Rawls Tested by Larmore's Theory / Part I


Alberto De Luigi 
è l'autore del nuovo paper di LPF - Laboratorio Welfare - sezione filosofia politica, appena pubblicato.        

Sostenete il nostro programma di borse di studio

Da cinquant’anni il Centro forma giovani studiosi che proseguono le loro carriere avendo imparato che, come insegnava Luigi Einaudi, occorre "conoscere per deliberare". L'Italia ha bisogno di giovani capaci di esercitare il pensiero critico e di guardare ai problemi con un approccio multidisciplinare. Il 5 per mille al Centro Einaudi è un'opportunità in più per loro.

Online il numero 208 di Biblioteca della libertà



Il nuovo fascicolo  di Biblioteca della libertà si articola in due sezioni, "Liberalismi" e "Fatti e Valori".

Call for articles 2014: “Free Speech and Privacy”


The Bdl call for articles for the forthcoming issue is open.
We encourage proposals of theoretical and empirical works in and across different fields of political analysis. New deadline for paper submission: June 30th, 2014.

Percorsi di secondo welfare / Nuovi partner

Il Forum ANIA Comsumatori, la CISL Lombardia, la CISL Piemonte e il Comune di Torino sono diventati partner di Percorsi di secondo welfare, iniziando così a sostenere le nostre attività di ricerca. La loro adesione rappresenta una notizia molto positiva, indicativa di come il lavoro svolto in questi anni dal nostro laboratorio sia stato in grado di suscitare l’interesse di importanti realtà appartenenti alle istituzioni e al mondo sindacale.          

Scuola di Liberalismo 2014

Dal 25 febbraio, al Centro Einaudi, in collaborazione con gli Amici della Fondazione Einaudi, il Centro Pannunzio e l'Ora Libera(le). Lezioni di Marco Bassani, Giampietro Berti, Marco Bollettino, Riccardo Cappello, Riccardo De Caria, Stefano De Luca, Andrea Favaro, Giorgio Fidenato, Fabio Grassi Orsini, Paolo Heritier, Nicola Iannello, Carlo Lottieri, Beatrice Magni, Gerardo Nicolosi, Pier Franco Quaglieni, Mauro Tosco, Alessandro Vitale, Giacomo Zucco.

Locandina                                                                                                                                      Video Registrazioni delle lezioni

Fili d’erba, fili di ripresa

XVIII Rapporto sull'economia globale e l'Italia (2013) a cura di Mario Deaglio. Il volume, edito da Guerini e Associati e disponibile anche in versione ebook, nasce dalla collaborazione fra il Centro Einaudi e UBI Banca. Il Rapporto è stato presentato a Milano, Brescia, BergamoBienno, Varese, Sondrio, Torino, Cuneo, Lecco, Monza, Mantova e UdineComo e Treviso, Lodi. Prossime presentazioni a Jesi e Roma

0123456

Le nostre testate

Agenda liberale

Lettera economica

Inusuale, Verosimile, Assurdo

18/04/2014

Inusuale, Verosimile, Assurdo

di Giorgio Arfaras

Possibilità, Probabilità, Certezza

18/04/2014

Possibilità, Probabilità, Certezza

di Stefano Puppini

Le grandi imprese coreane

18/04/2014

Le grandi imprese coreane

di Anna Carla Dosio

The Italian Job

Still in the Long Tunnel

17/05/2013

Still in the Long Tunnel

di Giorgio Arfaras

Gloomy Skies

27/03/2013

Gloomy Skies

di Giuseppina De Santis

Pubblicazioni

Fili d'erba, fili di ripresa

a cura di Mario Deaglio

Fili d'erba, fili di ripresa

A cura di Mario Deaglio, contributi di Giovanni B. Andornino, Giorgio Arfaras, Anna Caffarena, Giuseppina De Santis, Anna Lo Prete, Paolo Migliavacca, Anna Paola Quaglia,...

Quaderni del Premio «Giorgio Rota»

a cura di AA.VV.

Quaderni del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi è particolarmente lieto di pubblicare questo primo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

 

video6

 

Convegno Giorgio Rota 2014

Sindacati e Tea Party

Tutto d’un tratto Scott Walker è diventato l’uomo più famoso d’America. Al potere da soli due mesi, il governatore del Wisconsin, repubblicano, ha proposto inizialmente (1) una politica di tagli che ha fatto infuriare i sindacati e anche un po’ il presidente Barack Obama, trascinando il giovane governatore in una spirale di accuse finita con uno scherzo telefonico, da parte di un blogger liberal (2), destinato a lasciare tracce.


