Giuseppe Russo è il nuovo Direttore del Centro Einaudi

Il Presidente e il Comitato Direttivo ringraziano il consigliere Giuseppe Russo per la disponibilità ad assumere l’incarico di Direttore, certi che con lui proseguirà lo sforzo del Centro di approfondimento del pensiero liberale e di partecipazione alle grandi issue del dibattito politico contemporaneo.


Read More...

Il bilancio delle risorse per il Piemonte

La ricerca, svolta dal Centro Einaudi in collaborazione con la Camera di Commercio di Torino, si propone come uno strumento conoscitivo utile rispetto all'assunzione di scelte allocative strategiche sul territorio torinese e piemontese. Presentazione il 10 settembre. Locandina    


Read More...

Bando progetto europeo REScEU

È disponibile online il bando per 3 assegni di ricerca della durata di 24 mesi per la collaborazione ad attività di ricerca nell'area scientifico-disciplinare delle scienze politiche e sociali nell'ambito del progetto REScEU (Reconciling Economic and Social Europe: Values, Ideas and Politics), coordinato da Maurizio Ferrera e premiato dall'European Research Council. Scadenza 3 settembre 2014.
Bando
Call
           


Read More...

Primo Rapporto "Giorgio Rota" su Napoli

Ci vuole una terra per vedere il mare è il titolo del primo Rapporto "Giorgio Rota" su Napoli, presentato all'Unione Industriali di Napoli.


Read More...

Desert as a Criterion of Justice. Against Unfair Equality

Michele Giavazzi è l'autore dell'ultimo paper LPF, appena uscito.    


Read More...

Famiglie e imprenditori, ripresa in arrivo

Presentata il 2 luglio l'Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2014, un progetto del Centro Einaudi e di Intesa Sanpaolo, basato su interviste effettuate da Doxa fra gennaio e febbraio 2014 a 1.061 capifamiglia, correntisti bancari e/o postali. 


Read More...
0123456

Le nostre testate

Agenda liberale

La giustizia in Italia / I

30/07/2014

La giustizia in Italia / I

di Andrea Del Corno con Emanuela Strina

Una nuova guerra fredda

30/07/2014

Una nuova guerra fredda

di Anthony Louis Marasco

Dalla Striscia di Gaza: nulla da segnalare

25/07/2014

Dalla Striscia di Gaza: nulla da segnalare

di Antonio Picasso

Lettera economica

Petrologia - prima parte

26/08/2014

Petrologia - prima parte

di Antonio Picasso

La stagnazione secolare / I

24/08/2014

La stagnazione secolare / I

di Giorgio Arfaras

Asset Allocation - agosto 2014

17/08/2014

Asset Allocation - agosto 2014

di Giorgio Arfaras

The Italian Job

Still in the Long Tunnel

17/05/2013

Still in the Long Tunnel

di Giorgio Arfaras

Gloomy Skies

27/03/2013

Gloomy Skies

di Giuseppina De Santis

Pubblicazioni

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2014

a cura di Giuseppe Russo

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2014

Famiglie e imprenditori, ripresa in arrivo. L'Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2014, a cura di Giuseppe Russo e svolta in...

Quaderni del Premio «Giorgio Rota»

a cura di AA.VV.

Quaderni del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi è particolarmente lieto di pubblicare questo primo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

VIDEO  XV

 

7 giugno 2014 - Presentazione XV Rapporto "Giorgio Rota " su Torino

"Semi di Fiducia"

 

 

 

 

Gordon Gekko

La memoria comune attribuisce ai raider la figura di «cattivi» del capitalismo. L’iconografia classica li associa al personaggio di Gordon Gekko. Nei libri di economia i raider sono dei salutari ricombinatori del capitale netto investito nelle aziende...


Sia data una società che per inefficienza del suo management, inefficienza dimensionale, eccesso dei costi dei suoi enti centrali, valga più come somma delle parti che come complesso funzionante. Il raider scala, con capitali propri e presi a prestito, la maggioranza della società, quindi vende le sue parti e il suo reddito è pari alla plusvalenza realizzata, al netto degli interessi da pagare ai banchieri che hanno finanziato l’operazione. L’operazione genera un aumento del reddito del raider, degli azionisti di minoranza e anche delle banche. Se il mercato apprezza in modo razionale i beni capitali, ossia come flusso attualizzato dei dividendi (o degli utili) futuri, l’operazione è anche razionale dal punto di vista dell’economia generale.

