Nuovo sito REScEU

Reconciling Economic and Social Europe: the role of ideas, values and politics - REScEU - è un progetto di ricerca quinquennale finanziato dal Consiglio europeo della ricerca (ERC) volto a indagare la complessa interazione tra due preziose eredità del XX secolo: il Welfare State e l'Unione Europea.


Read More...

Una proposta di metodo per misurare le performance di progetti sociali complessi

Il nuovo Working Paper 2Wel di Daniele Checchi, Claudio Gianesin, Samuele Poy è disponibile online.  

 


Read More...

Online il numero 212 di Biblioteca della libertà

Europa al bivio è il titolo del nuovo fascicolo di Biblioteca della libertà, appena pubblicato.  


Read More...

La sfida metropolitana

Presentato sabato 23 maggio il XVI Rapporto «Giorgio Rota» su Torino, disponibile online.

Locandina Video


Read More...

Bdl / Call for papers 2015

The Bdl call for papers 2015 is open. Deadline for submission: December 31st, 2015.

Bando / Call


Read More...
012345

copertina ebook50 home

Le nostre testate

Biblioteca della libertà

 

Agenda Liberale

UNDER CONSTRUCTION

11/03/2015

UNDER CONSTRUCTION

Per il rinnovo della linea editoriale sono sospese temporamente le pubblicazioni di Agenda Liberale

Lettera economica

Attivi o Passivi

02/07/2015

Attivi o Passivi

Stefano Puppini

La Grecia – parlando a cena / II

02/07/2015

La Grecia – parlando a cena / II

Giorgio Arfaras

Grecia Europa: colpo di scena

28/06/2015

Grecia Europa: colpo di scena

Giorgio Arfaras

Pubblicazioni

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

di AA.VV.

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi pubblica il Secondo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati i paper dei vincitori della seconda...

Un disperato bisogno di crescere

a cura di Mario Deaglio

Un disperato bisogno di crescere

Contributi di Giovanni B. Andornino, Giorgio Arfaras, Anna Caffarena, Anna Lo Prete, Paolo Migliavacca, Anna Paola Quaglia, Giuseppe Russo. Presentazione di Franco Polotti. Realizzato...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

 Immagine x sito

 

23 Maggio 2015

Presentazione XVI Rapporto Giorgio Rota su Torino

"La sfida metropolitana"

Bacheca

La borsa è oggi più cara di sei mesi fa

Uno potrebbe dire che la borsa oggi è meno cara di quanto non fosse sei mesi fa. L’indice Standard & Poor’s 500 era in ottobre sopra i 1.500 punti, mentre oggi è sotto i 1.400 punti. Ma. Il prezzo di una azione è il flusso degli utili scontato con un tasso appropriato. A parità di fattore di sconto. Se gli utili salgono molto ed il prezzo delle azioni sale poco, le azioni sono meno care.

Possiamo dire, in questo caso, che abbiamo una maggior quantità di utile per unità di prezzo. A parità di fattore di sconto. Se gli utili scendono molto ed il prezzo delle azioni invece scende poco, le azioni diventano più care. Possiamo dire, in questo secondo caso, che abbiamo una minor quantità di utile per unità di prezzo.
Il grafico mostra lo Standard & Poor’s diviso per gli utili degli ultimi dodici mesi. Ossia, gli utili in media mobile annuale. Al 31 dicembre 2007 la variazione dal 1 gennaio 2007, al 31 marzo 2007 la variazione dal 1 aprile 2007. In questo secondo caso, gli utili del primo trimestre 2008 sono quelli stimati, mentre quelli dei nove mesi precedenti sono quelli effettivi. Si vede che la borsa oggi è più cara. I rapporto capitalizzazione sugli utili aggregati è infatti pari a 21 volte contro le 19 volte di ottobre. I prezzi sono scesi di un 10%, mentre il rapporto prezzo utili è salito di un 10%. Ergo, gli utili sono scesi del 20%.

Gli utili potrebbero salire e quindi portare la borsa alle stesse valutazioni di sei mesi fa? Si tenga conto che anche Bernanke “non dice ma dice” che siamo in una recessione leggera, ed il Fondo Monetario prevede una crescita pari ad un misero 0,5% nel 2008 e nel 2009. Come possano gli utili statunitensi salire in questa congiuntura è un mistero. Proposta di spiegazione del mistero numero 1. Gli utili salgono, perché il resto del mondo continua a crescere ed il dollaro si indebolisce. Ossia, gli utili trainati dalle esportazioni. La quota estera degli utili delle aziende quotate è del 30%, quindi il dollaro dovrebbe svalutarsi del 30% circa per avere una crescita del 10%. Messo che questo sia vero, conviene aspettare che la svalutazione del dollaro si compia e poi comprare. Proposta di spiegazione del mistero numero 2. Scende ancora il fattore di sconto. Ossia, scendono i rendimenti delle obbligazioni. Ma se questi scendono ancora, essi sono già pari a zero se si tiene conto dell’inflazione, è perché si ha una recessione di una certa sostanza. E quindi scendono i rendimenti, ma cadono gli utili. Le spiegazioni del mistero, almeno quelle che a noi vengono in mente, non convincono.
 
  
544

Commenti

Comments are now closed for this entry

Diventa nostro amico su Facebook

Prossimi eventi

06 Lug
Camera di Commercio - Torino

Ricerche e Progetti

 
logo RGR medio 
 
La sfida metropolitana

 Presentato sabato 23 maggio
il XVI Rapporto «Giorgio Rota» su Torino
disponibile online