Verso il Rapporto 2015 sull'economia globale e l'Italia

Il Convegno, organizzato da Centro Einaudi, IAI e UBI Banca, si terrà a Roma il prossimo 20 maggio. Save the Date


Read More...

Le radici del pensiero libertario contemporaneo

Il primo seminario del ciclo avrà come relatore Marco Bassani dell'Università di Milano. Centro Einaudi, 21 maggio 2015.

Locandina


Read More...

Giornata Nazionale della Previdenza

Incontro organizzato dal Laboratorio di ricerca “Percorsi di secondo welfare” del Centro Einaudi di Torino e da SRM‐Studi e Ricerche per il Mezzogiorno

Locandina


Read More...

La sfida metropolitana

Verrà presentato sabato 23 maggio il XVI Rapporto «Giorgio Rota» su Torino.

Locandina


Read More...

Scuola di Liberalismo 2015

Dal 17 febbraio al 14 aprile, al Centro Einaudi, in collaborazione con gli Amici della Fondazione Einaudi e l'Ora Libera(le). Lezioni di Giandomenico Barcellona, Rosamaria Bitetti, Marco Bollettino, Riccardo De Caria, Luca Ferrini, Valerio Gigliotti, Kishore Jayabalan, Davide Meinero, Pietro Paganini, Emilia Sarogni, Roberto Francesco Scalon, Paolo Silvestri, Francesco Tuccari, Valerio Zanone e Giacomo Zucco.

Locandina Video ciclo incontri


Read More...

Bdl / Call for papers 2015

The Bdl call for papers 2015 is open. Deadline for submission: December 31st, 2015.

Bando / Call


Read More...

Sostenete il nostro programma di borse di studio

Da cinquant’anni il Centro forma giovani studiosi che proseguono le loro carriere avendo imparato che, come insegnava Luigi Einaudi, occorre "conoscere per deliberare". L'Italia ha bisogno di giovani capaci di esercitare il pensiero critico e di guardare ai problemi con un approccio multidisciplinare. Il 5 per mille al Centro Einaudi è un'opportunità in più per loro.


Read More...
0123456

copertina ebook50 home

Le nostre testate

Agenda Liberale

UNDER CONSTRUCTION

11/03/2015

UNDER CONSTRUCTION

Per il rinnovo della linea editoriale sono sospese temporamente le pubblicazioni di Agenda Liberale

Lettera economica

La bolla cinese

24/04/2015

La bolla cinese

Giorgio Arfaras

Incertezza e crescita

24/04/2015

Incertezza e crescita

Stefano Puppini

Asset Allocation - Aprile 2015

22/04/2015

Asset Allocation - Aprile 2015

Giorgio Arfaras

Pubblicazioni

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

di AA.VV.

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi pubblica il Secondo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati i paper dei vincitori della seconda...

Un disperato bisogno di crescere

a cura di Mario Deaglio

Un disperato bisogno di crescere

Contributi di Giovanni B. Andornino, Giorgio Arfaras, Anna Caffarena, Anna Lo Prete, Paolo Migliavacca, Anna Paola Quaglia, Giuseppe Russo. Presentazione di Franco Polotti. Realizzato...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

Bacheca

  • TOChina Summer School 2015

    Online applications are open for the TOChina Summer School (9th edition), running from June 29 to July 10, 2015, in Torino. Call for Applications

  • Politiche Sociali / Social Policies (il Mulino)

    Call for papers                                                                        Abstract Submission: Deadline 30 June 2015 / Manuscript Submission: Deadline 30 November 2015.                                                                                                                                                              Call

La percezione del peso del petrolio

Quelli che si meravigliano perché non è ancora successo nulla con il barile di petrolio che è passato da 20 a 100 dollari in un decennio, dovrebbero guardare questi grafici della casa di ricerca Bank Credit Analyst. A. Si calcola la spesa per il petrolio, moltiplicando il prezzo medio del barile in un anno per il numero di barili consumati nello stesso anno.

Si mette poi il tutto in rapporto al prodotto interno lordo mondiale. Il grafico superiore. B. Si prende la variazione della spesa per il petrolio (moltiplicando il prezzo medio del barile di un anno per il numero di barili consumati nello stesso anno). Si calcola poi quanto questa spesa sia cambiata in rapporto all’economia. Ossia si prende la variazione della spesa (calcolata come sopra, quindi la spesa di un anno, T, diviso per la spesa di quello precedente, T-1) e la si divide per il prodotto interno lordo mondiale di quell’anno, T.

Nel grafico superiore abbiamo il peso della spesa petrolifera, in quello inferiore abbiamo quindi la sua variazione. La crisi del 1973 e quella del 1980 furono dei veri shock, ossia furono delle vere variazione improvvise e dei termini della questione. La variazione della spesa per il petrolio fu immediatamente pari ad oltre il 2% del PIL (grafico inferiore). Di conseguenza, con due shock nell’ordine di più del 2%, si arrivò velocemente ad una spesa complessiva sul PIL mondiale del 6% (grafico superiore). Negli ultimi anni shock sono stati tanti, ma tutti di modesta entità, si vedano gli istogrammi a destra del grafico inferiore. La crescita della spesa petrolifera sul PIL si sta però avvicinando lo stesso al picco del 1980. Nel 2008, se il prezzo si mantiene sui 100 dollari, saremo abbondantemente sopra il picco relativo del 1973, ed alla pari col picco assoluto del 1980. Altrimenti, con i prezzi intorno a quelli medi del 2007, saremo ancora al livello del 1973 e quindi sotto quello del 1980.

Questo modo di ragionare è migliore di quello che guarda il solo prezzo del barile, che, quando tocca i 100 dollari, fa tanta paura e quando scende rasserena. Esso mostra che abbiamo avuto tanti piccoli shock, quindi poco visibili se presi isolatamente, che non hanno spaventato, come invece accadde nel 1973 e poi nel 1980. Esso mostra anche che ora, dopo tanti piccoli passi, abbiamo un risultato finale molto simile a quello che alberga nella memoria collettiva (dei meno giovani). I paesi che consumano meno energia di un tempo, come il Giappone e l’Europa, non dovrebbero avere dei gran problemi nel prossimo futuro. I paesi che consumano molta energia, come quelle emergenti, potrebbero invece averli.
  
295

Commenti

Diventa nostro amico su Facebook

Ricerche e Progetti

 
logo RGR medio 
 
La sfida metropolitana

Verrà presentato sabato 23 maggio
il XVI Rapporto «Giorgio Rota» su Torino