Buone vacanze! • Have a nice holiday!

Dal 10 al 23 agosto il Centro sarà chiuso. Dal 24 al 28 agosto sarà aperto dalle 13.00 alle 17.00. The Centro will be closed from August 10th till August 23rd.  From August 24th till August 28th it will be open from 13.00 to 17.00.


Read More...

Risparmiatori, classe media: si torna a guardare al futuro

Presentata il 21 luglio al Grattacielo Intesa SanPaolo l'Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2015, un progetto del Centro Einaudi e di Intesa Sanpaolo, basato su interviste effettuate da Doxa.
Download Rapporto 
Comunicato Stampa / Focus sul Piemonte 
Sintesi ricerca/English version  


Read More...

Nuovo sito REScEU

Reconciling Economic and Social Europe: the role of ideas, values and politics - REScEU - è un progetto di ricerca quinquennale finanziato dal Consiglio europeo della ricerca (ERC) volto a indagare la complessa interazione tra due preziose eredità del XX secolo: il Welfare State e l'Unione Europea.


Read More...

Bdl / Call for papers 2015

The Bdl call for papers 2015 is open. Deadline for submission: December 31st, 2015.

Bando / Call


Read More...
0123

copertina ebook50 home

Le nostre testate

Biblioteca della libertà

 

Lettera economica

La caduta di agosto

29/08/2015

La caduta di agosto

Giorgio Arfaras

La fine dei paradisi fiscali II

28/08/2015

La fine dei paradisi fiscali II

Alessandro Samari

Working papers

 The Politics of Redistribution an Interdisciplinary Dialogue on the Foundations...

09/07/2015

The Politics of Redistribution an Interdisciplinary Dialogue on the Foundations...

The contributions to this working paper explore the foundations of the Welfare State, in particular...


Wasted compliance strategies? The policy-making styles of Hungary and Poland in ...

21/05/2015

Wasted compliance strategies? The policy-making styles of Hungary and Poland in ...

How does the policy-making process affect policy compliance? Analysing therelationship between policy outcomes and their...


Pubblicazioni

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2015

a cura di Giuseppe Russo

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2015

Risparmiatori, classe media: si torna a guardare al futuro. L'Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2015, a cura di Giuseppe Russo...

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

di AA.VV.

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi pubblica il Secondo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati i paper dei vincitori della seconda...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

 Immagine x sito

 

23 Maggio 2015

Presentazione XVI Rapporto Giorgio Rota su Torino

"La sfida metropolitana"

Bacheca

Tea Party per tutti

Anche i liberal vogliono i loro Tea Party, quel movimento «dal basso» che raccoglie la pancia dell’elettorato repubblicano e indipendente, stanco delle guerre, di Washington, dei «socialisti». Dei Tea Party liberal ovviamente, uguali e contrari.

Per questo si è attivato Van Jones, contestatissimo esperto di cambiamenti climati che era stato reclutato dall’Amministrazione Obama ma poi era risultato troppo radicale e quindi era stato allontanato. Jones è uno che sa come attivare le piazze, e ha fondato The American Dream Movement con l’obiettivo di difendere il sogno americano (1) da personaggi come Chris Christie, vittorioso governatore del New Jersey alle prese con tagli vertiginosi (2).

Il movimento è stato lanciato a New York giovedì 23 giugno (3), e a ottobre ci sarà una grande conferenza «per riprendersi il sogno americano» (4). Nel frattempo tutta la rete di sindacati e grass roots sono mobilitati in tutti gli stati a partire dal Wisconsin, in cui i benefici statali vengono tagliati dall’accetta di governatori repubblicani. Ascoltando economisti e attivisti, Jones vuole scrivere un «Contratto per il sogno americano» sulla falsariga di quel «Contratto con l’America» che nel 1994 portò i repubblicani a stravincere le elezioni di mid-term al Congresso. Partecipano tutti i politici o ex politici come Howard Dean, candidato alle primarie democratiche nel 2004, che rappresentano l’ala liberal del Partito democratico e che non hanno mai gradito le politiche centriste che anche Obama, nonostante le aspettative e nonostante i voli retorici, sta perseguendo.

Il denominatore comune del movimento è quindi: non ci piace il dibattito che c’è a Washington (come i Tea Party) e nemmeno le soluzioni al vaglio degli attuali congressmen (come i Tea Party). Secondo Jones, il vento è cambiato: gli americani non sono più disposti ad accettare altri sacrifici (e pensare che ancora non è stato attuato granché) e vogliono che lo stato aiuti loro piuttosto che le banche. Ma che questo sentimento si trasformi in una forza politica, come è accaduto con i Tea Party, è ancora tutto da vedere (5).

 

(1) http://www.huffingtonpost.com/van-jones/american-dream-movement_b_826477.html

(2) http://www.courierpostonline.com/article/20110624/NEWS01/106240344/Despite-union-protests-benefits-bill-advances-heads-Gov-Christie-s-desk

(3) http://www.thenation.com/blog/161617/van-jones-previews-american-dream-movement

(4) http://ourfuture.org/news-release/2011052016/take-back-american-dream-conference-oct-3-5

(5) http://www.washingtonpost.com/blogs/the-fix/post/can-liberals-start-their-own-tea-party/2011/06/22/AGTWYthH_blog.html?tid=sm_twitter_washingtonpost


 

Commenti

Comments are now closed for this entry