Buone vacanze! • Have a nice holiday!

Dal 10 al 23 agosto il Centro sarà chiuso. Dal 24 al 28 agosto sarà aperto dalle 13.00 alle 17.00. The Centro will be closed from August 10th till August 23rd.  From August 24th till August 28th it will be open from 13.00 to 17.00.


Read More...

Risparmiatori, classe media: si torna a guardare al futuro

Presentata il 21 luglio al Grattacielo Intesa SanPaolo l'Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2015, un progetto del Centro Einaudi e di Intesa Sanpaolo, basato su interviste effettuate da Doxa.
Download Rapporto 
Comunicato Stampa / Focus sul Piemonte 
Sintesi ricerca/English version  


Read More...

Nuovo sito REScEU

Reconciling Economic and Social Europe: the role of ideas, values and politics - REScEU - è un progetto di ricerca quinquennale finanziato dal Consiglio europeo della ricerca (ERC) volto a indagare la complessa interazione tra due preziose eredità del XX secolo: il Welfare State e l'Unione Europea.


Read More...

Bdl / Call for papers 2015

The Bdl call for papers 2015 is open. Deadline for submission: December 31st, 2015.

Bando / Call


Read More...
0123

copertina ebook50 home

Le nostre testate

Biblioteca della libertà

 

Lettera economica

Fatturato e Utili in Europa

28/07/2015

Fatturato e Utili in Europa

Stefano Puppini

Working papers

 The Politics of Redistribution an Interdisciplinary Dialogue on the Foundations...

09/07/2015

The Politics of Redistribution an Interdisciplinary Dialogue on the Foundations...

The contributions to this working paper explore the foundations of the Welfare State, in particular...


Wasted compliance strategies? The policy-making styles of Hungary and Poland in ...

21/05/2015

Wasted compliance strategies? The policy-making styles of Hungary and Poland in ...

How does the policy-making process affect policy compliance? Analysing therelationship between policy outcomes and their...


Pubblicazioni

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2015

a cura di Giuseppe Russo

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2015

Risparmiatori, classe media: si torna a guardare al futuro. L'Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2015, a cura di Giuseppe Russo...

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

di AA.VV.

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi pubblica il Secondo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati i paper dei vincitori della seconda...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

 Immagine x sito

 

23 Maggio 2015

Presentazione XVI Rapporto Giorgio Rota su Torino

"La sfida metropolitana"

Bacheca

La fine dell'innocenza II / I costi delle guerre

Il primo dicembre Barack Obama annuncerà la sua strategia per vincere la guerra in Afghanistan. Secondo le anticipazioni (1), ci sarà un aumento di 30-36 mila soldati e la richiesta di un contributo da parte degli alleati della Nato di altri 10 mila. La gestazione della strategia è stata lunga e delicata: il generale che conduce le operazioni in Afghanistan, Stanley McChrystal, ha consegnato il suo report sulla richiesta di un aumento delle truppe all’inizio di settembre e da allora l’Amministrazione ha avuto decine di incontri per capire come gestire la richiesta del generale. Ad alcuni di questi incontri ha partecipato anche Peter Orszag (2), capo dell’Ufficio Budget, colui che deve tenere in ordine i conti del governo americano.

I costi della guerra preoccupano un’Amministrazione che già ha investito miliardi per la ripresa economia, nel salvataggio di industrie e istituti finanziari, ed è alle prese con una riforma sanitaria che dovrà essere ripagata con un aumento delle tasse. La strategia afgana non soltanto crea un problema politico a Obama – che dovrà convincere gran parte del suo stesso partito della bontà della sua decisione, ma anche uno economico. E la missione in Afghanistan, con l’aumento di truppe, deve avere il voto del Congresso. Nancy Pelosi, speaker della Camera, aveva convinto i democratici a votare un nuovo stanziamento per Iraq e Afghanistan di 100 miliardi di dollari, tre mesi fa, promettendo che quella fosse “l’ultima volta”. Ora bisogna trovare altri 34 miliardi: come ha scritto l’Economist (3), tenere un soldato in battaglia per un anno costa circa 250 mila dollari. Secondo le stime dell’ufficio di Orszag, ogni nuovo soldato inviato costa poco meno di un milione l’anno.
 
Molti temono che con la scusa della guerra si faccia slittare ulteriormente la riforma sanitaria (finora è stato il contrario): non ci sono fondi per finanziare entrambe le cose. Ecco perché i democratici stanno pensando di introdurre una “war tax”, una tassa di guerra. E’ già successo: tra il 1950 e il 1951, il Congresso alzò le tasse per pagare la guerra in Corea; nel 1968, un 10 per cento di tassa straordinaria fu imposta per finanziare la guerra in Vietnam. Anche Bush senior alzò le tasse per ripagare la prima Guerra del Golfo, ma suo figlio, invece, George W. Bush, non ha mai imposto una tassa di guerra: la sua Amministrazione era convinta che l’esperimento di Bush senior contribuì alla sconfitta elettorale che aprì le porte a Bill Clinton, e in più il consenso alle guerre in Iraq e Afghanistan non è mai stato abbastanza solido da rischiare l’introduzione di un’imposta.
 
Finora le due guerre sono costate un trilione di dollari, e gli analisti di Bush hanno sottostimato a lungo i costi della guerra. Lawrence Lindsey, che fu licenziato da Bush come consigliere economico per aver fatto delle stime troppo alte dei costi della guerra, ha scritto un libro nel 2008 (4), in cui spiega che raggiungere i livelli churchilliani di “sacrifici richiesti” serve a coinvolgere le persone alla causa della guerra, e così magari a convincerle a pagare una tassa per vincerla. Per di più, le guerre finanziate con le tasse finiscono più in fretta di quelle finanziate con il deficit. C’è un problema però, come ha detto lo storico Robert Dallek a Obama (5): “Le guerre uccidono i grandi movimenti di riforma”.

(1) http://www.thedailybeast.com/blogs-and-stories/2009-11-25/the-secret-details-of-obamas-afghan-plan/?cid=bsa:moreauthor1

(2) http://www.politico.com/blogs/joshgerstein/1109/Obama_set_to_decide_AfPak_costa_concern.html#

(3) http://www.economist.com/world/unitedstates/displaystory.cfm?story_id=14646613

(4) http://www.amazon.com/What-President-Should-Know-Insiders/dp/0742562220

(5) http://www.washingtonpost.com/wp-dyn/content/article/2009/10/04/AR2009100401743_pf.html

 

Commenti

Comments are now closed for this entry