In termini pomposi, è una operazione «Pareto-ottimale», perché chi ha pagato di più le parti della società fatta a spezzatino estrarrà valore dalle stesse parti, facendole produrre un reddito maggiore, se no non sarebbe stato razionale comprarle. Alla fine ci guadagna pure l’erario, che incassa sia sulle plusvalenze dalle compravendite che dai maggiori redditi prodotti in futuro. Tutto bene. Gordon Gekko è quindi un benefattore del capitalismo di mercato, e perfino del pubblico erario.

Adesso introduciamo una complicazione. Ammettiamo per un momento che la Borsa non produca prezzi efficienti, o quanto meno non lo faccia sempre. Ammettiamo per esempio, come Schiller, che la Borsa passi lunghi periodi nei quali i prezzi non rappresentano il valore attuale dei redditi futuri. In questi periodi le azioni possono essere sopravvalutate o sottovalutate.

Se le azioni sono sopravvalutate, Gordon Gekko resta disoccupato, perché usualmente le parti di uno spezzatino si vendono solo fuori della Borsa, ossia non generano nuove Ipo, ma un delisting della società fatta a pezzi, alla fine di tutto. Gli azionisti non sono però normalmente scontenti, perché incassano cedole magre ma vedono crescere la propria ricchezza nominale. I manager sono contenti perché non perdono il loro posto. Il Pil dell’economia generale probabilmente cresce meno di quanto potrebbe, perché nessuno ricombina il capitale nelle società quotate.

E se le azioni sono sottovalutate? Se le azioni sono sottovalutate, Gordon Gekko ha via libera non solo sulle società che in effetti distruggono valore o meglio distruggono opportunità di valore economico, in quanto portafogli inefficienti di singole parti con un valore sommato superiore. Con la Borsa sottovalutata Gordon Gekko può fare a spezzatino non solo le società inefficienti, ma anche quelle efficienti ma inefficientemente prezzate, distruggendo società che creano valore per l’economia e gli azionisti, generano occupazione e incassi per l’erario.

Se il target del raider è una società efficiente inefficientemente prezzata, ci guadagnano il raider, i suoi banchieri, gli azionisti della società target, in un primo tempo, salvo poi non trovare attività alternative altrettanto redditizie di quella venduta. L’erario incassa in un primo tempo le tasse sulle plusvalenze, ma in un secondo tempo, quando la ricombinazione dei fattori avrà generato una combinazione meno efficiente di quella fatta a pezzi, perderà il gettito corrispondente al minor reddito prodotto dalle parti divise. Ci perdono anche i manager della società target e poi anche i lavoratori, perché le parti non riescono più a fare il reddito del complesso funzionante, e quindi ci potrebbero essere dei tagli.

Nel mondo diverso dalla celluloide i raider non sono singoli avventurieri rampanti, come Gordon Gekko, ma fondi di investimento perbene, che però hanno lo stesso profilo speculativo di Gordon Gekko. La loro voglia di profitto è tuttavia buona per l’economia solo se la Borsa fa prezzi efficienti. Se la Borsa sopravvaluta le azioni, i raider non operano e l’economia non coglie occasioni di crescere. Se la Borsa sottovaluta le azioni, i raider distruggono valore già creato e che probabilmente non si riforma o si riforma in modo ridotto.

Mi vengono in mente due conclusioni. La prima: che abbiano ragione coloro che ritengono che la Borsa non sia un buon mercato delle quote di capitale, e che sia meglio che il mercato delle quote di capitale netto sia un mercato privato; questo spiegherebbe perché ci sono paesi di successo in Europa, come la Germania, in cui esistono poche società quotate e pochissime scalabili. La seconda: le scalate non sono né buone né cattive; bisogna vedere caso per caso, ma a volte bisogna fare attenzione che gli spezzatini non siano buoni per pochissimi e pessimi per moltissimi.

Avverto chi mi legge che sulla prima conclusione ho qualche dubbio, ossia non so se essere d’accordo con me stesso. Sulla seconda mi sento più sicuro.


Commenti

Diventa nostro amico su Facebook

Prossimi eventi

Ricerche e Progetti

 
logo RGR medio 
 
I Rapporto "Giorgio Rota" su Napoli
 
XV Rapporto "Giorgio Rota" su Torino