Bdl / Call for papers 2015

The Bdl call for papers 2015 is open. Deadline for submission: December 31st, 2015.

Bando / Call


Read More...

Buon Natale e Buon Anno! / Merry Christmas and Happy New Year!

Il Centro Einaudi sarà chiuso dal 24 dicembre al 6 gennaio. Durante le vacanze, il sito del Centro non verrà aggiornato salvo novità di rilievo.
From December 24th till January 6th the Centro Einaudi will be closed. During the holidays, the Centro Einaudi website will be updated only for important news.


Read More...

Online il numero 210 di Biblioteca della libertà

Il nuovo fascicolo di Biblioteca della libertà, intitolato Europa: un ideale possibile? contiene articoli di Paolo Natale, Alexander D. Ricci, Mónica Ferrín Pereira, Stefano Sacchi, Francesca Arcostanzo.


Read More...

Adjusting the Adjustment Programmes

International Financial Assistance During the Crisis: Shaping the IMF Template to Fit the Euro Area Countries
Silvia Merisio è l'autrice dell'ultimo paper LPF della serie Comparative politics, appena uscito.


Read More...

La Germania e l'economia sociale di mercato

Alessandro Somma è l'autore che inaugura la serie dei Quaderni di Biblioteca della libertà online.
Quaderno N.1 / 2014


Read More...

Primo Rapporto "Giorgio Rota" sull'innovazione territoriale sostenibile nel Lazio

Non tutte le strade portano a Roma è il titolo del Rapporto presentato a Roma il 13 novembre.
Invito - Download capitoli Rapporto


Read More...
0123456

copertina ebook50 home

Le nostre testate

Biblioteca della libertà

 

Agenda liberale

Bioetica…. o biopolitica?

19/11/2014

Bioetica…. o biopolitica?

di Alessandro Litta Modignani

Sono i liberali conservatori?

12/11/2014

Sono i liberali conservatori?

di Anthony Louis Marasco

Lettera economica

Il "pay gap" fra pubblico e privato

18/12/2014

Il "pay gap" fra pubblico e privato

di Stefano Puppini

Asset Allocation - dicembre 2014

18/12/2014

Asset Allocation - dicembre 2014

di Giorgio Arfaras

Unione bancaria e Basilea 3

12/12/2014

Unione bancaria e Basilea 3

di Monica Straniero

Pubblicazioni

Un disperato bisogno di crescere

a cura di Mario Deaglio

Un disperato bisogno di crescere

Contributi di Giovanni B. Andornino, Giorgio Arfaras, Anna Caffarena, Anna Lo Prete, Paolo Migliavacca, Anna Paola Quaglia, Giuseppe Russo. Presentazione di Franco Polotti. Realizzato...

La Germania e l'economia sociale di mercato

di Alessandro Somma

La Germania e l'economia sociale di mercato

Il 1° Quaderno di Biblioteca della libertà della nuova serie online 2014 raccoglie alcuni saggi di Alessandro Somma apparsi su «Biblioteca della libertà» a partire...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

 

prova 50

3 dicembre 2014  

“I 50 anni del Centro Einaudi"

Ancora sulla crisi greca / V

Quando si era nel pieno della crisi finanziaria, la Banca Centrale Europea aveva abbassato il livello della qualità delle obbligazioni emesse dai Tesori che potevano essere portate allo sconto, da A- a BBB+, che è il livello dove era finito – ed è – il debito greco. Ecco allora il timore che, quando mai il livello tornasse ad A-, come sembra debba accadere dall’inizio del 2011, il debito greco non sarebbe scontabile. In questo modo esso sarebbe ancora meno attraente.

Se la Grecia si dichiarasse insolvente, si avrebbe come primo fenomeno quello del debito degli altri paesi messi peggio (Portogallo, Spagna, Irlanda), che potrebbe andare sotto pressione, e come secondo – e contemporaneo – fenomeno si avrebbero ripercussioni sul sistema bancario. Quest’ultimo si è ripreso anche perché si indebita a breve termine e compra a lungo termine i titoli di stato, con i tassi a breve che sono minori di quelli a lunga (= i rendimenti). Se le obbligazioni dei Tesori dei paesi poco virtuosi a causa del «contagio» greco andassero male, i loro prezzi scenderebbero e dunque le banche dovrebbero registrare delle perdite sul debito acquistato.

Il terzo fenomeno sarebbe quello di politiche di bilancio restrittive per contenere l’effetto del maggior costo del debito pubblico. Avremmo così la combinazione di un bilancio pubblico che si restringe e di una politica monetaria che è stata già espansa e che non può espandersi oltre. (Ricordiamo che nell’Europa dell’euro la banca centrale, a differenza di quanto accade negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, non può comprare le obbligazioni emesse dai Tesori, ossia non può «monetizzare» il debito). In questo caso si avrebbero effetti negativi sul lato del riassorbimento dei disoccupati.

La scelta di salvare la Grecia è un’ammissione di fatto che le politiche «allegre» non sono punite, mentre la scelta di non salvarla è una scelta di alzare la posta della crisi. Bisogna scegliere fra i due mali, e di questo si discute animatamente in questi giorni.
 
Per approfondire:
 
http://www.eurointelligence.com/article.581+M53f4f1dc3ab.0.html

http://www.centroeinaudi.it/commenti/ancora-sulla-crisi-greca-/-iv.html


Commenti

Diventa nostro amico su Facebook

Prossimi eventi

Ricerche e Progetti

 
logo RGR medio 
 
 Non tutte le strade portano a Roma
Il I Rapporto "Giorgio Rota"
sull'innovazione territoriale sostenibile nel Lazio
presentato il 13 novembre a Roma