Rawls Tested by Larmore's Theory / Part I


Alberto De Luigi 
è l'autore del nuovo paper di LPF - Laboratorio Welfare - sezione filosofia politica, appena pubblicato.        

Sostenete il nostro programma di borse di studio

Da cinquant’anni il Centro forma giovani studiosi che proseguono le loro carriere avendo imparato che, come insegnava Luigi Einaudi, occorre "conoscere per deliberare". L'Italia ha bisogno di giovani capaci di esercitare il pensiero critico e di guardare ai problemi con un approccio multidisciplinare. Il 5 per mille al Centro Einaudi è un'opportunità in più per loro.

Online il numero 208 di Biblioteca della libertà



Il nuovo fascicolo  di Biblioteca della libertà si articola in due sezioni, "Liberalismi" e "Fatti e Valori".

Call for articles 2014: “Free Speech and Privacy”


The Bdl call for articles for the forthcoming issue is open.
We encourage proposals of theoretical and empirical works in and across different fields of political analysis. New deadline for paper submission: June 30th, 2014.

Percorsi di secondo welfare / Nuovi partner

Il Forum ANIA Comsumatori, la CISL Lombardia, la CISL Piemonte e il Comune di Torino sono diventati partner di Percorsi di secondo welfare, iniziando così a sostenere le nostre attività di ricerca. La loro adesione rappresenta una notizia molto positiva, indicativa di come il lavoro svolto in questi anni dal nostro laboratorio sia stato in grado di suscitare l’interesse di importanti realtà appartenenti alle istituzioni e al mondo sindacale.          

Scuola di Liberalismo 2014

Dal 25 febbraio, al Centro Einaudi, in collaborazione con gli Amici della Fondazione Einaudi, il Centro Pannunzio e l'Ora Libera(le). Lezioni di Marco Bassani, Giampietro Berti, Marco Bollettino, Riccardo Cappello, Riccardo De Caria, Stefano De Luca, Andrea Favaro, Giorgio Fidenato, Fabio Grassi Orsini, Paolo Heritier, Nicola Iannello, Carlo Lottieri, Beatrice Magni, Gerardo Nicolosi, Pier Franco Quaglieni, Mauro Tosco, Alessandro Vitale, Giacomo Zucco.

Locandina                                                                                                                                      Video Registrazioni delle lezioni

Fili d’erba, fili di ripresa

XVIII Rapporto sull'economia globale e l'Italia (2013) a cura di Mario Deaglio. Il volume, edito da Guerini e Associati e disponibile anche in versione ebook, nasce dalla collaborazione fra il Centro Einaudi e UBI Banca. Il Rapporto è stato presentato a Milano, Brescia, BergamoBienno, Varese, Sondrio, Torino, Cuneo, Lecco, Monza, Mantova e UdineComo e Treviso, Lodi. Prossime presentazioni a Jesi e Roma

0123456

Le nostre testate

Agenda liberale

Lettera economica

Inusuale, Verosimile, Assurdo

18/04/2014

Inusuale, Verosimile, Assurdo

di Giorgio Arfaras

Possibilità, Probabilità, Certezza

18/04/2014

Possibilità, Probabilità, Certezza

di Stefano Puppini

Le grandi imprese coreane

18/04/2014

Le grandi imprese coreane

di Anna Carla Dosio

The Italian Job

Still in the Long Tunnel

17/05/2013

Still in the Long Tunnel

di Giorgio Arfaras

Gloomy Skies

27/03/2013

Gloomy Skies

di Giuseppina De Santis

Pubblicazioni

Fili d'erba, fili di ripresa

a cura di Mario Deaglio

Fili d'erba, fili di ripresa

A cura di Mario Deaglio, contributi di Giovanni B. Andornino, Giorgio Arfaras, Anna Caffarena, Giuseppina De Santis, Anna Lo Prete, Paolo Migliavacca, Anna Paola Quaglia,...

Quaderni del Premio «Giorgio Rota»

a cura di AA.VV.

Quaderni del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi è particolarmente lieto di pubblicare questo primo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

 

video6

 

Convegno Giorgio Rota 2014

Gordon Gekko

La memoria comune attribuisce ai raider la figura di «cattivi» del capitalismo. L’iconografia classica li associa al personaggio di Gordon Gekko. Nei libri di economia i raider sono dei salutari ricombinatori del capitale netto investito nelle aziende...


