Il bilancio delle risorse per il Piemonte: recuperare il federalismo fiscale per tornare a crescere

Presentata il 10 settembre, la ricerca di Giuseppe Russo, Lucia Quaglino, Massimo Occhiena, Marco Orlando svolta dal Centro Einaudi in collaborazione con la Camera di Commercio di Torino.
Download Ricerca
Slides Occhiena  -  Slides Orlando -  Slides Russo   


Read More...

Primo Rapporto "Giorgio Rota" su Napoli

Ci vuole una terra per vedere il mare è il titolo del primo Rapporto "Giorgio Rota" su Napoli, presentato all'Unione Industriali di Napoli.


Read More...

Famiglie e imprenditori, ripresa in arrivo

Presentata il 2 luglio l'Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2014, un progetto del Centro Einaudi e di Intesa Sanpaolo, basato su interviste effettuate da Doxa fra gennaio e febbraio 2014 a 1.061 capifamiglia, correntisti bancari e/o postali. 


Read More...

XV Rapporto "Giorgio Rota" su Torino

"Semi di fiducia" è il titolo del  Quindicesimo Rapporto "Giorgio Rota" su Torino.


Read More...
0123

Le nostre testate

Agenda liberale

Scendere a patti con Assad?

01/10/2014

Scendere a patti con Assad?

di Francesco Chiamulera

Costi, ma quanto mi costi?

26/09/2014

Costi, ma quanto mi costi?

di Giuseppe Russo

Lettera economica

Che cosa direbbero gli Austriaci?

02/10/2014

Che cosa direbbero gli Austriaci?

di Giorgio Arfaras

Calpers

02/10/2014

Calpers

di Stefano Puppini

Petrologia - quarta parte

02/10/2014

Petrologia - quarta parte

di Antonio Picasso

Pubblicazioni

Il bilancio delle risorse per il Piemonte: recuperare il federalismo fiscale per tornare a crescere

Il bilancio delle risorse per il Piemonte: recuperare il federalismo fiscale per tornare a crescere

La ricerca di Giuseppe Russo, Lucia Quaglino, Massimo Occhiena, Marco Orlando svolta dal Centro Einaudi in collaborazione con la CCIAA di Torino.

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2014

a cura di Giuseppe Russo

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2014

Famiglie e imprenditori, ripresa in arrivo. L'Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2014, a cura di Giuseppe Russo e svolta in...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

VIDEO  XV

 

7 giugno 2014 - Presentazione XV Rapporto "Giorgio Rota " su Torino

"Semi di Fiducia"

 

 

 

 

Commento settimanale / IX

Questa settimana scriviamo su Wagoner, la prima vittima eccellente dei piani di salvataggio in corso. Al solito, trovate i link per gli approfondimenti.

Rick Wagoner è la prima vittima ufficiale della rabbia populista (1) e delle concessioni inevitabili dei governi. La piazza e le casse vuote sono un connubio insostenibile. Così l’Amministrazione americana ha deciso di sacrificare il manager di General Motors, il primo a essere direttamente licenziato da Washington in nome di una riorganizzazione seria della casa automobilistica. Poiché GM non sta in piedi senza i soldi del governo, quest'ultimo interviene nelle decisioni strategiche del gruppo. Il ragionamento non fa una piega, ovviamente, se non fosse che l’Amministrazione si è ribellata (goffamente) alla nazionalizzazione delle banche per non dover intervenire direttamente nella governance degli istituti di credito, e poi però chiede le dimissioni del capo di un’azienda privata (2). A consolazione ci sono le parole del ministro del Tesoro, Tim Geithner, che «non esclude» altre «rimozioni d’amministratori delegati».
 

Certo, i margini di manovra in un settore come quello automobilistico sono molto ridotti. È un settore più che maturo, con gravi problemi strutturali. A Detroit, poi, la situazione è ancora più complessa: dalle sorti del comparto automobilistico dipende la stabilità di uno stato intero, il Michigan, con evidenti conseguenze politiche (3). Perciò Obama, accusato di compiacenza nei confronti dei banchieri, è stato fermo nei confronti di GM e Chrysler: via il management della prima, accordo «obbligatorio» con Fiat per la seconda.

