Save the Date / XVI Rapporto «Giorgio Rota» su Torino

Verrà presentato sabato 23 maggio alle ore 10 a Piazza dei Mestieri, via Jacopo Durandi 13 a Torino.


Read More...

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro Einaudi pubblica il Secondo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati i paper dei vincitori della seconda edizione 2013 del Giorgio Rota Best Paper Award sul tema Creative Entrepreneurship and New Media: Alessandro Gandini, Fania Valeria Michelucci, Giovanna Santanera. Presentazione di Mario Deaglio.


Read More...

Scuola di Liberalismo 2015

Dal 17 febbraio al 14 aprile, al Centro Einaudi, in collaborazione con gli Amici della Fondazione Einaudi e l'Ora Libera(le). Lezioni di Giandomenico Barcellona, Rosamaria Bitetti, Marco Bollettino, Riccardo De Caria, Luca Ferrini, Valerio Gigliotti, Kishore Jayabalan, Davide Meinero, Pietro Paganini, Emilia Sarogni, Roberto Francesco Scalon, Paolo Silvestri, Francesco Tuccari, Valerio Zanone e Giacomo Zucco.

Locandina Video ciclo incontri


Read More...

Bdl / Call for papers 2015

The Bdl call for papers 2015 is open. Deadline for submission: December 31st, 2015.

Bando / Call


Read More...

Giorgio Rota Best Paper Award

On April 6th the 3rd Call will close.


Read More...

Sostenete il nostro programma di borse di studio

Da cinquant’anni il Centro forma giovani studiosi che proseguono le loro carriere avendo imparato che, come insegnava Luigi Einaudi, occorre "conoscere per deliberare". L'Italia ha bisogno di giovani capaci di esercitare il pensiero critico e di guardare ai problemi con un approccio multidisciplinare. Il 5 per mille al Centro Einaudi è un'opportunità in più per loro.


Read More...
0123456

copertina ebook50 home

Le nostre testate

Agenda Liberale

UNDER CONSTRUCTION

11/03/2015

UNDER CONSTRUCTION

Per il rinnovo della linea editoriale sono sospese temporamente le pubblicazioni di Agenda Liberale

Lettera economica

I critici di Piketty

31/03/2015

I critici di Piketty

Giorgio Arfaras

Un lavoro inutile?

28/03/2015

Un lavoro inutile?

Stefano Puppini

Un mondo nuovo? / II

26/03/2015

Un mondo nuovo? / II

Giorgio Arfaras

Pubblicazioni

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

di AA.VV.

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi pubblica il Secondo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati i paper dei vincitori della seconda...

Un disperato bisogno di crescere

a cura di Mario Deaglio

Un disperato bisogno di crescere

Contributi di Giovanni B. Andornino, Giorgio Arfaras, Anna Caffarena, Anna Lo Prete, Paolo Migliavacca, Anna Paola Quaglia, Giuseppe Russo. Presentazione di Franco Polotti. Realizzato...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

La riforma sanitaria di Obama

Il sistema europeo raccoglie le imposte e poi offre direttamente i servizi sanitari. Il sistema statunitense – quello precedente la riforma di Obama – raccoglie le imposte e offre direttamente i servizi sanitari solo agli anziani e ai poveri – col sistema del Medicare e Medicaid. I «non anziani» e «non poveri» non hanno però ancora una copertura sanitaria federale o statale – tranne che per le urgenze, ossia per il «pronto soccorso». L’avranno, quando sarà passata la riforma di Obama. Tutti gli altri cittadini statunitensi hanno delle assicurazioni private.


Dunque la riforma di Obama non è «a favore dei poveri e degli anziani», ma è a favore di coloro che non hanno abbastanza denari per usufruire di una polizza sanitaria, e non sono né anziani né poveri. Costoro, se non sono in grado di sottoscrivere una polizza sanitaria, saranno aiutati dalla «mano pubblica». Dunque il sistema sanitario, che, con la riforma, si estende ai «non anziani non poveri», in sede di pagamento delle prestazioni, resta privato.

Raccontata così, non si vede in che cosa gli Stati Uniti stiano diventando simili all’Europa – come dovrebbero per la felicità di «quelli di sinistra». In Europa chi non va all’ospedale pubblico perché può usufruire di quello privato rinuncia temporaneamente a un suo diritto, ma, si noti, l’opzione dell’ospedale pubblico è sempre alla sua portata e al massimo paga un ticket. Né si vede in che cosa consista lo statalismo di Obama – come dovrebbe essere per l’infelicità di «quelli di destra». Il costo della riforma, che ruota comunque intorno a un sistema privato, è pari a circa mille miliardi di dollari, ma spalmati su dieci anni.

La riforma di Obama segue il solco di quella di Eisenhower e di Nixon. Il primo prese la decisione di considerare le assicurazioni un costo per le imprese, e quindi ritenne di spingere, con un incentivo fiscale, la diffusione delle polizze ai dipendenti. Il secondo prese la decisione di spingere le imprese a offrire pacchetti assicurativi ai propri dipendenti. Dunque abbiamo polizze che pagano i servizi sanitari, ma non abbiamo l’erogazione diretta degli stessi, come invece avviene in Europa. E così, alla fine, funziona anche la riforma di Obama, che estende la copertura, ma non muta il meccanismo di erogazione. Le società d’assicurazioni possono perciò, se ritengono che vi siano buone ragioni, negare i rimborsi: può accadere che con una polizza «media» si finisca per non avere nulla, o poco. Il «diritto alla salute» finisce col seguire il regolamento di un’azienda privata.

Chi è in grado di pagare l’assicurazione non chiede nulla agli altri. Punto. I poveri e gli anziani sono, invece, aiutati per «compassione». E nessuno contesta la cosa. Si può discutere quanto si debba spendere per i «non poveri non anziani», perché essi non siano «discriminati» nel campo della salute. Alla fine, non si vede il «passaggio epocale» della riforma sanitaria di Obama. Salvo che non si segua questo ragionamento.

Da Reagan in poi, la politica era diventata «il problema» e non «la soluzione». Dopo la crisi finanziaria, la politica – vero o falso che sia – sta diventando «la soluzione» e non più «il problema». La politica ha infatti salvato le banche «troppo grandi per fallire», ma non quelle piccole, e due delle tre grandi case automobilistiche. Ha poi incrementato i trasferimenti alle famiglie, sotto forma di sussidi di disoccupazione, come non era mai accaduto nel secondo dopoguerra. La riforma di Obama, per quanto ruoti intorno al sistema privato delle assicurazioni, sembra spingere nella direzione di un maggior intervento pubblico. Intervento pubblico che ad alcuni piace «per principio», ad altri dispiace, sempre «per principio».




Commenti

Diventa nostro amico su Facebook

Prossimi eventi

23 Mag
Piazza dei Mestieri - Torino

Ricerche e Progetti

 
logo RGR medio 
 
 Non tutte le strade portano a Roma
Il I Rapporto "Giorgio Rota"
sull'innovazione territoriale sostenibile nel Lazio