Open Negotiation: the Case of Same-Sex Marriage

Federica Liveriero è l'autrice dell'ultimo paper LPF della serie Political Philosophy, appena uscito.


Read More...

Il 2015 e il Mediterraneo: banche, imprese e infrastrutture

L'incontro, organizzato dal Centro Einaudi in collaborazione con SRM e T.wai, prende spunto dal "IV Rapporto Annuale su Le Relazioni Economiche tra l’Italia e il Mediterraneo”. Interventi di Massimo Deandreis, Irene Bono. Introduzione di Giuseppe Russo. Centro Einaudi, 23 gennaio ore 17.
Locandina


Read More...

Oro: lascia o raddoppia?

Mario Deaglio e Patrizia Ferro ne discutono con Carlo Alberto De Casa, autore de I segreti per investire con l'oro. Introduce Giuseppe Russo. Centro Einaudi, 26 gennaio ore 17.30.

Locandina


Read More...

Scuola di Liberalismo 2015

Dal 17 febbraio, al Centro Einaudi, in collaborazione con gli Amici della Fondazione Einaudi e l'Ora Libera(le). Lezioni di Giandomenico Barcellona, Rosamaria Bitetti, Marco Bollettino, Riccardo De Caria, Luca Ferrini, Valerio Gigliotti, Kishore Jayabalan, Davide Meinero, Pietro Paganini, Emilia Sarogni, Roberto Francesco Scalon, Paolo Silvestri, Francesco Tuccari, Valerio Zanone e Giacomo Zucco.

Locandina


Read More...

Un disperato bisogno di crescere

XIX Rapporto sull'economia globale e l'Italia (2014) a cura di Mario Deaglio. Il volume, edito da Guerini e Associati e disponibile anche in ebook, nasce dalla collaborazione fra il Centro Einaudi e UBI Banca.


Read More...
012345

copertina ebook50 home

Le nostre testate

Biblioteca della libertà

 

Agenda liberale

Lettera economica

La governance bancaria

23/01/2015

La governance bancaria

di Monica Straniero

Chi detiene il debito pubblico?

23/01/2015

Chi detiene il debito pubblico?

di Stefano Puppini

Alla fine il QE di Draghi

23/01/2015

Alla fine il QE di Draghi

di Giorgio Arfaras

Pubblicazioni

Un disperato bisogno di crescere

a cura di Mario Deaglio

Un disperato bisogno di crescere

Contributi di Giovanni B. Andornino, Giorgio Arfaras, Anna Caffarena, Anna Lo Prete, Paolo Migliavacca, Anna Paola Quaglia, Giuseppe Russo. Presentazione di Franco Polotti. Realizzato...

La Germania e l'economia sociale di mercato

di Alessandro Somma

La Germania e l'economia sociale di mercato

Il 1° Quaderno di Biblioteca della libertà della nuova serie online 2014 raccoglie alcuni saggi di Alessandro Somma apparsi su «Biblioteca della libertà» a partire...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

 

prova 50

3 dicembre 2014  

“I 50 anni del Centro Einaudi"

Quando i mercati non si riprendono

Si considerano i tre mercati peggiori, quello statunitense degli anni Trenta del secolo scorso, quello giapponese dal 1990, quello statunitense della tecnologia dal 2000. Li si fa partire da zero, il momento del picco. Si toglie il tasso d’inflazione, ma non si includono i dividendi (1).

Insomma, si considerano i «corsi secchi» aggiustati per l’inflazione. Se il futuro ci riserva una ripresa a «V» (ossia una caduta e una ripresa veloce), allora non sono questi i mercati che ci interessano. Se il futuro non ci riserva una ripresa, ma solo un andamento a «L» (ossia una caduta e un andamento piatto per anni e anni), sono questi i mercati che ci interessano.

Dopo dieci anni il mercato giapponese, la linea rossa, era ancora sotto il livello iniziale di picco dell’50%. Lungo il percorso è balzato molte volte, ma i balzi non hanno scosso la tendenza. Lo stesso si può dire per il Nasdaq, la linea verde. (Le vicende in corso sono segnate dalla linea blu).
 
Il senso del grafico è che non sono i rimbalzi dei prezzi in sé il segnale che si sta uscendo da una crisi prolungata: questi si sono sempre avuti. Infatti, sono chiamati bear market rallies, ossia ascese durante i mercati in «orso». (Si dice «orso» perché l’orso attacca dall’alto, si dice «toro» perché il toro attacca dal basso; nel primo caso si è schiacciati, nel secondo si è spinti verso l’alto).
 
Si esce da una crisi quando gli utili delle imprese quotate salgono per davvero e i prezzi delle azioni non sono alti in partenza, mentre i rendimenti delle obbligazioni emesse dal Tesoro non salgono troppo. Altrimenti si hanno dei rimbalzi, ma non un trend. Vedremo se quello in corso è un bear market rally oppure l’inizio di un bull market.


(1) http://www.dshort.com/articles/2009/mega-bear-quartet.html


i_mercati_peggiori_topix_nasdaq


Commenti

Diventa nostro amico su Facebook

Prossimi eventi

26 Gen
Centro Einaudi - Torino

Ricerche e Progetti

 
logo RGR medio 
 
 Non tutte le strade portano a Roma
Il I Rapporto "Giorgio Rota"
sull'innovazione territoriale sostenibile nel Lazio