Risparmiatori, classe media: si torna a guardare al futuro

Presentata il 21 luglio al Grattacielo Intesa SanPaolo l'Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2015, un progetto del Centro Einaudi e di Intesa Sanpaolo, basato su interviste effettuate da Doxa.
Download Rapporto 
Comunicato Stampa / Focus sul Piemonte 
Sintesi ricerca/English version  


Read More...

Nuovo sito REScEU

Reconciling Economic and Social Europe: the role of ideas, values and politics - REScEU - è un progetto di ricerca quinquennale finanziato dal Consiglio europeo della ricerca (ERC) volto a indagare la complessa interazione tra due preziose eredità del XX secolo: il Welfare State e l'Unione Europea.


Read More...

Bdl / Call for papers 2015

The Bdl call for papers 2015 is open. Deadline for submission: December 31st, 2015.

Bando / Call


Read More...
012

copertina ebook50 home

Le nostre testate

Biblioteca della libertà

 

Lettera economica

La caduta di agosto

29/08/2015

La caduta di agosto

Giorgio Arfaras

La fine dei paradisi fiscali II

28/08/2015

La fine dei paradisi fiscali II

Alessandro Samari

Working papers

 The Politics of Redistribution an Interdisciplinary Dialogue on the Foundations...

09/07/2015

The Politics of Redistribution an Interdisciplinary Dialogue on the Foundations...

The contributions to this working paper explore the foundations of the Welfare State, in particular...


Wasted compliance strategies? The policy-making styles of Hungary and Poland in ...

21/05/2015

Wasted compliance strategies? The policy-making styles of Hungary and Poland in ...

How does the policy-making process affect policy compliance? Analysing therelationship between policy outcomes and their...


Pubblicazioni

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2015

a cura di Giuseppe Russo

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2015

Risparmiatori, classe media: si torna a guardare al futuro. L'Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2015, a cura di Giuseppe Russo...

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

di AA.VV.

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi pubblica il Secondo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati i paper dei vincitori della seconda...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

 Immagine x sito

 

23 Maggio 2015

Presentazione XVI Rapporto Giorgio Rota su Torino

"La sfida metropolitana"

Bacheca

Quando i mercati non si riprendono

Si considerano i tre mercati peggiori, quello statunitense degli anni Trenta del secolo scorso, quello giapponese dal 1990, quello statunitense della tecnologia dal 2000. Li si fa partire da zero, il momento del picco. Si toglie il tasso d’inflazione, ma non si includono i dividendi (1).

Insomma, si considerano i «corsi secchi» aggiustati per l’inflazione. Se il futuro ci riserva una ripresa a «V» (ossia una caduta e una ripresa veloce), allora non sono questi i mercati che ci interessano. Se il futuro non ci riserva una ripresa, ma solo un andamento a «L» (ossia una caduta e un andamento piatto per anni e anni), sono questi i mercati che ci interessano.

Dopo dieci anni il mercato giapponese, la linea rossa, era ancora sotto il livello iniziale di picco dell’50%. Lungo il percorso è balzato molte volte, ma i balzi non hanno scosso la tendenza. Lo stesso si può dire per il Nasdaq, la linea verde. (Le vicende in corso sono segnate dalla linea blu).
 
Il senso del grafico è che non sono i rimbalzi dei prezzi in sé il segnale che si sta uscendo da una crisi prolungata: questi si sono sempre avuti. Infatti, sono chiamati bear market rallies, ossia ascese durante i mercati in «orso». (Si dice «orso» perché l’orso attacca dall’alto, si dice «toro» perché il toro attacca dal basso; nel primo caso si è schiacciati, nel secondo si è spinti verso l’alto).
 
Si esce da una crisi quando gli utili delle imprese quotate salgono per davvero e i prezzi delle azioni non sono alti in partenza, mentre i rendimenti delle obbligazioni emesse dal Tesoro non salgono troppo. Altrimenti si hanno dei rimbalzi, ma non un trend. Vedremo se quello in corso è un bear market rally oppure l’inizio di un bull market.


(1) http://www.dshort.com/articles/2009/mega-bear-quartet.html


i_mercati_peggiori_topix_nasdaq


Commenti

Comments are now closed for this entry