Il bilancio delle risorse per il Piemonte: recuperare il federalismo fiscale per tornare a crescere

Presentata il 10 settembre, la ricerca di Giuseppe Russo, Lucia Quaglino, Massimo Occhiena, Marco Orlando svolta dal Centro Einaudi in collaborazione con la Camera di Commercio di Torino.
Download Ricerca
Slides Occhiena  -  Slides Orlando -  Slides Russo   


Read More...

Primo Rapporto "Giorgio Rota" su Napoli

Ci vuole una terra per vedere il mare è il titolo del primo Rapporto "Giorgio Rota" su Napoli, presentato all'Unione Industriali di Napoli.


Read More...

Famiglie e imprenditori, ripresa in arrivo

Presentata il 2 luglio l'Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2014, un progetto del Centro Einaudi e di Intesa Sanpaolo, basato su interviste effettuate da Doxa fra gennaio e febbraio 2014 a 1.061 capifamiglia, correntisti bancari e/o postali. 


Read More...

XV Rapporto "Giorgio Rota" su Torino

"Semi di fiducia" è il titolo del  Quindicesimo Rapporto "Giorgio Rota" su Torino.


Read More...
0123

Le nostre testate

Agenda liberale

Scendere a patti con Assad?

01/10/2014

Scendere a patti con Assad?

di Francesco Chiuamulera

Costi, ma quanto mi costi?

26/09/2014

Costi, ma quanto mi costi?

di Giuseppe Russo

Lettera economica

Death of a salesman

26/09/2014

Death of a salesman

di Anna Carla Dosio

Petrologia - terza parte

26/09/2014

Petrologia - terza parte

di Antonio Picasso

Il contibuto della bontà alla crescita

26/09/2014

Il contibuto della bontà alla crescita

di Monica Straniero

Pubblicazioni

Il bilancio delle risorse per il Piemonte: recuperare il federalismo fiscale per tornare a crescere

Il bilancio delle risorse per il Piemonte: recuperare il federalismo fiscale per tornare a crescere

La ricerca di Giuseppe Russo, Lucia Quaglino, Massimo Occhiena, Marco Orlando svolta dal Centro Einaudi in collaborazione con la CCIAA di Torino.

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2014

a cura di Giuseppe Russo

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2014

Famiglie e imprenditori, ripresa in arrivo. L'Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2014, a cura di Giuseppe Russo e svolta in...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

VIDEO  XV

 

7 giugno 2014 - Presentazione XV Rapporto "Giorgio Rota " su Torino

"Semi di Fiducia"

 

 

 

 

Variazioni percentuali e prezzi minuscoli

I mercati azionari rimbalzano e tutti guardano il loro comportamento, sospettando che le cose possano migliorare. Le banche emettono azioni ed obbligazioni. Da ieri le azioni vanno meglio, ma le obbligazioni statunitensi delle banche non vanno come le azioni. Se le banche stessero davvero meglio, salirebbero i prezzi sia delle azioni sia delle obbligazioni.


Se salgono le prime, ma non le seconde (1), si ha un segnale di prudenza. Le obbligazioni delle banche statunitensi sono nei portafogli delle assicurazioni e delle banche europee, non sono un fatto solo americano.
 
Sull’ascesa delle azioni si tenga conto che, se il prezzo va, per esempio, a 80 centesimi dagli 8 euro che era, e poi da 80 centesimi rimbalza fino ad un euro, ossia se sale del 25%, si ha comunque un’azione che vale un ottavo di prima. Le variazioni percentuali impressionano, ma vanno viste nel contesto.
 
Ha un ruolo nell’aiutare il rimbalzo da valori assoluti bassi, che producono variazioni percentuali estreme, anche il minor peso delle vendite allo “scoperto”. Se il prezzo di un’azione diventa minuscolo, nel nostro esempio 80 centesimi, la probabilità di guadagnare ancora, andando allo scoperto, si riduce. Se una banca va male e il suo titolo passa da 6 euro a 3 euro, l’operatore scoperto, che, prendendo i titoli in prestito, ha venduto a 6 euro, ricompra per rendere il titolo a 3, e guadagna 3 euro. Se vende a 80 centesimi e ricompra a 40 centesimi, guadagna 40 centesimi. Più il prezzo va verso lo zero, minore è il guadagno assoluto.
 
Segue che il mercato delle vendite che puntano al ribasso si riduce, se non evapora, di man in mano che ci si avvicina a dei prezzi delle azioni minuscoli.
 
Ieri avevamo sostenuto (2) che le borse nel complesso erano più tese delle azioni bancarie. Ossia che questo rimbalzo può continuare, se continua, più nel comparto bancario che per il complesso del mercato.

 

Commenti

Diventa nostro amico su Facebook

Prossimi eventi

29 Ott
Ires Piemonte - Sala Conferenza - Torino

Ricerche e Progetti

 

 
 
logo RGR medio 
 
I Rapporto "Giorgio Rota" su Napoli
 
XV Rapporto "Giorgio Rota" su Torino