Sia data una società che per inefficienza del suo management, inefficienza dimensionale, eccesso dei costi dei suoi enti centrali, valga più come somma delle parti che come complesso funzionante. Il raider scala, con capitali propri e presi a prestito, la maggioranza della società, quindi vende le sue parti e il suo reddito è pari alla plusvalenza realizzata, al netto degli interessi da pagare ai banchieri che hanno finanziato l’operazione. L’operazione genera un aumento del reddito del raider, degli azionisti di minoranza e anche delle banche. Se il mercato apprezza in modo razionale i beni capitali, ossia come flusso attualizzato dei dividendi (o degli utili) futuri, l’operazione è anche razionale dal punto di vista dell’economia generale.

In termini pomposi, è una operazione «Pareto-ottimale», perché chi ha pagato di più le parti della società fatta a spezzatino estrarrà valore dalle stesse parti, facendole produrre un reddito maggiore, se no non sarebbe stato razionale comprarle. Alla fine ci guadagna pure l’erario, che incassa sia sulle plusvalenze dalle compravendite che dai maggiori redditi prodotti in futuro. Tutto bene. Gordon Gekko è quindi un benefattore del capitalismo di mercato, e perfino del pubblico erario.

Adesso introduciamo una complicazione. Ammettiamo per un momento che la Borsa non produca prezzi efficienti, o quanto meno non lo faccia sempre. Ammettiamo per esempio, come Schiller, che la Borsa passi lunghi periodi nei quali i prezzi non rappresentano il valore attuale dei redditi futuri. In questi periodi le azioni possono essere sopravvalutate o sottovalutate.

Se le azioni sono sopravvalutate, Gordon Gekko resta disoccupato, perché usualmente le parti di uno spezzatino si vendono solo fuori della Borsa, ossia non generano nuove Ipo, ma un delisting della società fatta a pezzi, alla fine di tutto. Gli azionisti non sono però normalmente scontenti, perché incassano cedole magre ma vedono crescere la propria ricchezza nominale. I manager sono contenti perché non perdono il loro posto. Il Pil dell’economia generale probabilmente cresce meno di quanto potrebbe, perché nessuno ricombina il capitale nelle società quotate.

E se le azioni sono sottovalutate? Se le azioni sono sottovalutate, Gordon Gekko ha via libera non solo sulle società che in effetti distruggono valore o meglio distruggono opportunità di valore economico, in quanto portafogli inefficienti di singole parti con un valore sommato superiore. Con la Borsa sottovalutata Gordon Gekko può fare a spezzatino non solo le società inefficienti, ma anche quelle efficienti ma inefficientemente prezzate, distruggendo società che creano valore per l’economia e gli azionisti, generano occupazione e incassi per l’erario.

Se il target del raider è una società efficiente inefficientemente prezzata, ci guadagnano il raider, i suoi banchieri, gli azionisti della società target, in un primo tempo, salvo poi non trovare attività alternative altrettanto redditizie di quella venduta. L’erario incassa in un primo tempo le tasse sulle plusvalenze, ma in un secondo tempo, quando la ricombinazione dei fattori avrà generato una combinazione meno efficiente di quella fatta a pezzi, perderà il gettito corrispondente al minor reddito prodotto dalle parti divise. Ci perdono anche i manager della società target e poi anche i lavoratori, perché le parti non riescono più a fare il reddito del complesso funzionante, e quindi ci potrebbero essere dei tagli.

Nel mondo diverso dalla celluloide i raider non sono singoli avventurieri rampanti, come Gordon Gekko, ma fondi di investimento perbene, che però hanno lo stesso profilo speculativo di Gordon Gekko. La loro voglia di profitto è tuttavia buona per l’economia solo se la Borsa fa prezzi efficienti. Se la Borsa sopravvaluta le azioni, i raider non operano e l’economia non coglie occasioni di crescere. Se la Borsa sottovaluta le azioni, i raider distruggono valore già creato e che probabilmente non si riforma o si riforma in modo ridotto.

Mi vengono in mente due conclusioni. La prima: che abbiano ragione coloro che ritengono che la Borsa non sia un buon mercato delle quote di capitale, e che sia meglio che il mercato delle quote di capitale netto sia un mercato privato; questo spiegherebbe perché ci sono paesi di successo in Europa, come la Germania, in cui esistono poche società quotate e pochissime scalabili. La seconda: le scalate non sono né buone né cattive; bisogna vedere caso per caso, ma a volte bisogna fare attenzione che gli spezzatini non siano buoni per pochissimi e pessimi per moltissimi.

Avverto chi mi legge che sulla prima conclusione ho qualche dubbio, ossia non so se essere d’accordo con me stesso. Sulla seconda mi sento più sicuro.


Commenti

Diventa nostro amico su Facebook

Prossimi eventi

Ricerche e Progetti

 
 copertina rota 2013logo rapporto rota
 
 

2013
Quattrordicesimo Rapporto
su Torino