Un disperato bisogno di crescere

XIX Rapporto sull'economia globale e l'Italia (2014) a cura di Mario Deaglio. Il volume, edito da Guerini e Associati, nasce dalla collaborazione fra il Centro Einaudi e UBI Banca. Presentato il 18 novembre all'Assolombarda di Milano, sarà presentato il 20 novembre a Bergamo, il 24 a Brescia e successivamente in altre città. 


Read More...

La Germania e l'economia sociale di mercato

Alessandro Somma è l'autore della nuova serie dei Quaderni di Biblioteca della libertà on line.

Quaderno N.1 / 2014


Read More...

Conflitti ambientali come conflitti di valore

Valerio Lastrico è l'autore dell'ultimo paper LPF della serie Comparative politics, appena uscito.


Read More...

Primo Rapporto "Giorgio Rota" sull'innovazione territoriale sostenibile nel Lazio

Non tutte le strade portano a Roma è il titolo del Rapporto presentato a Roma il 13 novembre.
Invito
Download capitoli Rapporto


Read More...

Social innovation beyond the State. Italy's Secondo Welfare in a European perspective

E' stato pubblicato il nuovo Working Paper di Maurizio Ferrera e Franca Maino della collana 2WEL.


Read More...

Giorgio Rota Best Paper Award

The Centro Einaudi launches the 3rd  annual Giorgio Rota Best Paper Award. Young researchers are invited to participate by submitting high-quality scientific papers presenting original research on the following subject:  THE ECONOMICS OF ILLEGAL ACTIVITIES AND CORRUPTION


Read More...

50esimo Centro Einaudi

Il Centro Einaudi festeggia il 50° anniversario della fondazione e vorrebbe farlo con tutti coloro che hanno condiviso tempo, ideali e hanno seguito e appoggiato il nostro lavoro.


Read More...
0123456

Le nostre testate

Biblioteca della libertà

 

Agenda liberale

Bioetica…. o biopolitica?

19/11/2014

Bioetica…. o biopolitica?

di Alessandro Litta Modignani

Sono i liberali conservatori?

12/11/2014

Sono i liberali conservatori?

di Anthony Louis Marasco

L'importanza del merito

07/11/2014

L'importanza del merito

di Giorgio Arfaras

Lettera economica

Gli orfani del QE

21/11/2014

Gli orfani del QE

di Stefano Puppini

Troppo grandi per essere salvate

21/11/2014

Troppo grandi per essere salvate

di Monica Straniero

Asset Allocation - novembre 2014

20/11/2014

Asset Allocation - novembre 2014

di Giorgio Arfaras

Pubblicazioni

La Germania e l'economia sociale di mercato

di Alessandro Somma

La Germania e l'economia sociale di mercato

Il 1° Quaderno di Biblioteca della libertà della nuova serie online 2014 raccoglie alcuni saggi di Alessandro Somma apparsi su «Biblioteca della libertà» a partire...

Il bilancio delle risorse per il Piemonte: recuperare il federalismo fiscale per tornare a crescere

Il bilancio delle risorse per il Piemonte: recuperare il federalismo fiscale per tornare a crescere

La ricerca di Giuseppe Russo, Lucia Quaglino, Massimo Occhiena, Marco Orlando svolta dal Centro Einaudi in collaborazione con la CCIAA di Torino.

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

 

30 ottobre

30 ottobre 2014  

“Midterm 2014: sorprese o conferme dalle elezioni di metà mandato?"

La Tragedia della Grecia

Prologo. Per risanare il proprio bilancio, alla Grecia è richiesto un saldo primario (= la differenza fra entrate e uscite prima del pagamento degli interessi) positivo (= le entrate maggiori delle uscite) cospicuo (data la consistenza del debito e dei relativi interessi). In questo modo l’avanzo si «mangia» gli interessi da pagare. Non si ha più necessità di emettere del debito pubblico e il paese si «risana». Che cosa accade, al contrario, quando si ha un saldo primario negativo? La Grecia emette debito prima ancora di emettere altro debito per pagare gli interessi sul vecchio debito. Se si ha, come nel caso della Grecia, un debito di partenza elevato, il debito «esplode».

Parodo. La manovra richiesta per portare sotto controllo il debito pubblico greco – un rapporto debito/Pil del 60% in dieci anni – richiede un surplus primario pari al 10% del Pil, secondo i conti del Fondo Monetario (Fiscal Monitor, aprile 2011, p. 22). Un numero che metterebbe sotto pressione qualsiasi sistema politico. E quello greco è già sotto pressione. (Secondo gli stessi conti, quello degli Stati Uniti è pari al 10% e quello italiano è pari a poco più del 3%.)

È poco realistico pensare che questo possa accadere. In alternativa, si può immaginare il ripudio o la ristrutturazione del debito. Il debito non è pagato (né le cedole né il capitale) oppure è allungato e le cedole sono, ma non necessariamente, ridotte (le scadenze del rimborso sono protratte nel tempo, in attesa del risanamento, con il suo costo ridotto, perché le cedole sono minori).

La Grecia è un piccolo paese e il suo debito – anche se molto elevato in rapporto all’economia – è di dimensioni modeste: ammonta a 300 miliardi di euro. Il punto è che per una quota rilevante è detenuto dal sistema finanziario estero. Fra i titoli del debito pubblico greco e i titoli delle banche greche il sistema finanziario europeo possiede 150 miliardi di attività finanziarie elleniche. Non solo ci sono questi 150 miliardi, anche la Banca Centrale Europea e il Fondo Monetario hanno crediti e titoli greci.

Le autorità europee si sono impegnate a salvare la Grecia al punto che lo «stress test» sulle banche (= l’analisi del loro stato di salute) non prevede che il debito greco possa essere ripudiato o allungato. Lasciando «andare a picco» la Grecia, perderebbero molta della loro credibilità. Di più, le banche europee dovrebbero aumentare il capitale di rischio per bilanciare le perdite sul debito greco. Infine, la crisi si allargherebbe verso l’Irlanda e il Portogallo.

Esodo. La scelta è fra una Grecia che «stringe la cinghia» e una crisi che coinvolge, oltre alla Grecia, tutta l’Europa. La soluzione migliore potrebbe allora essere quella che vede i greci che decidono motu proprio di allungare le scadenze del proprio debito, così da non dover andare per qualche anno alle aste a chiedere che sia sottoscritto il debito che scade. Operazione che funziona se il bilancio pubblico è sufficientemente in avanzo per pagare gli interessi sul debito emesso. Torniamo così al saldo primario che deve essere positivo, ma meno di quanto lo sia nelle succitate proiezioni del Fondo Monetario. La Grecia allunga le scadenze, il suo debito va sotto controllo lentamente, ma il peggio è passato.

Articolo pubblicato anche su:
http://www.linkiesta.it/blogs/economista-greco/tragedia-della-grecia

 



 

 

Commenti

Diventa nostro amico su Facebook

Prossimi eventi

03 Dic
Teatro Regio - Foyer del Toro - Torino
24 Nov
UBI - Banco di Brescia - Brescia

Ricerche e Progetti

 
logo RGR medio 
 
 Non tutte le strade portano a Roma
Il I Rapporto "Giorgio Rota"
sull'innovazione territoriale sostenibile nel Lazio
presentato il 13 novembre a Roma