Lo stato ha 137 milioni di dollari di deficit nell’anno fiscale che termina a fine giugno e un buco di bilancio, in proiezione, ancora più grande – 3,6 miliardi di dollari nei prossimi due anni. Il giovane governatore ha ritenuto – non che avesse molte alternative – di affrontare la questione con decisione, andando a toccare la categoria meno propensa a concedere qualcosa, quella dei sindacati che in questo stato sono più di un’istituzione, tanto che il Wisconsin è considerato la culla delle Unions americane.

Walker ha annunciato che avrebbe imposto agli impiegati statali un aumento dei contributi per l’assistenza sanitaria e la pensione – di fatto si tratta di un taglio ai loro stipendi di quasi il 18 per cento – riducendo contestualmente il potere dei sindacati con un limite al ricorso alla contrattazione di categoria. Da quel momento, nove giorni fa, i palazzi del governo a Madison sono sotto assedio.

I democratici dello stato, per bloccare l’approvazione della legge, hanno addirittura lasciato il Wisconsin, rifugiandosi a Chicago. Dopo aver minacciato di non tornare per molto tempo (3), bloccando l’iniziativa legislativa, hanno dovuto iniziare a negoziare: non hanno i numeri in Parlamento (e pare che la polizia si sia recata nelle loro case per convincerli ad andare a fare il loro lavoro). Il voto è previsto in queste ore (4).

Scott Walker, vicino ai Tea Party, è diventato così per i liberal peggio dell’uomo nero. Non soltanto i sessantamila in piazza a Madison temono per il loro futuro, non soltanto il presidente Obama ha usato parole durissime nei confronti della proposta di Walker (5): i liberal in tutti gli Stati Uniti pensano a un piccolo effetto contagio (6) – termine molto in voga in giorni di rivoluzione araba – che pare già iniziato in Ohio.

A spandere il verbo libertario sarebbero i nuovi governatori repubblicani eletti alle elezioni di mid-term dello scorso novembre, sobillati, si fa per dire, dai Tea Party. Poiché la situazione nel Wisconsin non è già sufficientemente surreale – deputati che scappano, poliziotti che vanno a riprenderli, urla fuori dal Parlamento «Kill the Bill» –, ci si è messo anche uno scherzo telefonico, fatto da Ian Murphy del Buffalo Beast (7) che ha finto di essere David Koch, uno dei fratelli padroni delle Koch Industries, grandi finanziatori dei Tea Party. In venti minuti di telefonata, Walker è riuscito a dire molte cose che ora gli vengono rinfacciate. In particolare il conflitto d’interessi (8): la legge proposta dal governatore prevede una serie di privatizzazioni che potrebbero essere gestite proprio dai Koch, che pure hanno subito smentito. In più, nella telefonata, sembra che il governatore volesse tendere un tranello ai democratici, invitandoli a tornare con finte aperture, per poi imporre la maggioranza repubblicana. Walker è così finito sulla difensiva, anche se sta facendo una piccola rivoluzione in quest’America alle prese con i suoi deficit.

(1) http://www.reuters.com/article/2011/02/11/us-wisconsin-budget-unions-idUSTRE71A7FP20110211

(2) http://www.youtube.com/watch?v=WBnSv3a6Nh4

(3) http://news.yahoo.com/s/ap/20110218/ap_on_re_us/us_wisconsin_budget_unions_59

(4) http://www.huffingtonpost.com/2011/02/24/wisconsin-assembly-deal-vote_n_827530.html.

(5) http://www.foxnews.com/politics/2011/02/17/obama-sides-state-government-unions-cuts/

(6) http://www.nytimes.com/2011/02/19/us/politics/19states.html

(7) http://www.buffalobeast.com/?p=5045

(8) http://www.politico.com/news/stories/0211/50066.html#ixzz1EsomS8Ys

Si veda anche:

http://www.centroeinaudi.it/notizie/l-atlantico-si-allarga-/-ii.html






Commenti

Diventa nostro amico su Facebook

Prossimi eventi

Ricerche e Progetti

 
 copertina rota 2013logo rapporto rota
 
 

2013
Quattrordicesimo Rapporto
su Torino