Liberalism and the Principle of Difference: Rawls Tested by Larmore’s Theory. Part II

Alberto De Luigi è l'autore dell'ultimo paper LPF della serie Political Philosophy, appena uscito.


Read More...

Free Speech. Meriti, limiti, dilemmi

Pubblicato il n. 211 di «Biblioteca della libertà», a cura e introduzione di Beatrice Magni. Editoriale di Salvatore Carrubba. Saggi di Michele Bocchiola, Luca Mori, Silvia Godano, Franco Manti, Paola Premolli De Marchi, Margarite Helena Zoeteweij-Turhan, Giuseppe Vaciago.


Read More...

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro Einaudi pubblica il Secondo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati i paper dei vincitori della seconda edizione 2013 del Giorgio Rota Best Paper Award sul tema Creative Entrepreneurship and New Media: Alessandro Gandini, Fania Valeria Michelucci, Giovanna Santanera. Presentazione di Mario Deaglio.


Read More...

Scuola di Liberalismo 2015

Dal 17 febbraio al 14 aprile, al Centro Einaudi, in collaborazione con gli Amici della Fondazione Einaudi e l'Ora Libera(le). Lezioni di Giandomenico Barcellona, Rosamaria Bitetti, Marco Bollettino, Riccardo De Caria, Luca Ferrini, Valerio Gigliotti, Kishore Jayabalan, Davide Meinero, Pietro Paganini, Emilia Sarogni, Roberto Francesco Scalon, Paolo Silvestri, Francesco Tuccari, Valerio Zanone e Giacomo Zucco.

Locandina Video ciclo incontri


Read More...

Bdl / Call for papers 2015

The Bdl call for papers 2015 is open. Deadline for submission: December 31st, 2015.

Bando / Call


Read More...

Giorgio Rota Best Paper Award

The Centro Einaudi launches the 3rd annual Giorgio Rota Best Paper Award.


Read More...
012345

copertina ebook50 home

Le nostre testate

Agenda liberale

Obama e la risposta dei democratici al terrorismo

25/02/2015

Obama e la risposta dei democratici al terrorismo

di Anthony Louis Marasco

Isis, che fare?

18/02/2015

Isis, che fare?

di Anthony Louis Marasco

L'uomo arso vivo

11/02/2015

L'uomo arso vivo

di Anthony Louis Marasco

Lettera economica

Asset Allocation febbraio 2015 - nota

27/02/2015

Asset Allocation febbraio 2015 - nota

di Giorgio Arfaras

L'Italia nelle classifiche / III

27/02/2015

L'Italia nelle classifiche / III

di Stefano Puppini

La crescita italiana fa un salto? / II

27/02/2015

La crescita italiana fa un salto? / II

di Monica Straniero

Pubblicazioni

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

di AA.VV.

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi pubblica il Secondo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati i paper dei vincitori della seconda...

Un disperato bisogno di crescere

a cura di Mario Deaglio

Un disperato bisogno di crescere

Contributi di Giovanni B. Andornino, Giorgio Arfaras, Anna Caffarena, Anna Lo Prete, Paolo Migliavacca, Anna Paola Quaglia, Giuseppe Russo. Presentazione di Franco Polotti. Realizzato...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

La scelta di Obama

Vi sono due modi per discutere una tesi: 1) contestarne le premesse fin dall’inizio; 2) accettarle e vedere «dove si va a parare». Nel caso degli Stati Uniti, si può contestare la premessa dell’Amministrazione asserendo che la politica economica comunque non cura la crisi, oppure accettare la premessa e vedere dove si va a parare. Seguiamo il secondo approccio. Riassumiamo così il lavoro del Levy Institute, un’organizzazione che raccoglie i seguaci di H. Minsky – sorta di keynesiani «estremisti». A nostro avviso, il loro lavoro riflette bene il punto di vista dei liberal. Semplificando oltremisura – riportiamo il testo originale per chi volesse approfondire (1) –, essi affermano quanto segue.


Si ha uno scenario, detto di base, che si estrinseca in sei anni, dove il deficit pubblico è ridotto nel tempo – esso passa dal 10% di oggi al 4% del 2015 – e dove le famiglie cominciano a risparmiare di meno, anche riducendo il debito che hanno con il sistema finanziario. Il saldo estero diminuisce fino ad annullarsi. La disoccupazione però non si riduce, e resta fino al 2015 intorno al 10%. (Si noti che si assume che il costo del nuovo debito pubblico resti nei sei anni ai livelli di oggi).
 
Secondo il Levy Institute, lo scenario base è irrealistico perché si ha ancora «troppa» disoccupazione che l’Amministrazione non può accettare. Dunque si avrà un deficit pubblico più elevato. Ecco i due scenari – secondo loro – più realistici.
 
Il primo diverge da quello di base e si estrinseca sempre in sei anni. Il deficit pubblico scende pochissimo, con le famiglie che cominciano a risparmiare di meno, anche riducendo il debito che hanno con il sistema finanziario. Il saldo estero non si annulla come prima, anzi peggiora rispetto a quello di oggi. La disoccupazione si riduce fino al 7%. (Si noti che si assume che il costo del nuovo debito pubblico resti nei sei anni ai livelli di oggi).
 
Il secondo scenario diverge da quello di base e dal primo e si estrinseca sempre in sei anni. Si ha un dollaro reso volutamente debole – un 10% in meno rispetto a oggi – con una maggior crescita delle esportazioni e un maggior costo per le importazioni petrolifere. Il deficit pubblico scende poco, con le famiglie che cominciano a risparmiare di meno, anche riducendo il proprio debito. Il saldo estero non si annulla come nello scenario di base, e peggiora rispetto a quello di oggi, sia pure meno che nel primo scenario. La disoccupazione si riduce fino al 7,5%. (Si noti che si assume che il costo del nuovo debito pubblico resti nei sei anni ai livelli di oggi).
 
Fine del riassunto del punto di vista del Levy Institute. Mette conto notare che, per avere una disoccupazione del 7% invece che del 10%, si ha in entrambe le simulazioni un maggior debito pubblico e in una anche un dollaro debole. C’è in tutti e due gli scenari il rischio di maggiori rendimenti sul debito pubblico e quindi la possibilità di una crisi economica peggiore. L’Amministrazione sembra dover scegliere fra una disoccupazione elevata con una bassa probabilità di crisi finanziaria e una disoccupazione appena più bassa con una maggiore probabilità di crisi finanziaria.

(1) http://www.levy.org/pubs/sa_dec_09.pdf


L’articolo è uscito il 18 dicembre su:

http://www.chicago-blog.it/2009/12/18/la-scelta-di-obama/#more-4343





Commenti

Diventa nostro amico su Facebook

Prossimi eventi

11 Mar
Camera di Commercio di Lecco - Lecco
03 Mar
Sala Congressi Ass. Ind. di Mantova - Mantova

Ricerche e Progetti

 
logo RGR medio 
 
 Non tutte le strade portano a Roma
Il I Rapporto "Giorgio Rota"
sull'innovazione territoriale sostenibile nel Lazio