Risparmiatori, classe media: si torna a guardare al futuro

Presentata il 21 luglio al Grattacielo Intesa SanPaolo l'Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2015, un progetto del Centro Einaudi e di Intesa Sanpaolo, basato su interviste effettuate da Doxa.
Download Rapporto 
Comunicato Stampa / Focus sul Piemonte 
Sintesi ricerca/English version  


Read More...

Nuovo sito REScEU

Reconciling Economic and Social Europe: the role of ideas, values and politics - REScEU - è un progetto di ricerca quinquennale finanziato dal Consiglio europeo della ricerca (ERC) volto a indagare la complessa interazione tra due preziose eredità del XX secolo: il Welfare State e l'Unione Europea.


Read More...

Bdl / Call for papers 2015

The Bdl call for papers 2015 is open. Deadline for submission: December 31st, 2015.

Bando / Call


Read More...
012

copertina ebook50 home

Le nostre testate

Biblioteca della libertà

 

Lettera economica

Dove alberga l'incertezza

03/09/2015

Dove alberga l'incertezza

Giorgio Arfaras

La caduta di agosto continua

01/09/2015

La caduta di agosto continua

Giorgio Arfaras

Working papers

 The Politics of Redistribution an Interdisciplinary Dialogue on the Foundations...

09/07/2015

The Politics of Redistribution an Interdisciplinary Dialogue on the Foundations...

The contributions to this working paper explore the foundations of the Welfare State, in particular...


Wasted compliance strategies? The policy-making styles of Hungary and Poland in ...

21/05/2015

Wasted compliance strategies? The policy-making styles of Hungary and Poland in ...

How does the policy-making process affect policy compliance? Analysing therelationship between policy outcomes and their...


Pubblicazioni

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2015

a cura di Giuseppe Russo

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2015

Risparmiatori, classe media: si torna a guardare al futuro. L'Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2015, a cura di Giuseppe Russo...

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

di AA.VV.

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi pubblica il Secondo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati i paper dei vincitori della seconda...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

 Immagine x sito

 

23 Maggio 2015

Presentazione XVI Rapporto Giorgio Rota su Torino

"La sfida metropolitana"

Bacheca

Variazioni percentuali e prezzi minuscoli

I mercati azionari rimbalzano e tutti guardano il loro comportamento, sospettando che le cose possano migliorare. Le banche emettono azioni ed obbligazioni. Da ieri le azioni vanno meglio, ma le obbligazioni statunitensi delle banche non vanno come le azioni. Se le banche stessero davvero meglio, salirebbero i prezzi sia delle azioni sia delle obbligazioni.


Se salgono le prime, ma non le seconde (1), si ha un segnale di prudenza. Le obbligazioni delle banche statunitensi sono nei portafogli delle assicurazioni e delle banche europee, non sono un fatto solo americano.
 
Sull’ascesa delle azioni si tenga conto che, se il prezzo va, per esempio, a 80 centesimi dagli 8 euro che era, e poi da 80 centesimi rimbalza fino ad un euro, ossia se sale del 25%, si ha comunque un’azione che vale un ottavo di prima. Le variazioni percentuali impressionano, ma vanno viste nel contesto.
 
Ha un ruolo nell’aiutare il rimbalzo da valori assoluti bassi, che producono variazioni percentuali estreme, anche il minor peso delle vendite allo “scoperto”. Se il prezzo di un’azione diventa minuscolo, nel nostro esempio 80 centesimi, la probabilità di guadagnare ancora, andando allo scoperto, si riduce. Se una banca va male e il suo titolo passa da 6 euro a 3 euro, l’operatore scoperto, che, prendendo i titoli in prestito, ha venduto a 6 euro, ricompra per rendere il titolo a 3, e guadagna 3 euro. Se vende a 80 centesimi e ricompra a 40 centesimi, guadagna 40 centesimi. Più il prezzo va verso lo zero, minore è il guadagno assoluto.
 
Segue che il mercato delle vendite che puntano al ribasso si riduce, se non evapora, di man in mano che ci si avvicina a dei prezzi delle azioni minuscoli.
 
Ieri avevamo sostenuto (2) che le borse nel complesso erano più tese delle azioni bancarie. Ossia che questo rimbalzo può continuare, se continua, più nel comparto bancario che per il complesso del mercato.

 

Commenti

Comments are now closed for this entry