Open Negotiation: the Case of Same-Sex Marriage

Federica Liveriero è l'autrice dell'ultimo paper LPF della serie Political Philosophy, appena uscito.


Read More...

Oro: lascia o raddoppia?

Mario Deaglio e Patrizia Ferro ne discutono con Carlo Alberto De Casa, autore de I segreti per investire con l'oro. Introduce Giuseppe Russo. Centro Einaudi, 26 gennaio ore 17.30.

Locandina


Read More...

Scuola di Liberalismo 2015

Dal 17 febbraio, al Centro Einaudi, in collaborazione con gli Amici della Fondazione Einaudi e l'Ora Libera(le). Lezioni di Giandomenico Barcellona, Rosamaria Bitetti, Marco Bollettino, Riccardo De Caria, Luca Ferrini, Valerio Gigliotti, Kishore Jayabalan, Davide Meinero, Pietro Paganini, Emilia Sarogni, Roberto Francesco Scalon, Paolo Silvestri, Francesco Tuccari, Valerio Zanone e Giacomo Zucco.

Locandina


Read More...

Un disperato bisogno di crescere

XIX Rapporto sull'economia globale e l'Italia (2014) a cura di Mario Deaglio. Il volume, edito da Guerini e Associati e disponibile anche in ebook, nasce dalla collaborazione fra il Centro Einaudi e UBI Banca.


Read More...
01234

copertina ebook50 home

Le nostre testate

Biblioteca della libertà

 

Agenda liberale

Obama e Bergoglio, una strana alleanza

26/01/2015

Obama e Bergoglio, una strana alleanza

di Francesco Chiamulera

Obama e il Discorso sullo stato dell’Unione

22/01/2015

Obama e il Discorso sullo stato dell’Unione

di Anthony Louis Marasco

Lettera economica

Asset Allocation - gennaio 2015

26/01/2015

Asset Allocation - gennaio 2015

di Giorgio Arfaras

La governance bancaria

23/01/2015

La governance bancaria

di Monica Straniero

Chi detiene il debito pubblico?

23/01/2015

Chi detiene il debito pubblico?

di Stefano Puppini

Pubblicazioni

Un disperato bisogno di crescere

a cura di Mario Deaglio

Un disperato bisogno di crescere

Contributi di Giovanni B. Andornino, Giorgio Arfaras, Anna Caffarena, Anna Lo Prete, Paolo Migliavacca, Anna Paola Quaglia, Giuseppe Russo. Presentazione di Franco Polotti. Realizzato...

La Germania e l'economia sociale di mercato

di Alessandro Somma

La Germania e l'economia sociale di mercato

Il 1° Quaderno di Biblioteca della libertà della nuova serie online 2014 raccoglie alcuni saggi di Alessandro Somma apparsi su «Biblioteca della libertà» a partire...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

 

prova 50

3 dicembre 2014  

“I 50 anni del Centro Einaudi"

La scelta di Obama

Vi sono due modi per discutere una tesi: 1) contestarne le premesse fin dall’inizio; 2) accettarle e vedere «dove si va a parare». Nel caso degli Stati Uniti, si può contestare la premessa dell’Amministrazione asserendo che la politica economica comunque non cura la crisi, oppure accettare la premessa e vedere dove si va a parare. Seguiamo il secondo approccio. Riassumiamo così il lavoro del Levy Institute, un’organizzazione che raccoglie i seguaci di H. Minsky – sorta di keynesiani «estremisti». A nostro avviso, il loro lavoro riflette bene il punto di vista dei liberal. Semplificando oltremisura – riportiamo il testo originale per chi volesse approfondire (1) –, essi affermano quanto segue.


Si ha uno scenario, detto di base, che si estrinseca in sei anni, dove il deficit pubblico è ridotto nel tempo – esso passa dal 10% di oggi al 4% del 2015 – e dove le famiglie cominciano a risparmiare di meno, anche riducendo il debito che hanno con il sistema finanziario. Il saldo estero diminuisce fino ad annullarsi. La disoccupazione però non si riduce, e resta fino al 2015 intorno al 10%. (Si noti che si assume che il costo del nuovo debito pubblico resti nei sei anni ai livelli di oggi).
 
Secondo il Levy Institute, lo scenario base è irrealistico perché si ha ancora «troppa» disoccupazione che l’Amministrazione non può accettare. Dunque si avrà un deficit pubblico più elevato. Ecco i due scenari – secondo loro – più realistici.
 
Il primo diverge da quello di base e si estrinseca sempre in sei anni. Il deficit pubblico scende pochissimo, con le famiglie che cominciano a risparmiare di meno, anche riducendo il debito che hanno con il sistema finanziario. Il saldo estero non si annulla come prima, anzi peggiora rispetto a quello di oggi. La disoccupazione si riduce fino al 7%. (Si noti che si assume che il costo del nuovo debito pubblico resti nei sei anni ai livelli di oggi).
 
Il secondo scenario diverge da quello di base e dal primo e si estrinseca sempre in sei anni. Si ha un dollaro reso volutamente debole – un 10% in meno rispetto a oggi – con una maggior crescita delle esportazioni e un maggior costo per le importazioni petrolifere. Il deficit pubblico scende poco, con le famiglie che cominciano a risparmiare di meno, anche riducendo il proprio debito. Il saldo estero non si annulla come nello scenario di base, e peggiora rispetto a quello di oggi, sia pure meno che nel primo scenario. La disoccupazione si riduce fino al 7,5%. (Si noti che si assume che il costo del nuovo debito pubblico resti nei sei anni ai livelli di oggi).
 
Fine del riassunto del punto di vista del Levy Institute. Mette conto notare che, per avere una disoccupazione del 7% invece che del 10%, si ha in entrambe le simulazioni un maggior debito pubblico e in una anche un dollaro debole. C’è in tutti e due gli scenari il rischio di maggiori rendimenti sul debito pubblico e quindi la possibilità di una crisi economica peggiore. L’Amministrazione sembra dover scegliere fra una disoccupazione elevata con una bassa probabilità di crisi finanziaria e una disoccupazione appena più bassa con una maggiore probabilità di crisi finanziaria.

(1) http://www.levy.org/pubs/sa_dec_09.pdf


L’articolo è uscito il 18 dicembre su:

http://www.chicago-blog.it/2009/12/18/la-scelta-di-obama/#more-4343





Commenti

Diventa nostro amico su Facebook

Prossimi eventi

02 Feb
Confartigianato Imprese - Sondrio

Ricerche e Progetti

 
logo RGR medio 
 
 Non tutte le strade portano a Roma
Il I Rapporto "Giorgio Rota"
sull'innovazione territoriale sostenibile nel Lazio