Liberalism and the Principle of Difference: Rawls Tested by Larmore’s Theory. Part II

Alberto De Luigi è l'autore dell'ultimo paper LPF della serie Political Philosophy, appena uscito.


Read More...

Free Speech. Meriti, limiti, dilemmi

Pubblicato il n. 211 di «Biblioteca della libertà», a cura e introduzione di Beatrice Magni. Editoriale di Salvatore Carrubba. Saggi di Michele Bocchiola, Luca Mori, Silvia Godano, Franco Manti, Paola Premolli De Marchi, Margarite Helena Zoeteweij-Turhan, Giuseppe Vaciago.


Read More...

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro Einaudi pubblica il Secondo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati i paper dei vincitori della seconda edizione 2013 del Giorgio Rota Best Paper Award sul tema Creative Entrepreneurship and New Media: Alessandro Gandini, Fania Valeria Michelucci, Giovanna Santanera. Presentazione di Mario Deaglio.


Read More...

Scuola di Liberalismo 2015

Dal 17 febbraio al 14 aprile, al Centro Einaudi, in collaborazione con gli Amici della Fondazione Einaudi e l'Ora Libera(le). Lezioni di Giandomenico Barcellona, Rosamaria Bitetti, Marco Bollettino, Riccardo De Caria, Luca Ferrini, Valerio Gigliotti, Kishore Jayabalan, Davide Meinero, Pietro Paganini, Emilia Sarogni, Roberto Francesco Scalon, Paolo Silvestri, Francesco Tuccari, Valerio Zanone e Giacomo Zucco.

Locandina Video ciclo incontri


Read More...

Bdl / Call for papers 2015

The Bdl call for papers 2015 is open. Deadline for submission: December 31st, 2015.

Bando / Call


Read More...

Giorgio Rota Best Paper Award

The Centro Einaudi launches the 3rd annual Giorgio Rota Best Paper Award.


Read More...
012345

copertina ebook50 home

Le nostre testate

Agenda liberale

Obama e la risposta dei democratici al terrorismo

25/02/2015

Obama e la risposta dei democratici al terrorismo

di Anthony Louis Marasco

Isis, che fare?

18/02/2015

Isis, che fare?

di Anthony Louis Marasco

L'uomo arso vivo

11/02/2015

L'uomo arso vivo

di Anthony Louis Marasco

Lettera economica

L'illusione della certezza

03/03/2015

L'illusione della certezza

di Giorgio Arfaras

Asset Allocation febbraio 2015 - nota

27/02/2015

Asset Allocation febbraio 2015 - nota

di Giorgio Arfaras

L'Italia nelle classifiche / III

27/02/2015

L'Italia nelle classifiche / III

di Stefano Puppini

Pubblicazioni

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

di AA.VV.

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi pubblica il Secondo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati i paper dei vincitori della seconda...

Un disperato bisogno di crescere

a cura di Mario Deaglio

Un disperato bisogno di crescere

Contributi di Giovanni B. Andornino, Giorgio Arfaras, Anna Caffarena, Anna Lo Prete, Paolo Migliavacca, Anna Paola Quaglia, Giuseppe Russo. Presentazione di Franco Polotti. Realizzato...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

Commento settimanale / XI

Il commento settimanale è sul presidente della banca centrale statunitense Ben Bernanke. Sono allegati molti grafici pubblicati dal Fondo Monetario Internazionale che spiegano la crisi in corso.


Ben Bernanke, il quieto professore d’economia che avrebbe dovuto traghettare senza troppi scossoni la Federal Reserve fuori dall’era Greenspan, è un rivoluzionario. Ha fatto una scommessa, e se la vincerà, se riuscirà a far ripartire la crescita degli Stati Uniti (e del mondo) evitando un picco inflattivo, diventerà l’economista più riverito della storia moderna. Ma il rischio è alto, anche perché con la giustificazione delle «circostanze d’emergenza» Bernanke ha messo mano alla struttura della Fed e l’ha modificata in modo definitivo: come dicono i suoi detrattori, ha messo in pericolo l’indipendenza stessa della banca centrale più rilevante e influente del mondo.

