Online il numero 212 di Biblioteca della libertà

Europa al bivio è il titolo del nuovo fascicolo di Biblioteca della libertà, appena pubblicato.  


Read More...

Renato Altissimo

Desideriamo ricordare Renato Altissimo, scomparso il 17 aprile 2015, che è stato fra gli amici torinesi vicini o membri del Centro Einaudi negli anni Sessanta (fra essi, Piero Ostellino, Giuliano Urbani, Valerio Zanone). Imprenditore, è stato deputato, segretario del Partito Liberale Italiano, ministro. Come giovane vicepresidente della Confindustria, ha ispirato il “Rapporto Pirelli”, realizzato dal Centro Einaudi nel 1969.


Read More...

Lavoro e perdono dietro le sbarre. La cooperativa Giotto nel carcere Due Palazzi di Padova

Working Paper 2WEL di Andrea Perrone, Tommaso Bardelli, Pauline Bernard, Rachele Greco. Prefazione di Giovanni Maria Flick. Postfazione di Adolfo Ceretti.


Read More...

Bilancio sociale 2014

È disponibile online il Bilancio sociale del Centro Einaudi relativo all'anno 2014.


Read More...

The Economics of Illegal Activities and Corruption

La Conferenza «Giorgio Rota» 2015 si terrà il 15 giugno alle ore 16,45, al Centro Einaudi. Verrranno presentati e premiati i lavori dei vincitori del 3rd «Giorgio Rota» Best Paper Award. Saluti di Giuseppe Russo (Direttore Centro Einaudi). Introduzione di Mario Deaglio (Università di Torino e Centro Einaudi). Keynote di Friedrich Schneider (Johannes Kepler University of Linz).


Read More...

La sfida metropolitana

Presentato sabato 23 maggio il XVI Rapporto «Giorgio Rota» su Torino, disponibile online.

Locandina


Read More...
0123456

copertina ebook50 home

Le nostre testate

Biblioteca della libertà

 

Agenda Liberale

UNDER CONSTRUCTION

11/03/2015

UNDER CONSTRUCTION

Per il rinnovo della linea editoriale sono sospese temporamente le pubblicazioni di Agenda Liberale

Lettera economica

I rendimenti di ieri e di oggi

22/05/2015

I rendimenti di ieri e di oggi

Stefano Puppini

Modelli semplificati II / Debito PIL

22/05/2015

Modelli semplificati II / Debito PIL

Giorgio Arfaras

Asset Allocation - Maggio 2015

20/05/2015

Asset Allocation - Maggio 2015

Giorgio Arfaras

Pubblicazioni

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

di AA.VV.

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi pubblica il Secondo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati i paper dei vincitori della seconda...

Un disperato bisogno di crescere

a cura di Mario Deaglio

Un disperato bisogno di crescere

Contributi di Giovanni B. Andornino, Giorgio Arfaras, Anna Caffarena, Anna Lo Prete, Paolo Migliavacca, Anna Paola Quaglia, Giuseppe Russo. Presentazione di Franco Polotti. Realizzato...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

Bacheca

  • Politiche Sociali / Social Policies (il Mulino)

    Call for papers                                                                        Abstract Submission: Deadline 30 June 2015 / Manuscript Submission: Deadline 30 November 2015.                                                                                                                                                              Call

  • 5 per mille al Centro Einaudi

    L'Italia ha bisogno di giovani capaci di esercitare il pensiero critico e di guardare ai problemi con un approccio multidisciplinare, perchè come insegnava Luigi Einaudi, occorre "conoscere per deliberare". Il 5 per mille al Centro Einaudi è un'opportunità in più per loro.

Spesa e imposte in Texas

L’era dell’austerità è arrivata anche negli Stati Uniti, nessuno si senta escluso. Molti stati hanno messo mano all’accetta e le proteste diventano sempre più rumorose: Wisconsin (1), Ohio (2) e un po’ dappertutto (3). Ma è il Texas, governato dal tenace Rick Perry, rieletto per la terza volta consecutiva l’anno scorso, ad aver scatenato il dibattito più acceso. Perché in Texas si vive bene: un report della Brookings Institution dice che delle venti città in cui la ripresa è palpabile, sei si trovano nello stato d’origine della famiglia Bush (4).

Mentre il tasso di crescita della popolazione va a ritmi ben superiori alla media americana, la ricetta «small government» del Texas è: poche tasse (non esiste una tassa sul reddito delle persone fisiche a livello statale, ma solo federale), poca spesa pubblica, mancanza totale della contrattazione collettiva dei sindacati.

Ma, come ha scritto Paul Krugman (5), per i prossimi due anni è previsto un buco di oltre 20 miliardi di dollari: l’economista, sorridendo sotto i baffi, ha sostenuto che in Texas la dottrina del laissez faire è stata attuata alla lettera, e se non regge lì allora non può reggere da nessuna parte. Ma il Texas non cambia idea e ha così annunciato una serie di tagli alla già esigua spesa pubblica volti a rimettere insieme i conti dello stato senza aumentare le imposte. E sono partite le proteste (6). Krugman è tornato, domenica scorsa, sul luogo del delitto, prendendo ad esempio il Texas che «sembra sempre di più il primo posto in cui si concretizza il futuro politico dell’America»: sapete qual è la cosa più preoccupante?, ha scritto, che a pagare saranno soprattutto i bambini (7). Se non si investe nell’istruzione e nella sanità, i giovani di domani saranno meno dotti, più fragili e anche più poveri, tanto che il prossimo slogan dello stato dovrà essere «Lose the future».

David Brooks, attento osservatore conservatore della realtà americana (è in uscita un suo libro, The Social Animal), ha scritto un vademecum per chi deve tagliare le spese (8). Fatelo, scrive Brooks, perché non ci sono alternative, ma ricordate: «Make everybody hurt», cioè tutti devono pagare, non soltanto alcune categorie; «Trim from the old to invest in the young», cioè non dimenticatevi dei giovani. Brooks parla quindi del Texas, che taglierà il finanziamento alla scuola del 13,5 per cento e così enuncia il terzo principio dell’austerità: «Never cut without an evaluation process», cioè tagliate tanto, ma tagliate bene.

(1) http://www.usatoday.com/news/nation/2011-02-26-wisconsin-saturday-rally_N.htm

(2) http://www.kansascw.com/kscw/news/wjw-news-senate-bill-five-to-head-to-a-vote,0,1268558.story


(3) http://www.voanews.com/english/news/US-Protesters-Counter-Austerity-Anti-Union-Proposals-116982948.html


(4) http://www.businessinsider.com/20-cities-that-are-having-an-awesome-recovery-2010-3


(5) http://www.nytimes.com/2011/01/07/opinion/07krugman.html?ref=paulkrugman

(6) http://www.mysanantonio.com/news/politics/texas_legislature/article/Budget-protesters-besiege-Perry-s-office-1039070.php


(7) http://www.nytimes.com/2011/02/28/opinion/28krugman.html?partner=rssnyt&emc=rss


(8) http://www.nytimes.com/2011/03/01/opinion/01brooks.html




Commenti

Diventa nostro amico su Facebook

Prossimi eventi

11 Giu
Facoltà di Scienze politiche - Milano

Ricerche e Progetti

 
logo RGR medio 
 
La sfida metropolitana

 Presentato sabato 23 maggio
il XVI Rapporto «Giorgio Rota» su Torino
disponibile online