta ricostituendo a una a una tutte le condizioni che portarono alla sciagura del 2008: una élite pressoché onnipotente, senza controlli, che crea un sistema di moltiplicazione di denari destinato a trasformarsi in bolla e poi a scoppiare (e l’élite lo fa, stando a quanto dice la commissione che ha indagato sui fatti che portarono al tracollo e allo choc finanziario che ha condotto alla recessione, non proprio di proposito, ma quasi). Così facendo, sostiene Krugman, non ci sarà più competitività, ma più rischio.

Dall’altra parte dello spettro della filosofia economica, là dove abitano i libertari, quelli che sostengono che pure la Federal Reserve andrebbe abolita, altro che investimenti statali, la lotta alla «svolta business» di Obama è altrettanto veemente. FreedomWorks, che difende lo small government e la diminuzione delle tasse, sostiene che la scelta di mettere Jeffrey Immelt, chief executive di General Electric, al posto di Paul Volker alla guida del panel che, per la Casa Bianca, studia le vie della ripartenza è «corporativismo nella sua forma più pura». È tempo di smetterla con la «relazione del tutto non etica» tra stato e business, perché altrimenti continuerà a fiorire l’attività di lobby al fine di ottenere privilegi che vanno a gravare sui conti pubblici (già in uno stato terribile: millecinquecento miliardi di dollari di deficit).

Da due prospettive diverse, la nuova formula obamiana trova pesanti critiche. Soprattutto per quel legame da sempre poco ambiguo tra il mondo finanziario e la politica: il nuovo chief of staff, William Daley, è un veterano di JpMorgan, di Immelt si è già detto, ma anche il sostituto di Larry Summers, alla guida degli economisti della Casa Bianca, Gene Sperling, che ha lavorato per Goldman Sachs e, nel governo clintoniano, contribuì ad abrogare il Glass Steagall Act, la norma che separava le banche commerciali da quelle finanziarie, una delle precondizioni del collasso finanziario del 2008.


Per approfondimenti:

http://www.washingtonpost.com/wp-dyn/content/video/2011/01/25/VI2011012507972.html

http://online.wsj.com/article/SB10001424052748704013604576104672580318638.html?KEYWORDS=Seib

http://www.tnr.com/article/politics/82096/obama-state-of-the-union-business

http://www.nytimes.com/2011/01/24/opinion/24krugman.html?_r=1&partner=rssnyt&emc=rss

http://www.ft.com/cms/s/0/e0dd0696-27eb-11e0-8abc-00144feab49a.html#axzz1CA6HLpQa

Commenti

Diventa nostro amico su Facebook

Prossimi eventi

Ricerche e Progetti

 
logo RGR medio 
 
 Non tutte le strade portano a Roma
Il I Rapporto "Giorgio Rota"
sull'innovazione territoriale sostenibile nel Lazio
presentato il 13 novembre a Roma