 

Arrivato nel board della Fed nel 2002, Bernanke non aveva certo l’aria del rivoluzionario e anzi, quando poi fu nominato, nel 2006 presidente, molti s’interrogarono sulla capacità di un uomo così schivo e ombroso di sostenere un’eredità come quella lasciata da Alan Greenspan «il trionfatore», governatore per un ventennio di crescita e d’inflazione bassa. La sorpresa a oggi è grande. Bernanke si è rivelato un comunicatore ben più abile e diretto dei suoi predecessori. Ha rilasciato un’intervista televisiva a «60 minutes» della Cbs, a febbraio, il che è già un’eccezione, è andato al club della stampa di Washington e si è fatto interrogare dai giornalisti, e anche nell’ultimo discorso – il 101° sulla crisi, come ha ricordato il «Wall Street Journal» – al Morehouse College di Atlanta si è seduto a un tavolo con gli studenti e ha risposto alle loro domande, con le televisioni che lo riprendevano.

 

La crisi va spiegata – dice Bernanke – perché soltanto così la gente può sapere che cosa stiamo realmente facendo per superarla. Chiarezza e rapidità sono le parole magiche. Decisioni che soltanto una decina di anni fa si sarebbero prese in settimane, con paper relativi di centinaia di pagine, ora sono prese nel giro di un weekend. Del resto, la grande lezione che il governatore centrale ha tratto dai suoi studi sulla Grande Depressione è questa: agire subito e in modo aggressivo. La strategia era stata anticipata in un discorso del 2002, allora materia per addetti ai lavori e ora testo imprescindibile per capire la Fed di oggi, in cui Bernanke aveva spiegato come la banca centrale potesse evitare la deflazione: di fatto stampando moneta, per esempio comprando titoli del Tesoro a lungo termine sul mercato, il che riduce il valore dei dollari in circolazione e perciò alza il prezzo di beni e servizi. Negli ultimi due mesi, Bernanke ha reso la Fed un player nel settore bancario: la Fed infatti non sta soltanto allocando ingenti fondi per stimolare il credito, sta anche decidendo dove e come allocare questo credito. A marzo, la Fed ha annunciato che avrebbe cominciato a comprare buoni del Tesoro a lungo termine sul mercato, con l’obiettivo di spingere verso il basso i tassi di interesse a lungo termine e quindi stimolando i prestiti. Ciò significa che la Fed finanzierà questi acquisti creando nuova moneta, ma – e qui sta la scommessa di Bernanke – senza generare alti livelli di inflazione (1). I bilanci della Fed, che prima della crisi avevano titoli di stato, sono stati rivoluzionati, ora hanno molte attività finanziarie (2), così come sono stati rivoluzionati i rapporti con la politica.

 

Le audizioni al Congresso e i meeting con il team economico di Obama sono ormai diventati consueti. La politica non si muove senza la Fed, e alcuni temono che possa succedere anche il contrario, il che minerebbe per sempre l’autonomia della banca centrale. I maligni sostengono che finger in the dike – come è soprannominato Bernanke per la sua capacità di tenere a bada anche le situazioni più difficili – corteggi la politica non perché ne sia influenzato: tanto quieto quanto determinato, chi ha lavorato con lui sostiene che sia impossibile fargli cambiare idea. Tuttavia entro l’anno Obama deve decidere se confermare Bernanke alla guida della Fed per un altro lustro: voci sempre più insistenti affermano che Lawrence Summers sia già a buon punto nel convincere Obama che come capo della Fed lui, Summers, sarebbe perfetto (3).


  

(1) http://www.centroeinaudi.it/ricerche/l’-inflazione-nei-paesi-sofisticati.html

 

(2) http://www.centroeinaudi.it/commenti/fotografia-del-salvataggio-delle-banche.html

 

(3) http://blogs.reuters.com/felix-salmon/2009/04/15/should-bernanke-be-explaining-us-policy/



I GRAFICI DEL FONDO MONETARIO

La caduta della produzione (–40%) e dei prezzi (–30%) negli Stati Uniti, negli anni Trenta, fu devastante:

 
economia_e_prezzi_29_ed_ogg


Gli indicatori finanziari: le obbligazioni private sono state più reattive oggi rispetto ad allora; il credito oggi si è espanso di più e poi ha avuto un andamento simile a quello degli anni Trenta; le banche prestano poco proprio come allora; la borsa è caduta in maniera non dissimile.


indicatori_finanziari_1929_ed_oggi



Gli ultimi grafici mostrano come nel secondo dopoguerra le crisi che non hanno avuto origine nel mondo della finanza siano state molto meno pesanti di quelle che hanno avuto origine, come quella in corso, nel mondo della finanza.

recessioni_semplici_e_con_crisi_finanziaria_da_wwii

  

Commenti

Diventa nostro amico su Facebook

Prossimi eventi

Ricerche e Progetti

 
logo RGR medio 
 
 Non tutte le strade portano a Roma
Il I Rapporto "Giorgio Rota"
sull'innovazione territoriale sostenibile nel Lazio