Risparmiatori, classe media: si torna a guardare al futuro

Presentata il 21 luglio al Grattacielo Intesa SanPaolo l'Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2015, un progetto del Centro Einaudi e di Intesa Sanpaolo, basato su interviste effettuate da Doxa.
Download Rapporto 
Comunicato Stampa / Focus sul Piemonte 
Sintesi ricerca/English version  


Read More...

Nuovo sito REScEU

Reconciling Economic and Social Europe: the role of ideas, values and politics - REScEU - è un progetto di ricerca quinquennale finanziato dal Consiglio europeo della ricerca (ERC) volto a indagare la complessa interazione tra due preziose eredità del XX secolo: il Welfare State e l'Unione Europea.


Read More...

Bdl / Call for papers 2015

The Bdl call for papers 2015 is open. Deadline for submission: December 31st, 2015.

Bando / Call


Read More...
012

copertina ebook50 home

Le nostre testate

Biblioteca della libertà

 

Lettera economica

La caduta di agosto continua

01/09/2015

La caduta di agosto continua

Giorgio Arfaras

La caduta di agosto

29/08/2015

La caduta di agosto

Giorgio Arfaras

Working papers

 The Politics of Redistribution an Interdisciplinary Dialogue on the Foundations...

09/07/2015

The Politics of Redistribution an Interdisciplinary Dialogue on the Foundations...

The contributions to this working paper explore the foundations of the Welfare State, in particular...


Wasted compliance strategies? The policy-making styles of Hungary and Poland in ...

21/05/2015

Wasted compliance strategies? The policy-making styles of Hungary and Poland in ...

How does the policy-making process affect policy compliance? Analysing therelationship between policy outcomes and their...


Pubblicazioni

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2015

a cura di Giuseppe Russo

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2015

Risparmiatori, classe media: si torna a guardare al futuro. L'Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2015, a cura di Giuseppe Russo...

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

di AA.VV.

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi pubblica il Secondo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati i paper dei vincitori della seconda...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

 Immagine x sito

 

23 Maggio 2015

Presentazione XVI Rapporto Giorgio Rota su Torino

"La sfida metropolitana"

Bacheca

Nubi

Lo choc finanziario del 2008 non è stato causato dalla mancanza di regole, ma dall’avida irresponsabilità di un gruppo di banche interconnesse tra loro. La soluzione predisposta  dall’Amministrazione americana non ha sanzionato le irresponsabilità, anzi, ha fatto semmai il contrario: ha tacitamente acconsentito a ogni moral hazard, dando garanzia a priori di salvataggio certo. Il sistema non si è rafforzato, perché gli smottamenti sono stati rimessi a posto alla bell’e meglio, non sono state curate le cause – infatti, politicamente è filato via tutto liscio, la grande intesa fra Washington e Wall Street non si è rotta, a pagare sono stati soltanto Bernie Maddoff e i contribuenti –, quindi alla prossima crisi scoppieranno tutti, tutti insieme, sistema e politica. È questa la tesi sostenuta da John Key in un articolo sul «Financial Times» dal titolo «Too big to fail» is too dumb an idea to keep (1).

Il primo banchiere ad aver svelato questa realtà in modo schietto, scatenando una serie di critiche che ancora non si è interrotta, è stato Mervyn King, il governatore della Banca centrale inglese (2). Ha affermato che la regola «too big to fail» è uno scempio per un sistema competitivo, che le dimensioni degli istituti finanziari devono essere definite in base alla loro gestibilità e che il mercato non potrà mai tornare a funzionare – e per funzionare s’intende che una banca come Lehman Brothers possa fallire, se insolvente – se non si spazza via l’idea che il governo arrivi comunque in aiuto, quale che sia la condotta di banchieri e manager.

A giudicare dai tanti libri appena pubblicati negli Stati Uniti che ricostruiscono le vicende degli ultimi mesi dello scorso anno, Ben Bernanke non ha avuto la stessa lungimiranza di King, non per il momento almeno. Si vedrà nei prossimi mesi che intenzioni ha davvero il capo della Federal Reserve, visto che ha in mano un dossier di trilioni di dollari, deve tenere sotto controllo l’inflazione – quando l’Amministrazione Obama è preoccupata soltanto della disoccupazione (3) – e dovrà dire la sua su un’eventuale nuova tranche di stimoli dell’economia.

Come suggerisce John Key, sarebbe necessario ora spostare il centro dell’attenzione dalle banche al sistema finanziario. Perché le prime sono state salvate e ora registrano profitti record, mentre il secondo non è stato ristrutturato ed è ancora estremamente vulnerabile. Non soltanto alle ferite che possono arrivare dai banchieri ringalluzziti, ma anche alle bolle che stanno nascendo tra le maglie dell’aggressivo e distorsivo intervento statale. Se i governi si limitassero a introdurre qualche regola e qualche tetto ai bonus – come pare stiano facendo – il risultato potrebbe essere devastante: si salta tutti, tutti insieme, banche e politica. E a restare con il cerino in mano sarebbero, come è stato finora, i contribuenti.


(1) http://www.ft.com/cms/s/0/375f4528-c330-11de-8eca-00144feab49a,s01=1.html

(2) http://www.bankofengland.co.uk/publications/speeches/2009/speech406.pdf

(3) http://www.politico.com/news/stories/1009/28925.html



 

Commenti

Comments are now closed for this entry