Free Speech. Meriti, limiti, dilemmi / Seminario

Lunedì 30 marzo alle ore 15, al Centro Einaudi, in occasione della pubblicazione del numero 211 di Biblioteca della libertà, la curatrice Beatrice Magni ne discute con Corrado Del Bò, Marco Orofino, Mauro Piras.

Locandina


Read More...

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro Einaudi pubblica il Secondo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati i paper dei vincitori della seconda edizione 2013 del Giorgio Rota Best Paper Award sul tema Creative Entrepreneurship and New Media: Alessandro Gandini, Fania Valeria Michelucci, Giovanna Santanera. Presentazione di Mario Deaglio.


Read More...

Scuola di Liberalismo 2015

Dal 17 febbraio al 14 aprile, al Centro Einaudi, in collaborazione con gli Amici della Fondazione Einaudi e l'Ora Libera(le). Lezioni di Giandomenico Barcellona, Rosamaria Bitetti, Marco Bollettino, Riccardo De Caria, Luca Ferrini, Valerio Gigliotti, Kishore Jayabalan, Davide Meinero, Pietro Paganini, Emilia Sarogni, Roberto Francesco Scalon, Paolo Silvestri, Francesco Tuccari, Valerio Zanone e Giacomo Zucco.

Locandina Video ciclo incontri


Read More...

Bdl / Call for papers 2015

The Bdl call for papers 2015 is open. Deadline for submission: December 31st, 2015.

Bando / Call


Read More...

Giorgio Rota Best Paper Award

On April 6th the 3rd Call will close.


Read More...
012345

copertina ebook50 home

Le nostre testate

Agenda Liberale

UNDER CONSTRUCTION

11/03/2015

UNDER CONSTRUCTION

Per il rinnovo della linea editoriale sono sospese temporamente le pubblicazioni di Agenda Liberale

Lettera economica

Un mondo nuovo? / II

26/03/2015

Un mondo nuovo? / II

Giorgio Arfaras

Appunti per investire / IV

20/03/2015

Appunti per investire / IV

Stefano Puppini

Asset Allocation marzo 2015

19/03/2015

Asset Allocation marzo 2015

Giorgio Arfaras

Pubblicazioni

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

di AA.VV.

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi pubblica il Secondo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati i paper dei vincitori della seconda...

Un disperato bisogno di crescere

a cura di Mario Deaglio

Un disperato bisogno di crescere

Contributi di Giovanni B. Andornino, Giorgio Arfaras, Anna Caffarena, Anna Lo Prete, Paolo Migliavacca, Anna Paola Quaglia, Giuseppe Russo. Presentazione di Franco Polotti. Realizzato...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

Un secolo di matrimoni

Tutti pensano che la flessione degli utili correnti sia un fatto acquisito. In molti pensano che, dopo la forte caduta degli utili che si avrà a partire dall’ultimo trimestre del 2007 fino al secondo trimestre del 2008, con la fine della crisi del settore finanziario, gli utili si riprenderanno. La conclusione allora è quella che dice che si tratta di aspettare un semestre che tutto un pò alla volta torna al punto di partenza.

Bene, sembra che tutto funzioni con i malanni che vengono saggiamente curati dalla politica monetaria aggressiva. Dietro questo ragionamento, molto convincente, ci sono delle sottigliezze, che meritano di essere analizzate.

Secondo il dottor Samuel Johnson, il secondo matrimonio è la vittoria della speranza sull’esperienza. Non vorremmo trovarci in questa situazione in fondo imbarazzante, la speranza suonando come una cosa per ingenui, e quindi andiamo subito a guardare i numeri dei matrimoni precedenti. Abbiamo i dati dal 1870 per quel che riguarda gli Stati Uniti e dal 1970 per quel che riguarda l’Europa. Si prendono gli utili al netto dell’inflazione e li si dispone nel tempo. La banca dati è dell’economista Shiller ed i conti sono stati fatti dalla Morgan Stanley Research.

Si dispone la crescita degli utili sull’asse del tempo. Si ottiene una curva zigzagante (gli utili variano di anno in anno), ma con una inclinazione positiva (il trend degli utili è quello di una loro crescita in termini assoluti). Fin qui, tutto è noto. Balza agli occhi che, ogniqualvolta la curva degli utili puntuali si discosta molto dal suo trend, essa torna sul trend. E questo è meno noto. Se è molto sopra essa scende, se è molto sotto sale. Insomma, gli utili puntuali regrediscono verso la loro media calcolata su molti anni. Osserviamo i numeri più recenti degli utili. Negli Stati Uniti sono sopra la media del 92%. Nel 2000 erano sopra “appena” del 56%. In Europa sono sopra la media del 82%. Nel 2000 erano sopra “solo” del 38%.

Uno potrebbe essere ben nervoso, guardando questi numeri e ricordando il passato più recente. Attenzione, alle anomalie. Negli ultimi anni quasi la metà degli utili delle imprese che compongono lo Standard & Poor’s 500 si è formata nel settore finanziario e petrolifero. Settori che hanno goduto di una crescita straordinaria, grazie allo sviluppo del debito delle famiglie ed alla crescita del prezzo delle materie prime energetiche. Dobbiamo tener conto di questa anomalia, per capire come mai gli utili puntuali sono finiti così lontano dalla media. Fatta la premessa che vi sono delle componenti eccezionali di notevole peso, non di meno la storia dei matrimoni precedenti dice che oggi siamo nella stessa situazione in cui ci si è trovati nel passato. Ad un periodo con gli utili molto al di sopra della media, segue un periodo con gli utili che scendono verso la media. Per scendere verso la media debbono cadere.

Possono cadere, come dice la serie storica, ed anche risalire, come dicono molti analisti, ed entrambi possono avere ragione. Sembra proprio un paradosso, ma non lo è, se si presta attenzione alla differenza fra numeri percentuali ed assoluti. Gli utili siano pari a 100 euro al 30 settembre 2007. Cadono del 50% ed arrivano a 50 euro. Poi rimbalzano dal 1 luglio 2008 del 10%. Sono passati a 55 euro. Se sono a 55 euro, sono ben sotto i 100 euro. Gli utili assoluti sono diventati modesti, e la serie storica ha funzionato. Il dottor Johnson è contento. Anche chi previsto il loro rimbalzo dirà che è stato bravo, perchè essi sono cresciuti proprio del 10%.

Commenti

Diventa nostro amico su Facebook

Prossimi eventi

30 Mar
Centro Einaudi - Torino

Ricerche e Progetti

 
logo RGR medio 
 
 Non tutte le strade portano a Roma
Il I Rapporto "Giorgio Rota"
sull'innovazione territoriale sostenibile nel Lazio