Liberalism and the Principle of Difference: Rawls Tested by Larmore’s Theory. Part II

Alberto De Luigi è l'autore dell'ultimo paper LPF della serie Political Philosophy, appena uscito.


Read More...

Free Speech. Meriti, limiti, dilemmi

Pubblicato il n. 211 di «Biblioteca della libertà», a cura e introduzione di Beatrice Magni. Editoriale di Salvatore Carrubba. Saggi di Michele Bocchiola, Luca Mori, Silvia Godano, Franco Manti, Paola Premolli De Marchi, Margarite Helena Zoeteweij-Turhan, Giuseppe Vaciago.


Read More...

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro Einaudi pubblica il Secondo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati i paper dei vincitori della seconda edizione 2013 del Giorgio Rota Best Paper Award sul tema Creative Entrepreneurship and New Media: Alessandro Gandini, Fania Valeria Michelucci, Giovanna Santanera. Presentazione di Mario Deaglio.


Read More...

Scuola di Liberalismo 2015

Dal 17 febbraio al 14 aprile, al Centro Einaudi, in collaborazione con gli Amici della Fondazione Einaudi e l'Ora Libera(le). Lezioni di Giandomenico Barcellona, Rosamaria Bitetti, Marco Bollettino, Riccardo De Caria, Luca Ferrini, Valerio Gigliotti, Kishore Jayabalan, Davide Meinero, Pietro Paganini, Emilia Sarogni, Roberto Francesco Scalon, Paolo Silvestri, Francesco Tuccari, Valerio Zanone e Giacomo Zucco.

Locandina Video ciclo incontri


Read More...

Bdl / Call for papers 2015

The Bdl call for papers 2015 is open. Deadline for submission: December 31st, 2015.

Bando / Call


Read More...

Giorgio Rota Best Paper Award

The Centro Einaudi launches the 3rd annual Giorgio Rota Best Paper Award.


Read More...
012345

copertina ebook50 home

Le nostre testate

Agenda liberale

Se si votasse oggi in Gran Bretagna

04/03/2015

Se si votasse oggi in Gran Bretagna

di Francesco Chiamulera

Obama e la risposta dei democratici al terrorismo

25/02/2015

Obama e la risposta dei democratici al terrorismo

di Anthony Louis Marasco

Lettera economica

L'illusione della certezza

03/03/2015

L'illusione della certezza

di Giorgio Arfaras

Asset Allocation febbraio 2015 - nota

27/02/2015

Asset Allocation febbraio 2015 - nota

di Giorgio Arfaras

L'Italia nelle classifiche / III

27/02/2015

L'Italia nelle classifiche / III

di Stefano Puppini

Pubblicazioni

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

di AA.VV.

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi pubblica il Secondo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati i paper dei vincitori della seconda...

Un disperato bisogno di crescere

a cura di Mario Deaglio

Un disperato bisogno di crescere

Contributi di Giovanni B. Andornino, Giorgio Arfaras, Anna Caffarena, Anna Lo Prete, Paolo Migliavacca, Anna Paola Quaglia, Giuseppe Russo. Presentazione di Franco Polotti. Realizzato...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

La crisi europea negli USA

Il presidente americano, Barack Obama, non perde occasione per ripetere agli europei che ci vuole una forte volontà politica per salvare euro ed Europa, le soluzioni tecniche non bastano. La sollecitudine di Obama non è certo dettata da sincera preoccupazione: il contagio negli Stati Unitisarebbe la fine per la ripresa americana, e metterebbe a repentaglio la rielezione del presidente nel novembre del prossimo anno.

Già la situazione interna all’America non è rosea, se si pensa che il Congresso ha dato di nuovo prova di poca lungimiranza economica e di grande stizza politica, fallendo gli obiettivi della supercommissione per il deficit. Il contagio europeo sarebbe fatale, come ha detto senza troppi giri di parole il capo degli economisti della Casa Bianca Alan Krueger (1), che ha definito la crisi europea “il rischio più grande” che minaccia la ripresa americana.

“Il 20 per cento delle nostre esportazioni vanno in Europa – ha detto Krueger – di cui il 15 nella zona euro. Una delle ragioni per cui la legge contro la disoccupazione sia una buona medicina è perché fornisce qualche garanzia contro l’indebolimento della domanda nei paesi in cui esportiamo”.

Il tasso di disoccupazione non scenderà se non si continuerà a vendere all’estero – Obama addirittura vorrebbe raddoppiare le esportazioni statunitensi entro il 2014. Per sostenere l’Europa, Washington è disposta a tutto. Il segretario al Tesoro, Tim Geithner, è entrato nel dibattito sul ruolo della Banca centrale europea che gli americani ora vorrebbero molto più simile alla loro Fed. “Ci sono molti modi per la Bce per giocare un ruolo di sostegno più efficace nel risolvere la crisi senza violare i limiti d’indipendenza che anche noi rispettiamo”. Se non può fare il prestatore di ultima istanza, insomma, si metta a comprare titoli sul mercato secondario con maggiore vigore, almeno finché l’ostinazione tedesca non vacillerà (e molti scommettono che lo farà).

L’altra via di contagio è quella delle banche. Mentre gli istituti del sud Europa vedono ridursi gli investimenti, la Federal Reserve ha annunciato stress test tostissimi sulle banche americane (2). Lo scenario prevede un tasso di disoccupazione al 13 per cento in America (scenario apocalittico in cui il presidente non sarebbe nemmeno Obama) e un crollo del 6,9 per cento del pil dell’Eurozona. Il solo annuncio da parte della Fed ha fatto crollare i titoli dei principali istituti americani, a dimostrazione del fatto che con tutta probabilità non sono pronti a sostenere un’eventualità tanto catastrofica.

E mentre lo storico Niall Ferguson immagina un’Europa nel 2021 in cui tutti gli europei faranno i giardineri nelle case dei tedeschi (3), uno studioso di Princeton (4) spiega per filo e per segno come l’euro soffocherà anche l’America, le banche sono già state contagiate, la via di scampo è quasi impraticabile.

  1. http://www.reuters.com/article/2011/11/15/us-usa-economy-krueger-idUSTRE7AE16C20111115

  2. http://www.ft.com/intl/cms/s/0/9858e88e-15e0-11e1-8db8-00144feabdc0.html

  1. http://online.wsj.com/article/SB10001424052970203699404577044172754446162.html?mod=googlenews_wsj

  2. http://motherjones.com/kevin-drum/2011/11/how-deleveraging-europe-might-doom-us

Commenti

Diventa nostro amico su Facebook

Prossimi eventi

Ricerche e Progetti

 
logo RGR medio 
 
 Non tutte le strade portano a Roma
Il I Rapporto "Giorgio Rota"
sull'innovazione territoriale sostenibile nel Lazio