Save the Date / XVI Rapporto «Giorgio Rota» su Torino

Verrà presentato sabato 23 maggio alle ore 10 a Piazza dei Mestieri, via Jacopo Durandi 13 a Torino.


Read More...

Free Speech. Meriti, limiti, dilemmi / Seminario

Lunedì 30 marzo alle ore 15, al Centro Einaudi, in occasione della pubblicazione del numero 211 di Biblioteca della libertà, la curatrice Beatrice Magni ne discute con Corrado Del Bò, Marco Orofino, Mauro Piras.

Locandina


Read More...

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro Einaudi pubblica il Secondo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati i paper dei vincitori della seconda edizione 2013 del Giorgio Rota Best Paper Award sul tema Creative Entrepreneurship and New Media: Alessandro Gandini, Fania Valeria Michelucci, Giovanna Santanera. Presentazione di Mario Deaglio.


Read More...

Scuola di Liberalismo 2015

Dal 17 febbraio al 14 aprile, al Centro Einaudi, in collaborazione con gli Amici della Fondazione Einaudi e l'Ora Libera(le). Lezioni di Giandomenico Barcellona, Rosamaria Bitetti, Marco Bollettino, Riccardo De Caria, Luca Ferrini, Valerio Gigliotti, Kishore Jayabalan, Davide Meinero, Pietro Paganini, Emilia Sarogni, Roberto Francesco Scalon, Paolo Silvestri, Francesco Tuccari, Valerio Zanone e Giacomo Zucco.

Locandina Video ciclo incontri


Read More...

Bdl / Call for papers 2015

The Bdl call for papers 2015 is open. Deadline for submission: December 31st, 2015.

Bando / Call


Read More...

Giorgio Rota Best Paper Award

On April 6th the 3rd Call will close.


Read More...
0123456

copertina ebook50 home

Le nostre testate

Agenda Liberale

UNDER CONSTRUCTION

11/03/2015

UNDER CONSTRUCTION

Per il rinnovo della linea editoriale sono sospese temporamente le pubblicazioni di Agenda Liberale

Lettera economica

Un lavoro inutile?

28/03/2015

Un lavoro inutile?

Stefano Puppini

Un mondo nuovo? / II

26/03/2015

Un mondo nuovo? / II

Giorgio Arfaras

Appunti per investire / IV

20/03/2015

Appunti per investire / IV

Stefano Puppini

Pubblicazioni

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

di AA.VV.

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi pubblica il Secondo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati i paper dei vincitori della seconda...

Un disperato bisogno di crescere

a cura di Mario Deaglio

Un disperato bisogno di crescere

Contributi di Giovanni B. Andornino, Giorgio Arfaras, Anna Caffarena, Anna Lo Prete, Paolo Migliavacca, Anna Paola Quaglia, Giuseppe Russo. Presentazione di Franco Polotti. Realizzato...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

Commento settimanale / XIV

Questa settimana continuiamo a discutere del «paternalismo libertario», la nuova filosofia politica ed economica dell'amministrazione Obama. Al solito, si trovano i link.

 

Mentre Barack Obama preferisce distrarsi dai mille report che gli propinano quotidianamente leggendo un bel romanzo come Netherland di Joseph O’Neill (1), tutti i suoi collaboratori si stanno mettendo in pari con i libri di Robert Shiller. Se non sai tutto di Shiller e delle sue teorie, non puoi capire l’Obamaworld né che cosa muove l’Amministrazione americana in questo delicato momento di crisi (e di cambiamento).
 
