Open Negotiation: the Case of Same-Sex Marriage

Federica Liveriero è l'autrice dell'ultimo paper LPF della serie Political Philosophy, appena uscito.


Read More...

Il 2015 e il Mediterraneo: banche, imprese e infrastrutture

L'incontro, organizzato dal Centro Einaudi in collaborazione con SRM e T.wai, prende spunto dal "IV Rapporto Annuale su Le Relazioni Economiche tra l’Italia e il Mediterraneo”. Interventi di Massimo Deandreis, Irene Bono. Introduzione di Giuseppe Russo. Centro Einaudi, 23 gennaio ore 17.
Locandina


Read More...

Oro: lascia o raddoppia?

Mario Deaglio e Patrizia Ferro ne discutono con Carlo Alberto De Casa, autore de I segreti per investire con l'oro. Introduce Giuseppe Russo. Centro Einaudi, 26 gennaio ore 17.30.

Locandina


Read More...

Scuola di Liberalismo 2015

Dal 17 febbraio, al Centro Einaudi, in collaborazione con gli Amici della Fondazione Einaudi e l'Ora Libera(le). Lezioni di Giandomenico Barcellona, Rosamaria Bitetti, Marco Bollettino, Riccardo De Caria, Luca Ferrini, Valerio Gigliotti, Kishore Jayabalan, Davide Meinero, Pietro Paganini, Emilia Sarogni, Roberto Francesco Scalon, Paolo Silvestri, Francesco Tuccari, Valerio Zanone e Giacomo Zucco.

Locandina


Read More...

Un disperato bisogno di crescere

XIX Rapporto sull'economia globale e l'Italia (2014) a cura di Mario Deaglio. Il volume, edito da Guerini e Associati e disponibile anche in ebook, nasce dalla collaborazione fra il Centro Einaudi e UBI Banca.


Read More...
012345

copertina ebook50 home

Le nostre testate

Biblioteca della libertà

 

Agenda liberale

Lettera economica

La governance bancaria

23/01/2015

La governance bancaria

di Monica Straniero

Chi detiene il debito pubblico?

23/01/2015

Chi detiene il debito pubblico?

di Stefano Puppini

Alla fine il QE di Draghi

23/01/2015

Alla fine il QE di Draghi

di Giorgio Arfaras

Pubblicazioni

Un disperato bisogno di crescere

a cura di Mario Deaglio

Un disperato bisogno di crescere

Contributi di Giovanni B. Andornino, Giorgio Arfaras, Anna Caffarena, Anna Lo Prete, Paolo Migliavacca, Anna Paola Quaglia, Giuseppe Russo. Presentazione di Franco Polotti. Realizzato...

La Germania e l'economia sociale di mercato

di Alessandro Somma

La Germania e l'economia sociale di mercato

Il 1° Quaderno di Biblioteca della libertà della nuova serie online 2014 raccoglie alcuni saggi di Alessandro Somma apparsi su «Biblioteca della libertà» a partire...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

 

prova 50

3 dicembre 2014  

“I 50 anni del Centro Einaudi"

Commento settimanale / XV

Dopo aver passato in rassegna, nei Commenti settimanali precedenti (1) (2), il «paternalismo libertario», che sembra essere la filosofia economica e politica dell’amministrazione Obama, cerchiamo oggi di rendere il clima polemico che si respira negli Stati Uniti sulla crisi finanziaria in corso.

 

Eliot Spitzer, decaduto governatore di New York per banali (ma costosissime) storie di sesso, si riesuma (3) affermando che il testo per comprendere la nuova euforia dei mercati finanziari è A Short History of Financial Euphoria, di John Kenneth Galbraith (4). Spitzer è uno che si è costruito una carriera – quella di procuratore generale a New York – con la fama di bulldog di Wall Street, ha buoni motivi per consigliare questo libro.
 
«Ottimismo» è la parola chiave oggi a Wall Street e a Washington: il peggio è passato, e i solerti contabili della Casa Bianca sono costretti a scrivere nella casellina della crescita prevista un numerone – 3,5 per cento entro la fine dell’anno – perché così possono sostenere che il deficit pubblico americano – un altro numerone, questo sì in crescita e pericoloso, 1,84 trilioni di dollari – riuscirà a essere agevolmente coperto prima della campagna per la rielezione di Barack Obama (5). Tutti, dall’Amministrazione alla Fed al Tesoro, oggi cooperano per un futuro prospero.

Scritto dopo la crisi finanziaria del 1987, A Short History of Financial Euphoria racconta come si creano le bolle economiche e come i governi e il mondo della finanza non siano mai capaci di gestirne lo scoppio. Partendo dalla famosa «bolla dei tulipani» del XVII secolo, Galbraith spiega come la combinazione tra la memoria corta della galassia finanziaria e la poca attenzione alle lezioni della storia porti alla continua ripetizione degli errori. «I disastri finanziari vengono dimenticati in fretta», scrive. «Quando le stesse o simili circostanze ricorrono anche nel giro di pochi anni vengono accolte da una generazione nuova, più giovane e sempre piena di se stessa, come se si trattasse di una scoperta brillantemente innovativa».
 
La memoria corta è, secondo Galbraith, patologica. Le circostanze cambiano, ma certo è che qualcosa nella storia del passato serve a comprendere i passi falsi del presente. Per esempio, il fatto che dai tempi di George Washington si possono registrare crisi finanziarie ogni dieci-quindici anni, fino alla Grande Depressione. Dopo di che, Franklin Delano Roosevelt decise di introdurre regole su regole, così nacquero la Glass-Steagall, la separazione fra banche di credito ordinario e d’investimento, la Sec, l’organo di controllo della borsa, e la Fdic, l’ente che assicura i depositi bancari, che garantirono una certa stabilità fino agli anni Ottanta. Poi arrivò la deregolamentazione (ossia la destrutturazione dei sistemi di controllo) in una continua porta aperta tra politica e finanza (sembrerebbe, a posteriori, a vantaggio della seconda), il tutto condito con la cosiddetta easy money, ossia con politiche monetarie espansive. Quando oggi a Wall Street si dice che è arrivato il momento di tirare un sospiro di sollievo, è chiaro che di nuovo la lezione è servita a poco (6). Come ha ricordato Spitzer sempre nell’intervista citata, alla fine questi signori sono tutti lì, come se nulla fosse accaduto. A suo giudizio, a differenza del passato recente – quando gli errori erano, vedi il caso Enron, pagati dagli azionisti –, gli errori oggi sono pagati dai contribuenti. E questa, nei ricorsi delle crisi finanziarie, sembra essere la vera novità.



(1) http://www.centroeinaudi.it/commenti/commento-settimanale-/-xiv.html

(2) http://www.centroeinaudi.it/commenti/commento-settimanale-/-xiii.html

(3) http://vodpod.com/watch/1597308-eliot-spitzer-on-squawk-box-the-big-picture

(4) http://www.amazon.com/Short-History-Financial-Euphoria-Genius/dp/096247455X

(5) http://meganmcardle.theatlantic.com/archives/2009/05/the_risk_of_debt.php

(6) http://www.nytimes.com/2009/05/10/business/economy/10mark.html?_r=2&ref=busines

 

Commenti

Diventa nostro amico su Facebook

Prossimi eventi

26 Gen
Centro Einaudi - Torino

Ricerche e Progetti

 
logo RGR medio 
 
 Non tutte le strade portano a Roma
Il I Rapporto "Giorgio Rota"
sull'innovazione territoriale sostenibile nel Lazio