Buone vacanze! • Have a nice holiday!

Dal 10 al 23 agosto il Centro sarà chiuso. Dal 24 al 28 agosto sarà aperto dalle 13.00 alle 17.00. The Centro will be closed from August 10th till August 23rd.  From August 24th till August 28th it will be open from 13.00 to 17.00.


Read More...

Risparmiatori, classe media: si torna a guardare al futuro

Presentata il 21 luglio al Grattacielo Intesa SanPaolo l'Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2015, un progetto del Centro Einaudi e di Intesa Sanpaolo, basato su interviste effettuate da Doxa.
Download Rapporto 
Comunicato Stampa / Focus sul Piemonte 
Sintesi ricerca/English version  


Read More...

Nuovo sito REScEU

Reconciling Economic and Social Europe: the role of ideas, values and politics - REScEU - è un progetto di ricerca quinquennale finanziato dal Consiglio europeo della ricerca (ERC) volto a indagare la complessa interazione tra due preziose eredità del XX secolo: il Welfare State e l'Unione Europea.


Read More...

Bdl / Call for papers 2015

The Bdl call for papers 2015 is open. Deadline for submission: December 31st, 2015.

Bando / Call


Read More...
0123

copertina ebook50 home

Le nostre testate

Biblioteca della libertà

 

Lettera economica

La caduta di agosto

29/08/2015

La caduta di agosto

Giorgio Arfaras

La fine dei paradisi fiscali II

28/08/2015

La fine dei paradisi fiscali II

Alessandro Samari

Working papers

 The Politics of Redistribution an Interdisciplinary Dialogue on the Foundations...

09/07/2015

The Politics of Redistribution an Interdisciplinary Dialogue on the Foundations...

The contributions to this working paper explore the foundations of the Welfare State, in particular...


Wasted compliance strategies? The policy-making styles of Hungary and Poland in ...

21/05/2015

Wasted compliance strategies? The policy-making styles of Hungary and Poland in ...

How does the policy-making process affect policy compliance? Analysing therelationship between policy outcomes and their...


Pubblicazioni

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2015

a cura di Giuseppe Russo

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2015

Risparmiatori, classe media: si torna a guardare al futuro. L'Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2015, a cura di Giuseppe Russo...

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

di AA.VV.

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi pubblica il Secondo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati i paper dei vincitori della seconda...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

 Immagine x sito

 

23 Maggio 2015

Presentazione XVI Rapporto Giorgio Rota su Torino

"La sfida metropolitana"

Bacheca

La coscienza della crisi arriva in Gran Bretagna

I commentatori rubricano la questione dicendo: «A parte Murdoch, parte prima». Perché la scena britannica è monopolizzata dalla crisi dell’impero mediatico di News International, e quel che soltanto dieci giorni fa sembrava destinato a determinare le sorti del governo per sempre è diventato secondario. Ma, all’ombra dello scandalo che ha sconvolto tutto il sistema britannico, la settimana economica del Regno Unito è stata un mezzo disastro.

Mentre il Fondo Monetario sottolineava – se mai ce ne fosse ulteriore bisogno – che le montagne di debito tra Europa e America rallentano la ripartenza (1), uscivano i dati aggiornati della situazione britannica. Secondo lo studio dell’Office for Budget Responsibility (2), il debito inglese potrà passare in cinquant’anni dal 70% del Pil al 100% almeno. Come accade nella Vecchia Europa, anche Londra soffrirà soprattutto per le ripercussioni fiscali che derivano dall’invecchiamento della popolazione – le spese per le pensioni e per la sanità (la riforma del sistema sanitario rappresenta una delle grandi retromarce del governo Cameron: doveva essere radicalmente meritocratica, è diventata terreno di negoziato con i compagni di governo, i liberaldemocratici).

La spesa sanitaria passerà dal 7,4% del Pil al 9,8; le pensioni passeranno dal 5,5% del Pil al 7,9. Se gli interessi per ripagare il debito passeranno dal 2,8% al 4,5, i calcoli sono presto fatti. Come accade nel dibattito americano, è necessario guardare al lungo termine: fare accordi nel breve, con un’ottica di consenso politico, non aiuta la ripresa, né la aiuterà in futuro. Ci vogliono progetti.

Ma la crisi dell’eurozona non aiuta a pensare in grande. Nonostante l’intrinseco euroscetticismo degli inglesi, in continuo aumento peraltro (3), anche il cancelliere dello Scacchiere, George Osborne, ha dovuto ammettere che ci vogliono azioni coordinate in tutta Europa se si vuole uscire dalla crisi – finora il Regno Unito ha tenuto la linea thatcheriana del «non vi daremo un soldo d’aiuto». Il timore di contagio – con le agenzie di rating sempre pronte a far tremare anche i cuori più saldi – è arrivato fino a Londra, dove l’austerità deve ancora mostrare il suo volto più duro, ma già si sa che non è, non sarà sufficiente.

(1) http://www.thetimes.co.uk/tto/business/economics/article3094936.ece

(2) http://budgetresponsibilty.independent.gov.uk/pubsFSR2011.pdf

(3) http://www.politicshome.com

Commenti

Comments are now closed for this entry