Bdl / Call for papers 2015

The Bdl call for papers 2015 is open. Deadline for submission: December 31st, 2015.

Bando / Call


Read More...

Buon Natale e Buon Anno! / Merry Christmas and Happy New Year!

Il Centro Einaudi sarà chiuso dal 24 dicembre al 6 gennaio. Durante le vacanze, il sito del Centro non verrà aggiornato salvo novità di rilievo.
From December 24th till January 6th the Centro Einaudi will be closed. During the holidays, the Centro Einaudi website will be updated only for important news.


Read More...

Online il numero 210 di Biblioteca della libertà

Il nuovo fascicolo di Biblioteca della libertà, intitolato Europa: un ideale possibile? contiene articoli di Paolo Natale, Alexander D. Ricci, Mónica Ferrín Pereira, Stefano Sacchi, Francesca Arcostanzo.


Read More...

Adjusting the Adjustment Programmes

International Financial Assistance During the Crisis: Shaping the IMF Template to Fit the Euro Area Countries
Silvia Merisio è l'autrice dell'ultimo paper LPF della serie Comparative politics, appena uscito.


Read More...

La Germania e l'economia sociale di mercato

Alessandro Somma è l'autore che inaugura la serie dei Quaderni di Biblioteca della libertà online.
Quaderno N.1 / 2014


Read More...

Primo Rapporto "Giorgio Rota" sull'innovazione territoriale sostenibile nel Lazio

Non tutte le strade portano a Roma è il titolo del Rapporto presentato a Roma il 13 novembre.
Invito - Download capitoli Rapporto


Read More...
0123456

copertina ebook50 home

Le nostre testate

Biblioteca della libertà

 

Agenda liberale

Bioetica…. o biopolitica?

19/11/2014

Bioetica…. o biopolitica?

di Alessandro Litta Modignani

Sono i liberali conservatori?

12/11/2014

Sono i liberali conservatori?

di Anthony Louis Marasco

Lettera economica

Il "pay gap" fra pubblico e privato

18/12/2014

Il "pay gap" fra pubblico e privato

di Stefano Puppini

Asset Allocation - dicembre 2014

18/12/2014

Asset Allocation - dicembre 2014

di Giorgio Arfaras

Unione bancaria e Basilea 3

12/12/2014

Unione bancaria e Basilea 3

di Monica Straniero

Pubblicazioni

Un disperato bisogno di crescere

a cura di Mario Deaglio

Un disperato bisogno di crescere

Contributi di Giovanni B. Andornino, Giorgio Arfaras, Anna Caffarena, Anna Lo Prete, Paolo Migliavacca, Anna Paola Quaglia, Giuseppe Russo. Presentazione di Franco Polotti. Realizzato...

La Germania e l'economia sociale di mercato

di Alessandro Somma

La Germania e l'economia sociale di mercato

Il 1° Quaderno di Biblioteca della libertà della nuova serie online 2014 raccoglie alcuni saggi di Alessandro Somma apparsi su «Biblioteca della libertà» a partire...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

 

prova 50

3 dicembre 2014  

“I 50 anni del Centro Einaudi"

La fine dell'innocenza II / I costi delle guerre

Il primo dicembre Barack Obama annuncerà la sua strategia per vincere la guerra in Afghanistan. Secondo le anticipazioni (1), ci sarà un aumento di 30-36 mila soldati e la richiesta di un contributo da parte degli alleati della Nato di altri 10 mila. La gestazione della strategia è stata lunga e delicata: il generale che conduce le operazioni in Afghanistan, Stanley McChrystal, ha consegnato il suo report sulla richiesta di un aumento delle truppe all’inizio di settembre e da allora l’Amministrazione ha avuto decine di incontri per capire come gestire la richiesta del generale. Ad alcuni di questi incontri ha partecipato anche Peter Orszag (2), capo dell’Ufficio Budget, colui che deve tenere in ordine i conti del governo americano.

I costi della guerra preoccupano un’Amministrazione che già ha investito miliardi per la ripresa economia, nel salvataggio di industrie e istituti finanziari, ed è alle prese con una riforma sanitaria che dovrà essere ripagata con un aumento delle tasse. La strategia afgana non soltanto crea un problema politico a Obama – che dovrà convincere gran parte del suo stesso partito della bontà della sua decisione, ma anche uno economico. E la missione in Afghanistan, con l’aumento di truppe, deve avere il voto del Congresso. Nancy Pelosi, speaker della Camera, aveva convinto i democratici a votare un nuovo stanziamento per Iraq e Afghanistan di 100 miliardi di dollari, tre mesi fa, promettendo che quella fosse “l’ultima volta”. Ora bisogna trovare altri 34 miliardi: come ha scritto l’Economist (3), tenere un soldato in battaglia per un anno costa circa 250 mila dollari. Secondo le stime dell’ufficio di Orszag, ogni nuovo soldato inviato costa poco meno di un milione l’anno.
 
Molti temono che con la scusa della guerra si faccia slittare ulteriormente la riforma sanitaria (finora è stato il contrario): non ci sono fondi per finanziare entrambe le cose. Ecco perché i democratici stanno pensando di introdurre una “war tax”, una tassa di guerra. E’ già successo: tra il 1950 e il 1951, il Congresso alzò le tasse per pagare la guerra in Corea; nel 1968, un 10 per cento di tassa straordinaria fu imposta per finanziare la guerra in Vietnam. Anche Bush senior alzò le tasse per ripagare la prima Guerra del Golfo, ma suo figlio, invece, George W. Bush, non ha mai imposto una tassa di guerra: la sua Amministrazione era convinta che l’esperimento di Bush senior contribuì alla sconfitta elettorale che aprì le porte a Bill Clinton, e in più il consenso alle guerre in Iraq e Afghanistan non è mai stato abbastanza solido da rischiare l’introduzione di un’imposta.
 
Finora le due guerre sono costate un trilione di dollari, e gli analisti di Bush hanno sottostimato a lungo i costi della guerra. Lawrence Lindsey, che fu licenziato da Bush come consigliere economico per aver fatto delle stime troppo alte dei costi della guerra, ha scritto un libro nel 2008 (4), in cui spiega che raggiungere i livelli churchilliani di “sacrifici richiesti” serve a coinvolgere le persone alla causa della guerra, e così magari a convincerle a pagare una tassa per vincerla. Per di più, le guerre finanziate con le tasse finiscono più in fretta di quelle finanziate con il deficit. C’è un problema però, come ha detto lo storico Robert Dallek a Obama (5): “Le guerre uccidono i grandi movimenti di riforma”.

(1) http://www.thedailybeast.com/blogs-and-stories/2009-11-25/the-secret-details-of-obamas-afghan-plan/?cid=bsa:moreauthor1

(2) http://www.politico.com/blogs/joshgerstein/1109/Obama_set_to_decide_AfPak_costa_concern.html#

(3) http://www.economist.com/world/unitedstates/displaystory.cfm?story_id=14646613

(4) http://www.amazon.com/What-President-Should-Know-Insiders/dp/0742562220

(5) http://www.washingtonpost.com/wp-dyn/content/article/2009/10/04/AR2009100401743_pf.html

 

Commenti

Diventa nostro amico su Facebook

Ricerche e Progetti

 
logo RGR medio 
 
 Non tutte le strade portano a Roma
Il I Rapporto "Giorgio Rota"
sull'innovazione territoriale sostenibile nel Lazio
presentato il 13 novembre a Roma