Giuseppe Russo è il nuovo Direttore del Centro Einaudi

Il Presidente e il Comitato Direttivo ringraziano il consigliere Giuseppe Russo per la disponibilità ad assumere l’incarico di Direttore, certi che con lui proseguirà lo sforzo del Centro di approfondimento del pensiero liberale e di partecipazione alle grandi issue del dibattito politico contemporaneo.


Read More...

Il bilancio delle risorse per il Piemonte

La ricerca, svolta dal Centro Einaudi in collaborazione con la Camera di Commercio di Torino, si propone come uno strumento conoscitivo utile rispetto all'assunzione di scelte allocative strategiche sul territorio torinese e piemontese. Presentazione il 10 settembre. Locandina    


Read More...

Bando progetto europeo REScEU

È disponibile online il bando per 3 assegni di ricerca della durata di 24 mesi per la collaborazione ad attività di ricerca nell'area scientifico-disciplinare delle scienze politiche e sociali nell'ambito del progetto REScEU (Reconciling Economic and Social Europe: Values, Ideas and Politics), coordinato da Maurizio Ferrera e premiato dall'European Research Council. Scadenza 3 settembre 2014.
Bando
Call
           


Read More...

Primo Rapporto "Giorgio Rota" su Napoli

Ci vuole una terra per vedere il mare è il titolo del primo Rapporto "Giorgio Rota" su Napoli, presentato all'Unione Industriali di Napoli.


Read More...

Desert as a Criterion of Justice. Against Unfair Equality

Michele Giavazzi è l'autore dell'ultimo paper LPF, appena uscito.    


Read More...

Famiglie e imprenditori, ripresa in arrivo

Presentata il 2 luglio l'Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2014, un progetto del Centro Einaudi e di Intesa Sanpaolo, basato su interviste effettuate da Doxa fra gennaio e febbraio 2014 a 1.061 capifamiglia, correntisti bancari e/o postali. 


Read More...
0123456

Le nostre testate

Agenda liberale

La giustizia in Italia / I

30/07/2014

La giustizia in Italia / I

di Andrea Del Corno con Emanuela Strina

Una nuova guerra fredda

30/07/2014

Una nuova guerra fredda

di Anthony Louis Marasco

Dalla Striscia di Gaza: nulla da segnalare

25/07/2014

Dalla Striscia di Gaza: nulla da segnalare

di Antonio Picasso

Lettera economica

La crescita spagnola

27/07/2014

La crescita spagnola

di Giorgio Arfaras

Nessun pasto è gratis

25/07/2014

Nessun pasto è gratis

di Giorgio Arfaras

Sanzioni

25/07/2014

Sanzioni

di Giorgio Arfaras

The Italian Job

Still in the Long Tunnel

17/05/2013

Still in the Long Tunnel

di Giorgio Arfaras

Gloomy Skies

27/03/2013

Gloomy Skies

di Giuseppina De Santis

Pubblicazioni

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2014

a cura di Giuseppe Russo

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2014

Famiglie e imprenditori, ripresa in arrivo. L'Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2014, a cura di Giuseppe Russo e svolta in...

Quaderni del Premio «Giorgio Rota»

a cura di AA.VV.

Quaderni del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi è particolarmente lieto di pubblicare questo primo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

VIDEO  XV

 

7 giugno 2014 - Presentazione XV Rapporto "Giorgio Rota " su Torino

"Semi di Fiducia"

 

 

 

 

Tassisti e finanzieri

Alzandosi eventualmente le imposte sui bonus, i finanzieri lavoreranno di più o di meno? Di più, si potrebbe dire, perché, guadagnando al lordo di più, e considerando le maggiori imposte, il reddito netto resta eguale. Di meno, si potrebbe dire, perché, guadagnando probabilmente un reddito netto inferiore, ci si impegna meno e ci si iscrive a un corso di yoga.

Insomma non è chiaro se prevale il primo effetto oppure il secondo. I tassisti di New York, per esempio, quando guadagnano di più, lavorano di meno; e viceversa (1). Se i finanzieri ragionassero come i tassisti, dovrebbero lavorare di meno, se il loro reddito salisse, e di più, se scendesse per effetto delle maggiori imposte. Ma non è detto che i finanzieri ragionino come i tassisti (2).

• Intanto i finanzieri in qualche modo amano il denaro, altrimenti, invece di agitarsi facendo i trader, insegnerebbero fisica alle medie superiori. I titoli di studio di chi lavora in finanza sono, infatti, simili in media a quelli degli insegnanti non universitari. E dunque, se si alzano le imposte, dovrebbero, amando essi il denaro, lavorare di più.
 
• Ma i finanzieri sono in genere ricchi, e quindi potrebbero, vedendo che guadagnano meno per effetto delle maggiori imposte, spendere il patrimonio che hanno accumulato, lavorando meno e iscrivendosi a un corso di yoga. 

• Meglio, lavorerebbero di più i giovani finanzieri che non sono ancora diventati ricchi, con quelli anziani diventati ricchi che «si godono la vita». Sempre che il movente di chi è già ricco non sia la gloria invece del denaro, come è lecito sospettare.

E dunque i finanzieri – quelli giovani e poveri così come quelli anziani e ricchi – continuerebbero a lavorare come prima, anche se tassati di più. Viene il sospetto che il punto per cui si ha tanta agitazione quando si parla di redditi dei finanzieri non sia l’imposta sui bonus, ma altro. Secondo uno studio di JP Morgan (3), se passassero i progetti di riforma del settore finanziario potrebbero addirittura ridursi i redditi assoluti in finanza, e non solo quelli marginali – ossia i bonus eventualmente tassati. Se infatti fossero applicate tutte le riforme, il ritorno sui mezzi propri si dimezzerebbe – passando dal 13% circa al 5% circa. Per avere la stessa redditività ante riforma le grandi banche potrebbero alzare il prezzo dei propri servizi – il conto di JP Morgan è del 33%. Oppure, per non alzarlo troppo, esse dovrebbero ridurre il costo del lavoro, che passerebbe da quasi il 50% del «fatturato» al 35%.

(1)  http://www.nber.org/papers/w15746

 

(2)  http://stumblingandmumbling.typepad.com/stumbling_and_mumbling/2010/02/taxis-and-taxes.html

 

(3)  http://www.centroeinaudi.it/notizie/il-costo-della-riforma.html




Commenti

Diventa nostro amico su Facebook

Prossimi eventi

Ricerche e Progetti

 
logo RGR medio 
 
I Rapporto "Giorgio Rota" su Napoli
 
XV Rapporto "Giorgio Rota" su Torino