Nuovo sito REScEU

Reconciling Economic and Social Europe: the role of ideas, values and politics - REScEU - è un progetto di ricerca quinquennale finanziato dal Consiglio europeo della ricerca (ERC) volto a indagare la complessa interazione tra due preziose eredità del XX secolo: il Welfare State e l'Unione Europea.


Read More...

Una proposta di metodo per misurare le performance di progetti sociali complessi

Il nuovo Working Paper 2Wel di Daniele Checchi, Claudio Gianesin, Samuele Poy è disponibile online.  

 


Read More...

Online il numero 212 di Biblioteca della libertà

Europa al bivio è il titolo del nuovo fascicolo di Biblioteca della libertà, appena pubblicato.  


Read More...

La sfida metropolitana

Presentato sabato 23 maggio il XVI Rapporto «Giorgio Rota» su Torino, disponibile online.

Locandina Video


Read More...

Bdl / Call for papers 2015

The Bdl call for papers 2015 is open. Deadline for submission: December 31st, 2015.

Bando / Call


Read More...
012345

copertina ebook50 home

Le nostre testate

Biblioteca della libertà

 

Agenda Liberale

UNDER CONSTRUCTION

11/03/2015

UNDER CONSTRUCTION

Per il rinnovo della linea editoriale sono sospese temporamente le pubblicazioni di Agenda Liberale

Lettera economica

Attivi o Passivi

02/07/2015

Attivi o Passivi

Stefano Puppini

La Grecia – parlando a cena / II

02/07/2015

La Grecia – parlando a cena / II

Giorgio Arfaras

Grecia Europa: colpo di scena

28/06/2015

Grecia Europa: colpo di scena

Giorgio Arfaras

Pubblicazioni

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

di AA.VV.

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi pubblica il Secondo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati i paper dei vincitori della seconda...

Un disperato bisogno di crescere

a cura di Mario Deaglio

Un disperato bisogno di crescere

Contributi di Giovanni B. Andornino, Giorgio Arfaras, Anna Caffarena, Anna Lo Prete, Paolo Migliavacca, Anna Paola Quaglia, Giuseppe Russo. Presentazione di Franco Polotti. Realizzato...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

 Immagine x sito

 

23 Maggio 2015

Presentazione XVI Rapporto Giorgio Rota su Torino

"La sfida metropolitana"

Bacheca

La colpa è del bancomat

I bancomat stanno uccidendo la ripresa dell’economia americana? Da giorni i commentatori non fanno che porsi questa domanda, apparentemente stupida, ma in fondo non tanto. Tutto è nato da una dichiarazione del presidente Barack Obama durante un’intervista alla Nbc (1).


«Ci sono alcune questioni strutturali che riguardano la nostra economia, che riguardano il fatto che alcuni settori sono diventati molto più efficienti impiegando meno lavoratori. Lo vedi quando vai in una banca e usi l’Atm (il punto bancomat, n.d.r.), non ti rivolgi a un impiegato; oppure quando vai all’aeroporto e fai il check-in elettronicamente e non al gate».
 
Con la consueta strumentalizzazione della destra, è partito un dibattito sull’antico tema «le macchine tolgono lavoro alle persone o le rendono più produttive?», che è ormai letteratura – su Twitter se n’è parlato parecchio, con ironia (2). Molti hanno scritto che l’esempio dell’Atm non è calzante, visto che questi macchinari esistono ormai da anni e anni, ma che è vero, l’investimento in hardware da parte delle aziende limita sempre di più l’assunzione di persone (3) – come è noto, la creazione di posti di lavoro è cruciale per la ripresa, e anche per la rielezione del presidente Obama.
 
Will Wilkinson dell’Economist spiega, dati alla mano, che i lavoratori non qualificati sono comunque in pericolo, indipendentemente dall’Atm (4). Due commentatori conservatori invece prendono la palla al balzo per dire che Obama scarica le sue responsabilità (5) e che magari l’Atm c’entra nel dibattito, ma riguarda la contingenza e non le «questioni strutturali» cui accennava Obama (6).

Con tutta probabilità Obama cercava soltanto di spiegare che tra recessione e investimenti in capitale, e non in lavoro, la ripartenza può essere più lenta. Ma il problema è un altro: la strategia adottata finora di stimolo all’economia non ha funzionato. Neppure la debolezza del dollaro, attuata per rendere più competitiva la produzione americana, ha funzionato. Riportare il dibattito a un tema buono per gli anni Ottanta – i bancomat! – non aiuterà l’Amministrazione a trovare una nuova formula per far scendere sotto una soglia elettoralmente accettabile il tasso di disoccupazione.


(1) http://www.shallownation.com/2011/06/14/president-obama-today-show-video-june-14-2011-interview-with-ann-curry/

(2) https://twitter.com/#!/search/%23atmfacts

(3) http://nymag.com/daily/intel/2011/06/does_president_obama_want_to_l.html

(4) http://www.economist.com/blogs/democracyinamerica/2011/06/technology-and-unemployment

(5) http://www.humanevents.com/article.php?id=44180

(6) http://www.nationalreview.com/corner/269632/atms-and-automation-jonah-goldberg

Commenti

Comments are now closed for this entry

Diventa nostro amico su Facebook

Prossimi eventi

06 Lug
Camera di Commercio - Torino

Ricerche e Progetti

 
logo RGR medio 
 
La sfida metropolitana

 Presentato sabato 23 maggio
il XVI Rapporto «Giorgio Rota» su Torino
disponibile online