Nuovo sito REScEU

Reconciling Economic and Social Europe: the role of ideas, values and politics - REScEU - è un progetto di ricerca quinquennale finanziato dal Consiglio europeo della ricerca (ERC) volto a indagare la complessa interazione tra due preziose eredità del XX secolo: il Welfare State e l'Unione Europea.


Read More...

Una proposta di metodo per misurare le performance di progetti sociali complessi

Il nuovo Working Paper 2Wel di Daniele Checchi, Claudio Gianesin, Samuele Poy è disponibile online.  

 


Read More...

Online il numero 212 di Biblioteca della libertà

Europa al bivio è il titolo del nuovo fascicolo di Biblioteca della libertà, appena pubblicato.  


Read More...

La sfida metropolitana

Presentato sabato 23 maggio il XVI Rapporto «Giorgio Rota» su Torino, disponibile online.

Locandina Video


Read More...

Bdl / Call for papers 2015

The Bdl call for papers 2015 is open. Deadline for submission: December 31st, 2015.

Bando / Call


Read More...
012345

copertina ebook50 home

Le nostre testate

Biblioteca della libertà

 

Agenda Liberale

UNDER CONSTRUCTION

11/03/2015

UNDER CONSTRUCTION

Per il rinnovo della linea editoriale sono sospese temporamente le pubblicazioni di Agenda Liberale

Lettera economica

Grecia Europa: colpo di scena

28/06/2015

Grecia Europa: colpo di scena

Giorgio Arfaras

Grecia Europa: la Sovranità

26/06/2015

Grecia Europa: la Sovranità

Giorgio Arfaras

Banche e Grecia

25/06/2015

Banche e Grecia

Stefano Puppini

Pubblicazioni

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

di AA.VV.

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi pubblica il Secondo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati i paper dei vincitori della seconda...

Un disperato bisogno di crescere

a cura di Mario Deaglio

Un disperato bisogno di crescere

Contributi di Giovanni B. Andornino, Giorgio Arfaras, Anna Caffarena, Anna Lo Prete, Paolo Migliavacca, Anna Paola Quaglia, Giuseppe Russo. Presentazione di Franco Polotti. Realizzato...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

 Immagine x sito

 

23 Maggio 2015

Presentazione XVI Rapporto Giorgio Rota su Torino

"La sfida metropolitana"

Bacheca

Tigri riottose

Chi comprerà le obbligazioni statunitensi che rendono poco o nulla per di più in una valuta che perderà valore? Non gli statunitensi, se possono investire all’estero, e non l’estero che può starsene in casa.

I compratori saranno quelli “costretti” a comprare dollari, cioè i cinesi ed i giapponesi. Nel caso di Pechino, il saldo fra esportazioni ed importazioni è positivo con gli Stati Uniti. I cinesi vendono le loro merci e ricevono titoli di credito. Oltre un certo limite, cominciano a preoccuparsi. Un giorno li riscuoteranno?

Da qualche tempo i cinesi ed i giapponesi mandano segnali di nervosismo. Eisuke Sakakibara, ora semplice professore, ma una volta vice ministro delle Finanze e potente “puparo” dello yen, ha chiesto l’emissione d’obbligazioni denominate in valute diverse dal dollaro. Un fatto che ricorda i tempi di Carter quando fu richiesto agli Stati Uniti di emettere obbligazioni in marchi e franchi svizzeri, i “Carter Bond”, che oggi potrebbero essere chiamati “Obama Bond”.

Il governatore della Banca centrale cinese, Gao Xiqing, in una intervista all’Atlantic, ha mandato un segnale preciso agli Stati Uniti: “Siate carini con i paesi che vi prestano i soldi”. Sono segnali di sfiducia nel dollaro, o, come avrebbe detto il Generale De Gaulle: la presa d’atto che gli Stati Uniti godono di un “privilegio esorbitante”, ormai ingiustificato, nel battere l’unica moneta internazionale. Gli statunitensi debbono procurarsi la valuta e quindi non possono continuare ad acculare enormi disavanzi commerciali. Debbono, al contrario, accumulare degli avanzi commerciali, procurarsi la valuta e rendere il debito. Sembra una cosa innocente, ma il suo significato è che gli Stati Uniti dovrebbero crescere meno del resto del mondo per anni.

Pubblicato su Il Foglio il 18 dicembre 2008

Commenti

Comments are now closed for this entry

Diventa nostro amico su Facebook

Prossimi eventi

06 Lug
Camera di Commercio - Torino

Ricerche e Progetti

 
logo RGR medio 
 
La sfida metropolitana

 Presentato sabato 23 maggio
il XVI Rapporto «Giorgio Rota» su Torino
disponibile online