Open Negotiation: the Case of Same-Sex Marriage

Federica Liveriero è l'autrice dell'ultimo paper LPF della serie Political Philosophy, appena uscito.


Read More...

Il 2015 e il Mediterraneo: banche, imprese e infrastrutture

L'incontro, organizzato dal Centro Einaudi in collaborazione con SRM e T.wai, prende spunto dal "IV Rapporto Annuale su Le Relazioni Economiche tra l’Italia e il Mediterraneo”. Interventi di Massimo Deandreis, Irene Bono. Introduzione di Giuseppe Russo. Centro Einaudi, 23 gennaio ore 17.
Locandina


Read More...

Oro: lascia o raddoppia?

Mario Deaglio e Patrizia Ferro ne discutono con Carlo Alberto De Casa, autore de I segreti per investire con l'oro. Introduce Giuseppe Russo. Centro Einaudi, 26 gennaio ore 17.30.

Locandina


Read More...

Scuola di Liberalismo 2015

Dal 17 febbraio, al Centro Einaudi, in collaborazione con gli Amici della Fondazione Einaudi e l'Ora Libera(le). Lezioni di Giandomenico Barcellona, Rosamaria Bitetti, Marco Bollettino, Riccardo De Caria, Luca Ferrini, Valerio Gigliotti, Kishore Jayabalan, Davide Meinero, Pietro Paganini, Emilia Sarogni, Roberto Francesco Scalon, Paolo Silvestri, Francesco Tuccari, Valerio Zanone e Giacomo Zucco.

Locandina


Read More...

Un disperato bisogno di crescere

XIX Rapporto sull'economia globale e l'Italia (2014) a cura di Mario Deaglio. Il volume, edito da Guerini e Associati e disponibile anche in ebook, nasce dalla collaborazione fra il Centro Einaudi e UBI Banca.


Read More...
012345

copertina ebook50 home

Le nostre testate

Biblioteca della libertà

 

Agenda liberale

Lettera economica

La governance bancaria

23/01/2015

La governance bancaria

di Monica Straniero

Chi detiene il debito pubblico?

23/01/2015

Chi detiene il debito pubblico?

di Stefano Puppini

Alla fine il QE di Draghi

23/01/2015

Alla fine il QE di Draghi

di Giorgio Arfaras

Pubblicazioni

Un disperato bisogno di crescere

a cura di Mario Deaglio

Un disperato bisogno di crescere

Contributi di Giovanni B. Andornino, Giorgio Arfaras, Anna Caffarena, Anna Lo Prete, Paolo Migliavacca, Anna Paola Quaglia, Giuseppe Russo. Presentazione di Franco Polotti. Realizzato...

La Germania e l'economia sociale di mercato

di Alessandro Somma

La Germania e l'economia sociale di mercato

Il 1° Quaderno di Biblioteca della libertà della nuova serie online 2014 raccoglie alcuni saggi di Alessandro Somma apparsi su «Biblioteca della libertà» a partire...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

 

prova 50

3 dicembre 2014  

“I 50 anni del Centro Einaudi"

Austerità e crescita

Il Fondo Monetario Internazionale ha ancora una volta (1) sostenuto il piano di austerità del governo britannico. C’era molta apprensione a Londra nei giorni precedenti il verdetto, perché già l’austerità non è popolare, se in più lo sforzo non è riconosciuto a livello internazionale, restare in piedi è difficile.

Il Fondo invece ha detto che il piano funziona, pure se ha sottolineato che di crescita se ne vedrà ben poca, nel breve periodo, e per di più l’aumento dell’Iva ha generato un fenomeno inflattivo. Il cancelliere dello Scacchiere, George Osborne, è stato molto abile nell’appropriarsi dell’endorsement del Fondo, tanto che le sue doti politiche – di quello si trattava, di politica – sono state messe a fuoco dall’ultima column dell’Economist (2) dedicata al Regno Unito, con un avvertimento: attenzione, i cancellieri troppo politici se sbagliano pagano doppio. Ma al momento Osborne non appare preoccupato. O, meglio, non lo dà a vedere. Perché qualche elemento di preoccupazione esiste.

Non si tratta del coro di 52 economisti che ha detto al governo di cambiare direzione (3), ché così non si riesce a rilanciare l’economia, e di preparare subito un piano B. Jonathan Portes, direttore del National Institute of Economic and Social Research, che fino al febbraio scorso era il capo economista dell’ufficio del premier, ha detto rivolto a David Cameron: «La tua credibilità non cresce se continui a stare attaccato a una strategia che non funziona». John Muellbauer, professore a Oxford che l’anno scorso aveva dato il suo appoggio ai piani di tagli del governo, ora dice: «Le cose stanno andando malissimo». Qual è l’alternativa? Il gruppo di economisti vorrebbe un green new deal, «una politica industriale targhetizzata», più tasse, più potere ai lavoratori, cioè più o meno un ritorno alle politiche degli anni Settanta.

Anche in questo contesto, il problema è sempre lo stesso: la crescita. Come ha spiegato il Wall Street Journal (4), gli economisti fanno i novelli keynesiani, ma lo sbaglio di Cameron non è nei tagli, bensì nella mancanza di politiche di crescita definite. È vero che un rilancio c’è già stato, il Regno Unito non sta facendo la fine di Grecia o Portogallo, ma l’austerità e basta non servirà a crescere. E, così facendo, l’economia britannica non sarà solida per ancora un bel pezzo.

(1) http://www.imf.org/external/np/ms/2011/060611.htm

(2) http://www.economist.com/node/18806282?story_id=18806282&CFID=171955208&CFTOKEN=63617277

(solo a pagamento)

(3) http://www.guardian.co.uk/politics/2011/jun/04/george-osborne-plan-not-working

(4) http://online.wsj.com/article/SB10001424052702304432304576371123194578748.html?KEYWORDS=osborne




Commenti

Diventa nostro amico su Facebook

Prossimi eventi

26 Gen
Centro Einaudi - Torino

Ricerche e Progetti

 
logo RGR medio 
 
 Non tutte le strade portano a Roma
Il I Rapporto "Giorgio Rota"
sull'innovazione territoriale sostenibile nel Lazio