Bdl / Call for papers 2015

The Bdl call for papers 2015 is open. Deadline for submission: December 31st, 2015.

Bando / Call


Read More...

Buon Natale e Buon Anno! / Merry Christmas and Happy New Year!

Il Centro Einaudi sarà chiuso dal 24 dicembre al 6 gennaio. Durante le vacanze, il sito del Centro non verrà aggiornato salvo novità di rilievo.
From December 24th till January 6th the Centro Einaudi will be closed. During the holidays, the Centro Einaudi website will be updated only for important news.


Read More...

Online il numero 210 di Biblioteca della libertà

Il nuovo fascicolo di Biblioteca della libertà, intitolato Europa: un ideale possibile? contiene articoli di Paolo Natale, Alexander D. Ricci, Mónica Ferrín Pereira, Stefano Sacchi, Francesca Arcostanzo.


Read More...

Adjusting the Adjustment Programmes

International Financial Assistance During the Crisis: Shaping the IMF Template to Fit the Euro Area Countries
Silvia Merisio è l'autrice dell'ultimo paper LPF della serie Comparative politics, appena uscito.


Read More...

La Germania e l'economia sociale di mercato

Alessandro Somma è l'autore che inaugura la serie dei Quaderni di Biblioteca della libertà online.
Quaderno N.1 / 2014


Read More...

Primo Rapporto "Giorgio Rota" sull'innovazione territoriale sostenibile nel Lazio

Non tutte le strade portano a Roma è il titolo del Rapporto presentato a Roma il 13 novembre.
Invito - Download capitoli Rapporto


Read More...
0123456

copertina ebook50 home

Le nostre testate

Biblioteca della libertà

 

Agenda liberale

Bioetica…. o biopolitica?

19/11/2014

Bioetica…. o biopolitica?

di Alessandro Litta Modignani

Sono i liberali conservatori?

12/11/2014

Sono i liberali conservatori?

di Anthony Louis Marasco

Lettera economica

Il "pay gap" fra pubblico e privato

18/12/2014

Il "pay gap" fra pubblico e privato

di Stefano Puppini

Asset Allocation - dicembre 2014

18/12/2014

Asset Allocation - dicembre 2014

di Giorgio Arfaras

Unione bancaria e Basilea 3

12/12/2014

Unione bancaria e Basilea 3

di Monica Straniero

Pubblicazioni

Un disperato bisogno di crescere

a cura di Mario Deaglio

Un disperato bisogno di crescere

Contributi di Giovanni B. Andornino, Giorgio Arfaras, Anna Caffarena, Anna Lo Prete, Paolo Migliavacca, Anna Paola Quaglia, Giuseppe Russo. Presentazione di Franco Polotti. Realizzato...

La Germania e l'economia sociale di mercato

di Alessandro Somma

La Germania e l'economia sociale di mercato

Il 1° Quaderno di Biblioteca della libertà della nuova serie online 2014 raccoglie alcuni saggi di Alessandro Somma apparsi su «Biblioteca della libertà» a partire...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

 

prova 50

3 dicembre 2014  

“I 50 anni del Centro Einaudi"

Le donne in finanza

Le donne sono brave (ultimamente si dovrebbe direbbe “pessime”) come gli uomini in finanza? L’argomento è interessante, in generale, ed oggi, che è il 8 marzo, in particolare.


La discussione ha una base, ed è la ricerca fatta da tre studiosi sull’industria finanziaria statunitense (1). Saltiamo la discussione se esiste o non esiste discriminazione nelle carriere, ed arriviamo al punto che ci interessa: le previsioni. Le previsioni degli analisti che seguono le imprese quotate sono facili da misurare.
 
Si prendono le stime degli utili delle imprese quotate. Vi sono le stime sulla linea di partenza, e quelle che si rivedono nel tempo, di man in mano che si arriva al traguardo. La stima al traguardo è giusta oppure sbagliata secondo quanto disti dall’utile che, alla fine, l’impresa comunica. Il nucleo numerico è: ((Stima – Utile vero)/Utile vero), che misura percentualmente la precisione del risultato effettivo. La misurazione è fatta in continuo dalla partenza fino a quando il risultato vero dell’impresa quotata non diventa pubblico. Producendo gli analisti le stime per molti trimestri successivi fino a quello finale, si vedono le stime, e quindi il margine d’errore, “in movimento”.

Agli inizi gli analisti tendono a stimare un utile molto più alto di quello che poi emerge. In questi casi si afferma che gli analisti sono pregiudizialmente ottimisti. Saltiamo la discussione – interessante - sul perché le cose siano messe così, ossia perché gli analisti non siano, invece, pregiudizialmente pessimisti. Dopo il primo periodo d’ottimismo, gli utili planano di man in mano che ci si avvicina alla comunicazione ufficiale del risultato. Ergo, si parte con stime d’utili molto alti, che nel tempo sono rivisti al ribasso.

Facendo la stessa analisi, non avendo più in mente il complesso degli analisti, ma gli analisti divisi per sesso, si scopre che: 1) le donne sono meno ottimiste degli uomini e che 2) producono delle stime finali meno accurate. Altrimenti detto, gli uomini esagerano le stime iniziali, ma poi, giunti al traguardo, fanno delle previsioni più accurate. Altrimenti detto, le donne sono più caute agli inizi e meno accurate alla fine. Più precisamente ancora, le donne sono molto meno ottimiste degli uomini agli inizi ed il loro margine d’errore alla fine è di poco inferiore.

Perché gli uomini sono più ottimisti delle donne? Non lo sappiamo, ma possiamo segnalare, avvisando che non è per nulla “politicamente corretto”, uno studio sull’argomento (2). Secondo l’autore, perché i maschi debbono “naturalmente” esagerare: è il loro destino “biologico”. Producono sia individui geniali sia galeotti in misura maggiore delle femmine.
 
Torniamo alla finanza. Gli analisti maschi esagerano per compiacere i capi, che debbono, a loro volta, compiacere le imprese quotate, che sono le clienti delle altre funzioni della finanziaria che raccomanda i titoli? Insomma, gli uomini fanno l’”occhiolino” al conflitto d’interesse, mentre le donne sono più restie nel compiacere il sistema? Nelle “discussioni da bar”, quando una donna ha fatto carriera scappa un sorrisino, che fa capire che deve pur aver fatto l’occhiolino a qualche capo. I numeri che abbiamo discusso fanno vedere che è possibile che anche i maschi facciano il loro occhiolino, sempre ai capi, ma per compiacerli rispetto al conflitto d’interesse. Che sia più nobile, è da discutere.

Commenti

Diventa nostro amico su Facebook

Prossimi eventi

Ricerche e Progetti

 
logo RGR medio 
 
 Non tutte le strade portano a Roma
Il I Rapporto "Giorgio Rota"
sull'innovazione territoriale sostenibile nel Lazio
presentato il 13 novembre a Roma