Nuovo sito REScEU

Reconciling Economic and Social Europe: the role of ideas, values and politics –REScEU” - è un progetto di ricerca quinquennale finanziato dal Consiglio europeo della ricerca (ERC) volto a indagare la complessa interazione tra due preziose eredità del XX secolo: il Welfare State e l'Unione Europea.


Read More...

Una proposta di metodo per misurare le performance di progetti sociali complessi

Il nuovo Working Paper 2Wel di Daniele Checchi, Claudio Gianesin, Samuele Poy è disponibile online.  

 


Read More...

Online il numero 212 di Biblioteca della libertà

Europa al bivio è il titolo del nuovo fascicolo di Biblioteca della libertà, appena pubblicato.  


Read More...

La sfida metropolitana

Presentato sabato 23 maggio il XVI Rapporto «Giorgio Rota» su Torino, disponibile online.

Locandina Video


Read More...

Bdl / Call for papers 2015

The Bdl call for papers 2015 is open. Deadline for submission: December 31st, 2015.

Bando / Call


Read More...
012345

copertina ebook50 home

Le nostre testate

Biblioteca della libertà

 

Agenda Liberale

UNDER CONSTRUCTION

11/03/2015

UNDER CONSTRUCTION

Per il rinnovo della linea editoriale sono sospese temporamente le pubblicazioni di Agenda Liberale

Lettera economica

Grecia Europa: colpo di scena

28/06/2015

Grecia Europa: colpo di scena

Giorgio Arfaras

Grecia Europa: la Sovranità

26/06/2015

Grecia Europa: la Sovranità

Giorgio Arfaras

Banche e Grecia

25/06/2015

Banche e Grecia

Stefano Puppini

Pubblicazioni

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

di AA.VV.

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi pubblica il Secondo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati i paper dei vincitori della seconda...

Un disperato bisogno di crescere

a cura di Mario Deaglio

Un disperato bisogno di crescere

Contributi di Giovanni B. Andornino, Giorgio Arfaras, Anna Caffarena, Anna Lo Prete, Paolo Migliavacca, Anna Paola Quaglia, Giuseppe Russo. Presentazione di Franco Polotti. Realizzato...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

 Immagine x sito

 

23 Maggio 2015

Presentazione XVI Rapporto Giorgio Rota su Torino

"La sfida metropolitana"

Bacheca

Star system

Nell’immaginario dei media, Paul Krugman (1) è diventato il novello Keynes. Il Nobel per l’economia predica da sempre che la ricetta dello stimolo è l’unica che possa salvare il mondo dalla Grande Depressione, e s’infuria quando s’accorge che non tutti la pensano come lui. S’arrabbia con Barack Obama, perché non ha ancora fatto approvare un secondo pacchetto di stimolo, e anzi lascia che i cosiddetti «merkeliani» avanzino le loro idee all’interno dell’Amministrazione (2).

I «merkeliani» sono soprattutto i consiglieri politici, che hanno a cuore il fatto che non si arrivi alla soglia delle elezioni del 2012 nel momento peggiore della politica tax and spend. La moda europea di mettere a posto i bilanci, poi, è il sommo cruccio di Krugman. Se il Vecchio Continente insiste nel deprimere la domanda con l’adozione di rigide politiche di austerity, spiega il premio Nobel, tutto il mondo ne risentirà, a partire dagli americani. Anche l’Amministrazione Obama su questo è d’accordo, come è emerso durante l’ultimo vertice del G20, soprattutto quando fa le sue valutazioni in vista delle elezioni di mid-term: l’occupazione – il vero obiettivo politico di quest’anno – non può crescere se non c’è una domanda forte all’estero di prodotti americani. Nel suo piano, Obama prevede che le esportazioni statunitensi raddoppino entro il 2015 (3). Soltanto così, secondo lui, si possono creare nuovi posti di lavoro.

Ma l’austerity deprime davvero la domanda? Krugman ne è assolutamente certo, e quando si sente preso troppo di mira da chi sostiene altro rispetto a lui, si ribella. Il premio Nobel sembra tanto spocchioso quanto ironico, soprattutto al di fuori delle sue colonne sul «New York Times», sul suo blog per esempio (4).

È successo con «The Economist», che l’ha citato in un editoriale in cui criticava la posizione krugmanian-keynesiana. Krugman ha risposto (5): «I’m Gonna Haul Out The Next Guy Who Calls Me “Crude” And Punch Him In The Kisser», che è come dire «smettetela di contraddirmi o vi spaccherò il muso».

È successo con John Paulson, che guida un importante hedge fund. Secondo Krugman è in arrivo una Terza Depressione, soprattutto se continua la tendenza all’austerità di buona parte del globo. Paulson, invece, scommette sulla ripresa. Chi ha ragione?, chiede «Businessweek» (6). Entrambi hanno buoni argomenti, soltanto il tempo dirà chi sta facendo la scommessa migliore. Ma Paulson gioca con il mercato, e Krugman con la storia, chiosa il magazine, «che è ben più complesso». Intanto il premio Nobel non si fa sfuggire l’occasione per fare polemica: segnala che Paulson ha perso profitti per due mesi di fila (7) e commenta: «Spero che per Paulson le cose migliorino, ma non scommetteteci troppo».



 

 

Commenti

Comments are now closed for this entry

Diventa nostro amico su Facebook

Prossimi eventi

Ricerche e Progetti

 
logo RGR medio 
 
La sfida metropolitana

 Presentato sabato 23 maggio
il XVI Rapporto «Giorgio Rota» su Torino
disponibile online