 

Per GM potrebbe non essere sufficiente: le voci sulla sua bancarotta si fanno sempre più insistenti, assieme a quelle sullo «spezzatino» dell’azienda. Di tante e tali povere prestazioni Wagoner è, naturalmente, il responsabile. Secondo Forbes, avrebbe dovuto lasciare nel 2004, perché fino ad allora le sue performance erano state di tutto rispetto. Nato e cresciuto dentro GM, Wagoner era stato scelto (proprio come Bob Nardelli a Chrysler) per portare «aria fresca». Nel 2003, grazie al taglio dei costi (metà del personale licenziato e 12 fabbriche chiuse in Nordamerica), alla modernizzazione degli impianti e al miglioramento della qualità, la quota di mercato di GM era cresciuta. L’azienda faceva profitti, quattro miliardi l’anno, mentre negli anni Novanta le perdite erano arrivate fino a 30 miliardi di dollari. Poi la situazione ha cominciato a precipitare. 

 

L’«Economist», a dicembre, commentando «l’umiliazione» del salvataggio governativo di 15 miliardi di dollari, subordinato a una ristrutturazione da presentare al vaglio di Washington, scriveva: «È straordinario che Wagoner abbia ancora un lavoro. Nei suoi otto anni da amministratore delegato, le azioni di GM sono scese da 75 a 3 dollari [a novembre scorso, n.d.r.]. Negli ultimi quattro anni, l’azienda ha perso almeno 75 miliardi di dollari».

Il mercato automobilistico si è deteriorato prima gradualmente e poi velocemente, assieme al potere d’acquisto della classe media, e la reazione di Wagoner non è stata incisiva. Tutti ricordano con sospiri di nostalgia il leggendario capo di GM, Alfred Sloan, l’artefice della compagnia come la conosciamo oggi, ma nessuno sottolinea che lui arrivò in uno dei momenti più cupi della storia dell’azienda, quando, negli anni Venti, era a un passo dal fallimento. Proprio come oggi. Sloan però prese decisioni rapide e corrette, l’attuale management no.
 
Ora che tocca all’Amministrazione statunitense scrivere la road map per il salvataggio di un’industria come quell’automobilistica (4), mette conto ricordare che cosa scriveva Ernest Hemingway in Fiesta: «Come sei finito in bancarotta? Prima gradualmente, poi all’improvviso».



(1) Una «fuga di notizie» rende bene il clima di questi ultimi tempi. Obama pare che abbia detto alla riunione con i banchieri alla Casa Bianca, dove è stata servita solo dell'acqua e senza il ghiaccio che normalmente la accompagna, che questi ultimi senza il Governo sarebbero inseguiti col forcone («My administration,» the president added, «is the only thing between you and the pitchforks»):

http://www.politico.com/news/stories/0409/20871.html

(2) Per una difesa dei «due pesi e due misure» dell’Amministrazione:

http://www.newyorker.com/online/blogs/jamessurowiecki/2009/03/the-automakers.html  


(3) Circa le pressioni politiche e culturali sull’Amministrazione:

 

http://www.centroeinaudi.it/notizie/gm-=-goverment-motors.html


(4) Per lo scenario: quello estremo simula l’impatto della scomparsa dell’industria automobilistica statunitense. Sono 3,3 milioni di posti di lavoro in meno e un maggior deficit della bilancia commerciale, pari a 100 miliardi di dollari, dovuto all’importazione delle automobili non più prodotte internamente:

http://mba.yale.edu/faculty/pdf/Bagley_GregGoodnight.pdf



Commenti

Diventa nostro amico su Facebook

Prossimi eventi

29 Ott
Ires Piemonte - Sala Conferenza - Torino

Ricerche e Progetti

 

 
 
logo RGR medio 
 
I Rapporto "Giorgio Rota" su Napoli
 
XV Rapporto "Giorgio Rota" su Torino