Buone vacanze! • Have a nice holiday!

Dal 10 al 23 agosto il Centro sarà chiuso. Dal 24 al 28 agosto sarà aperto dalle 13.00 alle 17.00. The Centro will be closed from August 10th till August 23rd.  From August 24th till August 28th it will be open from 13.00 to 17.00.


Read More...

Risparmiatori, classe media: si torna a guardare al futuro

Presentata il 21 luglio al Grattacielo Intesa SanPaolo l'Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2015, un progetto del Centro Einaudi e di Intesa Sanpaolo, basato su interviste effettuate da Doxa.
Download Rapporto 
Comunicato Stampa / Focus sul Piemonte 
Sintesi ricerca/English version  


Read More...

Nuovo sito REScEU

Reconciling Economic and Social Europe: the role of ideas, values and politics - REScEU - è un progetto di ricerca quinquennale finanziato dal Consiglio europeo della ricerca (ERC) volto a indagare la complessa interazione tra due preziose eredità del XX secolo: il Welfare State e l'Unione Europea.


Read More...

Bdl / Call for papers 2015

The Bdl call for papers 2015 is open. Deadline for submission: December 31st, 2015.

Bando / Call


Read More...
0123

copertina ebook50 home

Le nostre testate

Biblioteca della libertà

 

Lettera economica

Fatturato e Utili in Europa

28/07/2015

Fatturato e Utili in Europa

Stefano Puppini

Working papers

 The Politics of Redistribution an Interdisciplinary Dialogue on the Foundations...

09/07/2015

The Politics of Redistribution an Interdisciplinary Dialogue on the Foundations...

The contributions to this working paper explore the foundations of the Welfare State, in particular...


Wasted compliance strategies? The policy-making styles of Hungary and Poland in ...

21/05/2015

Wasted compliance strategies? The policy-making styles of Hungary and Poland in ...

How does the policy-making process affect policy compliance? Analysing therelationship between policy outcomes and their...


Pubblicazioni

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2015

a cura di Giuseppe Russo

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2015

Risparmiatori, classe media: si torna a guardare al futuro. L'Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2015, a cura di Giuseppe Russo...

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

di AA.VV.

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi pubblica il Secondo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati i paper dei vincitori della seconda...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

 Immagine x sito

 

23 Maggio 2015

Presentazione XVI Rapporto Giorgio Rota su Torino

"La sfida metropolitana"

Bacheca

Austerità e crescita

Il Fondo Monetario Internazionale ha ancora una volta (1) sostenuto il piano di austerità del governo britannico. C’era molta apprensione a Londra nei giorni precedenti il verdetto, perché già l’austerità non è popolare, se in più lo sforzo non è riconosciuto a livello internazionale, restare in piedi è difficile.

Il Fondo invece ha detto che il piano funziona, pure se ha sottolineato che di crescita se ne vedrà ben poca, nel breve periodo, e per di più l’aumento dell’Iva ha generato un fenomeno inflattivo. Il cancelliere dello Scacchiere, George Osborne, è stato molto abile nell’appropriarsi dell’endorsement del Fondo, tanto che le sue doti politiche – di quello si trattava, di politica – sono state messe a fuoco dall’ultima column dell’Economist (2) dedicata al Regno Unito, con un avvertimento: attenzione, i cancellieri troppo politici se sbagliano pagano doppio. Ma al momento Osborne non appare preoccupato. O, meglio, non lo dà a vedere. Perché qualche elemento di preoccupazione esiste.

Non si tratta del coro di 52 economisti che ha detto al governo di cambiare direzione (3), ché così non si riesce a rilanciare l’economia, e di preparare subito un piano B. Jonathan Portes, direttore del National Institute of Economic and Social Research, che fino al febbraio scorso era il capo economista dell’ufficio del premier, ha detto rivolto a David Cameron: «La tua credibilità non cresce se continui a stare attaccato a una strategia che non funziona». John Muellbauer, professore a Oxford che l’anno scorso aveva dato il suo appoggio ai piani di tagli del governo, ora dice: «Le cose stanno andando malissimo». Qual è l’alternativa? Il gruppo di economisti vorrebbe un green new deal, «una politica industriale targhetizzata», più tasse, più potere ai lavoratori, cioè più o meno un ritorno alle politiche degli anni Settanta.

Anche in questo contesto, il problema è sempre lo stesso: la crescita. Come ha spiegato il Wall Street Journal (4), gli economisti fanno i novelli keynesiani, ma lo sbaglio di Cameron non è nei tagli, bensì nella mancanza di politiche di crescita definite. È vero che un rilancio c’è già stato, il Regno Unito non sta facendo la fine di Grecia o Portogallo, ma l’austerità e basta non servirà a crescere. E, così facendo, l’economia britannica non sarà solida per ancora un bel pezzo.

(1) http://www.imf.org/external/np/ms/2011/060611.htm

(2) http://www.economist.com/node/18806282?story_id=18806282&CFID=171955208&CFTOKEN=63617277

(solo a pagamento)

(3) http://www.guardian.co.uk/politics/2011/jun/04/george-osborne-plan-not-working

(4) http://online.wsj.com/article/SB10001424052702304432304576371123194578748.html?KEYWORDS=osborne




Commenti

Comments are now closed for this entry