Free Speech. Meriti, limiti, dilemmi / Seminario

Lunedì 30 marzo alle ore 15, al Centro Einaudi, in occasione della pubblicazione del numero 211 di Biblioteca della libertà, la curatrice Beatrice Magni ne discute con Corrado Del Bò, Marco Orofino, Mauro Piras.

Locandina


Read More...

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro Einaudi pubblica il Secondo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati i paper dei vincitori della seconda edizione 2013 del Giorgio Rota Best Paper Award sul tema Creative Entrepreneurship and New Media: Alessandro Gandini, Fania Valeria Michelucci, Giovanna Santanera. Presentazione di Mario Deaglio.


Read More...

Scuola di Liberalismo 2015

Dal 17 febbraio al 14 aprile, al Centro Einaudi, in collaborazione con gli Amici della Fondazione Einaudi e l'Ora Libera(le). Lezioni di Giandomenico Barcellona, Rosamaria Bitetti, Marco Bollettino, Riccardo De Caria, Luca Ferrini, Valerio Gigliotti, Kishore Jayabalan, Davide Meinero, Pietro Paganini, Emilia Sarogni, Roberto Francesco Scalon, Paolo Silvestri, Francesco Tuccari, Valerio Zanone e Giacomo Zucco.

Locandina Video ciclo incontri


Read More...

Bdl / Call for papers 2015

The Bdl call for papers 2015 is open. Deadline for submission: December 31st, 2015.

Bando / Call


Read More...

Giorgio Rota Best Paper Award

On April 6th the 3rd Call will close.


Read More...
012345

copertina ebook50 home

Le nostre testate

Agenda Liberale

UNDER CONSTRUCTION

11/03/2015

UNDER CONSTRUCTION

Per il rinnovo della linea editoriale sono sospese temporamente le pubblicazioni di Agenda Liberale

Lettera economica

Un mondo nuovo? / II

26/03/2015

Un mondo nuovo? / II

Giorgio Arfaras

Appunti per investire / IV

20/03/2015

Appunti per investire / IV

Stefano Puppini

Asset Allocation marzo 2015

19/03/2015

Asset Allocation marzo 2015

Giorgio Arfaras

Pubblicazioni

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

di AA.VV.

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi pubblica il Secondo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati i paper dei vincitori della seconda...

Un disperato bisogno di crescere

a cura di Mario Deaglio

Un disperato bisogno di crescere

Contributi di Giovanni B. Andornino, Giorgio Arfaras, Anna Caffarena, Anna Lo Prete, Paolo Migliavacca, Anna Paola Quaglia, Giuseppe Russo. Presentazione di Franco Polotti. Realizzato...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

Britannica / I

La tassa sui banchieri ha funzionato talmente bene che ora il cancelliere dello Scacchiere britannico, il giovane George Osborne, ha deciso di non sospenderla e anzi di farla diventare permanente (1). La misura ha portato un extragettito di 800 milioni di sterline quest’anno, ma per il futuro il Tesoro inglese si aspetta 2,5 miliardi di sterline all’anno, «un contributo equo da parte delle banche per chiudere il buco di bilancio».


Naturalmente le reazioni dalla City non si sono fatte attendere (2) e la prima vittima pare il cosiddetto Project Merlin, quel tavolo di negoziati tra governo e istituti finanziari per cercare di agevolare i prestiti alle piccole e medie imprese inglesi e intanto tenere a bada i bonus milionari dei banchieri. Il progetto non se la passava molto bene nemmeno prima (3), ma nelle ultime ore c’erano stati movimenti incoraggianti, poi finiti sotto la scure della tassa sulle banche annunciata da Osborne.

 

L’amico della City, come è spesso definito Osborne dall’opposizione laburista, non si è comportato secondo le aspettative: la priorità del governo britannico è il deficit, e ogni entrata dev’essere valorizzata, a costo di inimicarsi quel mondo che finora ha guardato con fredda simpatia le manovre di Downing Street. Si sentirà parlare ancora di tasse, non soltanto per le banche: il premier conservatore, David Cameron, ha detto in una recente intervista (4) che non potrà portare avanti il piano di taglio delle tasse sui redditi personali: lo stato dei conti non lo consente. Cameron non vuole nemmeno aumentare la pressione fiscale, almeno così ha affermato finora.

 

Anche perché ha gravi problemi di crescita (5): il ritmo della ripresa è più basso rispetto alle aspettative, e ora che i tagli alla spesa diventeranno a mano a mano operativi la fiducia dei consumatori potrebbe risentirne. Il resto del piano infatti – una delle operazioni più radicali della storia moderna inglese (ed europea), come ha ricordato anche The Economist tempo fa mettendo il premier in copertina con una cresta colorata da punk – prevede un taglio delle spese gigantesco, una razionalizzazione di tutte le voci di spesa più consistenti – la riforma delle tasse universitarie ha già portato minirivolte nelle strade (6).

 

L’alternativa al big government ormai ingestibile è quella che Cameron chiama la «Big Society» (7), un processo di responsabilizzazione degli individui e delle comunità che porti a una sostituzione dei servizi ora gestiti dallo stato. Il progetto ha subito molte critiche, anche perché non è risultato gran che chiaro all’elettorato. Ieri France Maude ne ha dato una definizione scrivendo sul Times (8): «Costruire una Big Society non significa riversare i soldi dei contribuenti in attività di volontariato. Si tratta piuttosto di aprire servizi pubblici, di dare a livello locale maggiore potere, di incoraggiare la già esistente tradizione di attivismo sociale in questo paese. Si tratta di dare alle comunità maggior controllo sulle decisioni che le riguardano, per fare le cose in modo diverso».

 

(1) http://www.guardian.co.uk/business/2011/feb/08/bank-levy-increased-george-osborne

 

(2) http://www.guardian.co.uk/business/2011/feb/01/hsbc-chairman-douglas-flint-location-tax?INTCMP=SRCH

(3) http://www.thetimes.co.uk/tto/business/economics/article2892613.ece

 

(4) http://www.telegraph.co.uk/news/newstopics/politics/david-cameron/8306110/David-Cameron-Sorry-but-we-cant-afford-tax-cuts.html

 

(5) http://www.guardian.co.uk/business/2011/jan/25/uk-economy-shrunk-point-five-per-cent

 

(6) http://www.bbc.co.uk/news/education-11677862

(7) http://www.bbc.co.uk/news/uk-10680062

(8) http://www.thetimes.co.uk/tto/opinion/columnists/article2902994.ece

  

 


Commenti

Diventa nostro amico su Facebook

Prossimi eventi

30 Mar
Centro Einaudi - Torino

Ricerche e Progetti

 
logo RGR medio 
 
 Non tutte le strade portano a Roma
Il I Rapporto "Giorgio Rota"
sull'innovazione territoriale sostenibile nel Lazio