Buone vacanze! • Have a nice holiday!

Dal 10 al 23 agosto il Centro sarà chiuso. Dal 24 al 28 agosto sarà aperto dalle 13.00 alle 17.00. The Centro will be closed from August 10th till August 23rd.  From August 24th till August 28th it will be open from 13.00 to 17.00.


Read More...

Risparmiatori, classe media: si torna a guardare al futuro

Presentata il 21 luglio al Grattacielo Intesa SanPaolo l'Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2015, un progetto del Centro Einaudi e di Intesa Sanpaolo, basato su interviste effettuate da Doxa.
Download Rapporto 
Comunicato Stampa / Focus sul Piemonte 
Sintesi ricerca/English version  


Read More...

Nuovo sito REScEU

Reconciling Economic and Social Europe: the role of ideas, values and politics - REScEU - è un progetto di ricerca quinquennale finanziato dal Consiglio europeo della ricerca (ERC) volto a indagare la complessa interazione tra due preziose eredità del XX secolo: il Welfare State e l'Unione Europea.


Read More...

Bdl / Call for papers 2015

The Bdl call for papers 2015 is open. Deadline for submission: December 31st, 2015.

Bando / Call


Read More...
0123

copertina ebook50 home

Le nostre testate

Biblioteca della libertà

 

Lettera economica

Fatturato e Utili in Europa

28/07/2015

Fatturato e Utili in Europa

Stefano Puppini

Renzi e Keynes

23/07/2015

Renzi e Keynes

Giorgio Arfaras

Working papers

 The Politics of Redistribution an Interdisciplinary Dialogue on the Foundations...

09/07/2015

The Politics of Redistribution an Interdisciplinary Dialogue on the Foundations...

The contributions to this working paper explore the foundations of the Welfare State, in particular...


Wasted compliance strategies? The policy-making styles of Hungary and Poland in ...

21/05/2015

Wasted compliance strategies? The policy-making styles of Hungary and Poland in ...

How does the policy-making process affect policy compliance? Analysing therelationship between policy outcomes and their...


Pubblicazioni

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2015

a cura di Giuseppe Russo

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2015

Risparmiatori, classe media: si torna a guardare al futuro. L'Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2015, a cura di Giuseppe Russo...

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

di AA.VV.

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi pubblica il Secondo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati i paper dei vincitori della seconda...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

 Immagine x sito

 

23 Maggio 2015

Presentazione XVI Rapporto Giorgio Rota su Torino

"La sfida metropolitana"

Bacheca

Commento settimanale / XV

Dopo aver passato in rassegna, nei Commenti settimanali precedenti (1) (2), il «paternalismo libertario», che sembra essere la filosofia economica e politica dell’amministrazione Obama, cerchiamo oggi di rendere il clima polemico che si respira negli Stati Uniti sulla crisi finanziaria in corso.

 

Eliot Spitzer, decaduto governatore di New York per banali (ma costosissime) storie di sesso, si riesuma (3) affermando che il testo per comprendere la nuova euforia dei mercati finanziari è A Short History of Financial Euphoria, di John Kenneth Galbraith (4). Spitzer è uno che si è costruito una carriera – quella di procuratore generale a New York – con la fama di bulldog di Wall Street, ha buoni motivi per consigliare questo libro.
 
«Ottimismo» è la parola chiave oggi a Wall Street e a Washington: il peggio è passato, e i solerti contabili della Casa Bianca sono costretti a scrivere nella casellina della crescita prevista un numerone – 3,5 per cento entro la fine dell’anno – perché così possono sostenere che il deficit pubblico americano – un altro numerone, questo sì in crescita e pericoloso, 1,84 trilioni di dollari – riuscirà a essere agevolmente coperto prima della campagna per la rielezione di Barack Obama (5). Tutti, dall’Amministrazione alla Fed al Tesoro, oggi cooperano per un futuro prospero.

Scritto dopo la crisi finanziaria del 1987, A Short History of Financial Euphoria racconta come si creano le bolle economiche e come i governi e il mondo della finanza non siano mai capaci di gestirne lo scoppio. Partendo dalla famosa «bolla dei tulipani» del XVII secolo, Galbraith spiega come la combinazione tra la memoria corta della galassia finanziaria e la poca attenzione alle lezioni della storia porti alla continua ripetizione degli errori. «I disastri finanziari vengono dimenticati in fretta», scrive. «Quando le stesse o simili circostanze ricorrono anche nel giro di pochi anni vengono accolte da una generazione nuova, più giovane e sempre piena di se stessa, come se si trattasse di una scoperta brillantemente innovativa».
 
La memoria corta è, secondo Galbraith, patologica. Le circostanze cambiano, ma certo è che qualcosa nella storia del passato serve a comprendere i passi falsi del presente. Per esempio, il fatto che dai tempi di George Washington si possono registrare crisi finanziarie ogni dieci-quindici anni, fino alla Grande Depressione. Dopo di che, Franklin Delano Roosevelt decise di introdurre regole su regole, così nacquero la Glass-Steagall, la separazione fra banche di credito ordinario e d’investimento, la Sec, l’organo di controllo della borsa, e la Fdic, l’ente che assicura i depositi bancari, che garantirono una certa stabilità fino agli anni Ottanta. Poi arrivò la deregolamentazione (ossia la destrutturazione dei sistemi di controllo) in una continua porta aperta tra politica e finanza (sembrerebbe, a posteriori, a vantaggio della seconda), il tutto condito con la cosiddetta easy money, ossia con politiche monetarie espansive. Quando oggi a Wall Street si dice che è arrivato il momento di tirare un sospiro di sollievo, è chiaro che di nuovo la lezione è servita a poco (6). Come ha ricordato Spitzer sempre nell’intervista citata, alla fine questi signori sono tutti lì, come se nulla fosse accaduto. A suo giudizio, a differenza del passato recente – quando gli errori erano, vedi il caso Enron, pagati dagli azionisti –, gli errori oggi sono pagati dai contribuenti. E questa, nei ricorsi delle crisi finanziarie, sembra essere la vera novità.



(1) http://www.centroeinaudi.it/commenti/commento-settimanale-/-xiv.html

(2) http://www.centroeinaudi.it/commenti/commento-settimanale-/-xiii.html

(3) http://vodpod.com/watch/1597308-eliot-spitzer-on-squawk-box-the-big-picture

(4) http://www.amazon.com/Short-History-Financial-Euphoria-Genius/dp/096247455X

(5) http://meganmcardle.theatlantic.com/archives/2009/05/the_risk_of_debt.php

(6) http://www.nytimes.com/2009/05/10/business/economy/10mark.html?_r=2&ref=busines

 

Commenti

Comments are now closed for this entry