Shiller è professore d’economia a Yale, è fondatore e capo degli economisti di MacroMarkets LLC e ha dato il nome all’indice che negli Stati Uniti misura i prezzi delle case. Assieme al premio Nobel per l’economia George Akerlof, Shiller (che è in odore di Nobel pure lui, si dice) ha pubblicato a febbraio un libro che si chiama Animal Spirits: How Human Psychology Drives the Economy and Why It Matters for Global Capitalism (2), testo fondamentale per comprendere come la behavioral economics – di cui abbiamo parlato (3) – influenzi e guidi la politica (socio) economica di Washington. Gli animal spirits (4) furono resi famosi a metà degli anni Trenta da John Maynard Keynes, il quale usò questo linguaggio colorito per definire un certo tipo di fiducia, il cosiddetto «ottimismo ingenuo» (tipo quello di un uomo sano che non prende in considerazione la possibilità di morire). Shiller pesca a grandi mani dalla cultura economica della Grande Depressione, mischia il suo pensiero, già reso famoso nel 2000 dal libro L’euforia irrazionale (5), con il Nuovo ordine finanziario (6), il libro del 2003 in cui sosteneva che il sistema finanziario americano dovesse essere rifondato. A renderlo ancora più credibile è il penultimo suo lavoro, Finanza shock. Come uscire dalla crisi dei mutui subprime (7), in cui nel 2008 Shiller scriveva che le ripercussioni della bolla immobiliare avrebbero pesato sul futuro dell’America per i decenni a venire.
 
L’ultimo libro è la chiusura di questo cerchio. La tesi di Animal Spirits è semplice: le teorie economiche moderne hanno sottovalutato gli aspetti psicologici, perciò la soluzione alla crisi finanziaria può essere soltanto quella di uno straordinario intervento statale capace di sollecitare gli «spiriti animali» e trasformare il panico in propensione a spendere e investire.
 
Ribaltando l’iper-razionalismo di Milton Friedman – che ha avuto la sua massima espressione politica nel reaganismo e nel thatcherismo e che aveva quasi del tutto sotterrato gli animal spirits keynesiani –, Shiller parte dal presupposto che, come ha spiegato lui stesso (8), «non siamo tutti esperti giocatori di biliardo». Cioè sbagliamo, ci perdiamo, ci comportiamo in modo irrazionale.
 
E il governo è fatto apposta per far sì che l’errore – o presunto tale – non si trasformi in un errore collettivo. Se si continua a escludere l’ambito psicologico e sociale attenendosi soltanto ai modelli matematici, non si può indirizzare la politica del governo. Di più: il liberismo ha cacciato via l’influenza del governo perché parte dall’ipotesi che i mercati siano razionali. Ma se gli spiriti animali influenzano i comportamenti, come sostiene Shiller, il governo deve avere un ruolo più ampio, più disciplinato e – quel che più conta – permanente. Il New Deal di Obama è l’espressione di questo keynesismo «comportamentale» moderno (9).

 
(1) http://www.nytimes.com/2009/05/03/magazine/03Obama-t.html

(2) http://www.amazon.com/Animal-Spirits-Psychology-Economy-Capitalism/dp/0691142335

(3) http://www.centroeinaudi.it/commenti/commento-settimanale-/-xiii.html

(4) http://www.economist.com/research/Economics/alphabetic.cfm?letter=A#animalspirits

(5) http://www.ibs.it/code/9788815062376/shiller-robert-j/euforia-irrazionale-analisi

(6) http://www.ibs.it/code/9788883635878/shiller-robert-j/nuovo-ordine-finanziario

(7) http://www.ibs.it/code/9788823831926/shiller-robert-j/finanza-shock-come.html

(8) http://business.theatlantic.com/2009/02/an_interview_with_robert_shiller.php

(9) http://www.ft.com/cms/s/0/69bc7894-3b34-11de-ba91-00144feabdc0.html  

 

Commenti

Diventa nostro amico su Facebook

Prossimi eventi

23 Mag
Piazza dei Mestieri - Torino
21 Apr
Ires Piemonte - Sala Conferenza - Torino
30 Mar
Centro Einaudi - Torino

Ricerche e Progetti

 
logo RGR medio 
 
 Non tutte le strade portano a Roma
Il I Rapporto "Giorgio Rota"
sull'innovazione territoriale sostenibile nel Lazio