Il bilancio delle risorse per il Piemonte: recuperare il federalismo fiscale per tornare a crescere

Presentata il 10 settembre, la ricerca di Giuseppe Russo, Lucia Quaglino, Massimo Occhiena, Marco Orlando svolta dal Centro Einaudi in collaborazione con la Camera di Commercio di Torino.
Download Ricerca
Slides Occhiena  -  Slides Orlando -  Slides Russo   


Read More...

Primo Rapporto "Giorgio Rota" su Napoli

Ci vuole una terra per vedere il mare è il titolo del primo Rapporto "Giorgio Rota" su Napoli, presentato all'Unione Industriali di Napoli.


Read More...

Famiglie e imprenditori, ripresa in arrivo

Presentata il 2 luglio l'Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2014, un progetto del Centro Einaudi e di Intesa Sanpaolo, basato su interviste effettuate da Doxa fra gennaio e febbraio 2014 a 1.061 capifamiglia, correntisti bancari e/o postali. 


Read More...

XV Rapporto "Giorgio Rota" su Torino

"Semi di fiducia" è il titolo del  Quindicesimo Rapporto "Giorgio Rota" su Torino.


Read More...
0123

Le nostre testate

Agenda liberale

Scendere a patti con Assad?

01/10/2014

Scendere a patti con Assad?

di Francesco Chiamulera

Costi, ma quanto mi costi?

26/09/2014

Costi, ma quanto mi costi?

di Giuseppe Russo

Lettera economica

Che cosa direbbero gli Austriaci?

02/10/2014

Che cosa direbbero gli Austriaci?

di Giorgio Arfaras

Calpers

02/10/2014

Calpers

di Stefano Puppini

Petrologia - quarta parte

02/10/2014

Petrologia - quarta parte

di Antonio Picasso

Pubblicazioni

Il bilancio delle risorse per il Piemonte: recuperare il federalismo fiscale per tornare a crescere

Il bilancio delle risorse per il Piemonte: recuperare il federalismo fiscale per tornare a crescere

La ricerca di Giuseppe Russo, Lucia Quaglino, Massimo Occhiena, Marco Orlando svolta dal Centro Einaudi in collaborazione con la CCIAA di Torino.

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2014

a cura di Giuseppe Russo

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2014

Famiglie e imprenditori, ripresa in arrivo. L'Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2014, a cura di Giuseppe Russo e svolta in...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

VIDEO  XV

 

7 giugno 2014 - Presentazione XV Rapporto "Giorgio Rota " su Torino

"Semi di Fiducia"

 

 

 

 

La crisi europea negli USA

Il presidente americano, Barack Obama, non perde occasione per ripetere agli europei che ci vuole una forte volontà politica per salvare euro ed Europa, le soluzioni tecniche non bastano. La sollecitudine di Obama non è certo dettata da sincera preoccupazione: il contagio negli Stati Unitisarebbe la fine per la ripresa americana, e metterebbe a repentaglio la rielezione del presidente nel novembre del prossimo anno.

Già la situazione interna all’America non è rosea, se si pensa che il Congresso ha dato di nuovo prova di poca lungimiranza economica e di grande stizza politica, fallendo gli obiettivi della supercommissione per il deficit. Il contagio europeo sarebbe fatale, come ha detto senza troppi giri di parole il capo degli economisti della Casa Bianca Alan Krueger (1), che ha definito la crisi europea “il rischio più grande” che minaccia la ripresa americana.

“Il 20 per cento delle nostre esportazioni vanno in Europa – ha detto Krueger – di cui il 15 nella zona euro. Una delle ragioni per cui la legge contro la disoccupazione sia una buona medicina è perché fornisce qualche garanzia contro l’indebolimento della domanda nei paesi in cui esportiamo”.

Il tasso di disoccupazione non scenderà se non si continuerà a vendere all’estero – Obama addirittura vorrebbe raddoppiare le esportazioni statunitensi entro il 2014. Per sostenere l’Europa, Washington è disposta a tutto. Il segretario al Tesoro, Tim Geithner, è entrato nel dibattito sul ruolo della Banca centrale europea che gli americani ora vorrebbero molto più simile alla loro Fed. “Ci sono molti modi per la Bce per giocare un ruolo di sostegno più efficace nel risolvere la crisi senza violare i limiti d’indipendenza che anche noi rispettiamo”. Se non può fare il prestatore di ultima istanza, insomma, si metta a comprare titoli sul mercato secondario con maggiore vigore, almeno finché l’ostinazione tedesca non vacillerà (e molti scommettono che lo farà).

L’altra via di contagio è quella delle banche. Mentre gli istituti del sud Europa vedono ridursi gli investimenti, la Federal Reserve ha annunciato stress test tostissimi sulle banche americane (2). Lo scenario prevede un tasso di disoccupazione al 13 per cento in America (scenario apocalittico in cui il presidente non sarebbe nemmeno Obama) e un crollo del 6,9 per cento del pil dell’Eurozona. Il solo annuncio da parte della Fed ha fatto crollare i titoli dei principali istituti americani, a dimostrazione del fatto che con tutta probabilità non sono pronti a sostenere un’eventualità tanto catastrofica.

E mentre lo storico Niall Ferguson immagina un’Europa nel 2021 in cui tutti gli europei faranno i giardineri nelle case dei tedeschi (3), uno studioso di Princeton (4) spiega per filo e per segno come l’euro soffocherà anche l’America, le banche sono già state contagiate, la via di scampo è quasi impraticabile.

  1. http://www.reuters.com/article/2011/11/15/us-usa-economy-krueger-idUSTRE7AE16C20111115

  2. http://www.ft.com/intl/cms/s/0/9858e88e-15e0-11e1-8db8-00144feabdc0.html

  1. http://online.wsj.com/article/SB10001424052970203699404577044172754446162.html?mod=googlenews_wsj

  2. http://motherjones.com/kevin-drum/2011/11/how-deleveraging-europe-might-doom-us

Commenti

Diventa nostro amico su Facebook

Prossimi eventi

29 Ott
Ires Piemonte - Sala Conferenza - Torino

Ricerche e Progetti

 

 
 
logo RGR medio 
 
I Rapporto "Giorgio Rota" su Napoli
 
XV Rapporto "Giorgio Rota" su Torino