Bdl / Call for papers 2015

The Bdl call for papers 2015 is open. Deadline for submission: December 31st, 2015.

Bando / Call


Read More...

Buon Natale e Buon Anno! / Merry Christmas and Happy New Year!

Il Centro Einaudi sarà chiuso dal 24 dicembre al 6 gennaio. Durante le vacanze, il sito del Centro non verrà aggiornato salvo novità di rilievo.
From December 24th till January 6th the Centro Einaudi will be closed. During the holidays, the Centro Einaudi website will be updated only for important news.


Read More...

Online il numero 210 di Biblioteca della libertà

Il nuovo fascicolo di Biblioteca della libertà, intitolato Europa: un ideale possibile? contiene articoli di Paolo Natale, Alexander D. Ricci, Mónica Ferrín Pereira, Stefano Sacchi, Francesca Arcostanzo.


Read More...

Adjusting the Adjustment Programmes

International Financial Assistance During the Crisis: Shaping the IMF Template to Fit the Euro Area Countries
Silvia Merisio è l'autrice dell'ultimo paper LPF della serie Comparative politics, appena uscito.


Read More...

La Germania e l'economia sociale di mercato

Alessandro Somma è l'autore che inaugura la serie dei Quaderni di Biblioteca della libertà online.
Quaderno N.1 / 2014


Read More...

Primo Rapporto "Giorgio Rota" sull'innovazione territoriale sostenibile nel Lazio

Non tutte le strade portano a Roma è il titolo del Rapporto presentato a Roma il 13 novembre.
Invito - Download capitoli Rapporto


Read More...
0123456

copertina ebook50 home

Le nostre testate

Biblioteca della libertà

 

Agenda liberale

Bioetica…. o biopolitica?

19/11/2014

Bioetica…. o biopolitica?

di Alessandro Litta Modignani

Sono i liberali conservatori?

12/11/2014

Sono i liberali conservatori?

di Anthony Louis Marasco

Lettera economica

Il "pay gap" fra pubblico e privato

18/12/2014

Il "pay gap" fra pubblico e privato

di Stefano Puppini

Asset Allocation - dicembre 2014

18/12/2014

Asset Allocation - dicembre 2014

di Giorgio Arfaras

Unione bancaria e Basilea 3

12/12/2014

Unione bancaria e Basilea 3

di Monica Straniero

Pubblicazioni

Un disperato bisogno di crescere

a cura di Mario Deaglio

Un disperato bisogno di crescere

Contributi di Giovanni B. Andornino, Giorgio Arfaras, Anna Caffarena, Anna Lo Prete, Paolo Migliavacca, Anna Paola Quaglia, Giuseppe Russo. Presentazione di Franco Polotti. Realizzato...

La Germania e l'economia sociale di mercato

di Alessandro Somma

La Germania e l'economia sociale di mercato

Il 1° Quaderno di Biblioteca della libertà della nuova serie online 2014 raccoglie alcuni saggi di Alessandro Somma apparsi su «Biblioteca della libertà» a partire...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

 

prova 50

3 dicembre 2014  

“I 50 anni del Centro Einaudi"

L'eterno ritorno dell'identico / III

Agli inizi degli anni Trenta si pensò che una politica di austerità potesse riportare la fiducia dei mercati (1). Nella letteratura economica quest’idea è detta «il punto di vista del Tesoro», perché è quanto il Tesoro di Sua Maestà pensava all’epoca. Oggi sembra che le cose non differiscano molto. Lo si vede bene dal G20 (2), che ad aprile sosteneva che non si dovessero toccare le politiche economiche espansive fino a ripresa avvenuta, e oggi sostiene che i bilanci pubblici vanno messi fin da ora sotto controllo.

Si può argomentare a favore di una o dell’altra tesi. La scelta fra le due dipende molto spesso dall’educazione ricevuta, se «keynesiana» oppure «post-keynesiana». Non essendo possibili in economia gli esperimenti di laboratorio – si prova la prima cura e si vede, poi la seconda e si vede –, alla fine si sceglie «al buio».

In questo momento l’onda montante è quella dell’austerità. Ridotta all’essenziale, essa asserisce che: 1) bisogna evitare che i tassi d’interesse (= i rendimenti) sul debito pubblico crescente salgano; 2) essi potrebbero salire, perché un debito crescente potrebbe non essere assorbito dai mercati con dei rendimenti bassi; 3) se salissero i rendimenti sul debito pubblico, salirebbero i tassi di interesse per i privati, con nocumento per il finanziamento dei consumi e degli investimenti; 4) salirebbe il costo del debito pubblico, ciò che renderebbe molto più costose le manovre di correzione.

Implicito nel ragionamento è che l’economia si possa riprendere per conto proprio, ossia senza un sostegno forte della spesa pubblica in deficit. Come andrà a finire ora non lo sappiamo, ma sapremo alla fine.


(1) http://www.ft.com/cms/s/0/6c3604b8-798c-11df-85be-00144feabdc0.html

(2) http://www.centroeinaudi.it/notizie/prima-giapponesi-e-poi-rigoristi.html

Le puntate precedenti:

http://www.centroeinaudi.it/commenti/l-eterno-ritorno-dell-identico.html

http://www.centroeinaudi.it/notizie/leterno-ritorno-dellidentico-/-ii.html


Nota aggiunta il 19 giugno:

L'economista Paul Krugman è contrario all'austerità tornata in voga. Prende allora i casi in cui i paesi che hanno perseguito l'austerità fiscale sono tornati a crescere. E sostiene di aver trovato quanto segue: "So every one of these stories says that you can have fiscal contraction without depressing the economy IF the depressing effects are offset by huge moves into trade surplus and/or sharp declines in interest rates. Since the world as a whole can’t move into surplus, and since major economies already have very low interest rates, none of this is relevant to our current situation".

http://krugman.blogs.nytimes.com/2010/06/18/fiscal-fantasies-2/






Commenti

Diventa nostro amico su Facebook

Prossimi eventi

Ricerche e Progetti

 
logo RGR medio 
 
 Non tutte le strade portano a Roma
Il I Rapporto "Giorgio Rota"
sull'innovazione territoriale sostenibile nel Lazio
presentato il 13 novembre a Roma