Giuseppe Russo è il nuovo Direttore del Centro Einaudi

Il Presidente e il Comitato Direttivo ringraziano il consigliere Giuseppe Russo per la disponibilità ad assumere l’incarico di Direttore, certi che con lui proseguirà lo sforzo del Centro di approfondimento del pensiero liberale e di partecipazione alle grandi issue del dibattito politico contemporaneo.


Read More...

Il bilancio delle risorse per il Piemonte

La ricerca, svolta dal Centro Einaudi in collaborazione con la Camera di Commercio di Torino, si propone come uno strumento conoscitivo utile rispetto all'assunzione di scelte allocative strategiche sul territorio torinese e piemontese. Presentazione il 10 settembre. Locandina    


Read More...

Bando progetto europeo REScEU

È disponibile online il bando per 3 assegni di ricerca della durata di 24 mesi per la collaborazione ad attività di ricerca nell'area scientifico-disciplinare delle scienze politiche e sociali nell'ambito del progetto REScEU (Reconciling Economic and Social Europe: Values, Ideas and Politics), coordinato da Maurizio Ferrera e premiato dall'European Research Council. Scadenza 3 settembre 2014.
Bando
Call
           


Read More...

Primo Rapporto "Giorgio Rota" su Napoli

Ci vuole una terra per vedere il mare è il titolo del primo Rapporto "Giorgio Rota" su Napoli, presentato all'Unione Industriali di Napoli.


Read More...

Desert as a Criterion of Justice. Against Unfair Equality

Michele Giavazzi è l'autore dell'ultimo paper LPF, appena uscito.    


Read More...

Famiglie e imprenditori, ripresa in arrivo

Presentata il 2 luglio l'Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2014, un progetto del Centro Einaudi e di Intesa Sanpaolo, basato su interviste effettuate da Doxa fra gennaio e febbraio 2014 a 1.061 capifamiglia, correntisti bancari e/o postali. 


Read More...
0123456

Le nostre testate

Agenda liberale

La giustizia in Italia / I

30/07/2014

La giustizia in Italia / I

di Andrea Del Corno con Emanuela Strina

Una nuova guerra fredda

30/07/2014

Una nuova guerra fredda

di Anthony Louis Marasco

Dalla Striscia di Gaza: nulla da segnalare

25/07/2014

Dalla Striscia di Gaza: nulla da segnalare

di Antonio Picasso

Lettera economica

Petrologia - prima parte

26/08/2014

Petrologia - prima parte

di Antonio Picasso

La stagnazione secolare / I

24/08/2014

La stagnazione secolare / I

di Giorgio Arfaras

Asset Allocation - agosto 2014

17/08/2014

Asset Allocation - agosto 2014

di Giorgio Arfaras

The Italian Job

Still in the Long Tunnel

17/05/2013

Still in the Long Tunnel

di Giorgio Arfaras

Gloomy Skies

27/03/2013

Gloomy Skies

di Giuseppina De Santis

Pubblicazioni

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2014

a cura di Giuseppe Russo

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2014

Famiglie e imprenditori, ripresa in arrivo. L'Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2014, a cura di Giuseppe Russo e svolta in...

Quaderni del Premio «Giorgio Rota»

a cura di AA.VV.

Quaderni del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi è particolarmente lieto di pubblicare questo primo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

VIDEO  XV

 

7 giugno 2014 - Presentazione XV Rapporto "Giorgio Rota " su Torino

"Semi di Fiducia"

 

 

 

 

Un mezzo cigno nero

Se voi foste il responsabile per la stabilità finanziaria di una banca centrale, probabilmente quel che è accaduto qualche tempo fa vi preoccuperebbe. Questo sembra il caso di Andrew Haldane, che svolge questo lavoro per la Bank of England (1). Il 6 maggio 2010 circa 200 titoli maggiori caddero – improvvisamente e senza una ragione evidente – del 50% dalle 14.00 alle 14.45.


Si pensa che questo avvenimento sia da collegare con gli scambi degli operatori ad alta frequenza (High Frequency Traders = HFT). Costoro comprano e vendono titoli in un millesimo di secondo. Gli HFT sembrano muovere il 70% dei titoli azionari scambiati giornalmente negli Stati Uniti, e il 35% in Europa. Per quale motivo gli scambi avvengono in millesimi di secondo, invece di avvenire dopo che si è meditato a lungo sull’economia e sulle imprese quotate? Per quale motivo l’Impazienza ha preso il sopravvento sulla Pazienza? Haldane espone delle ipotesi, ma non dice quale sia la «causa» e neppure evoca una «cura».


  • Secondo lui esistono tre tipi di investitori: i Pazienti (quelli del «si guadagna solo alla lunga»); gli Impazienti (quelli dello «sporco, maledetto e subito»); gli Accodati (quelli del «seguo l’onda»). I Pazienti comprano solo quando i prezzi sono vicini o sotto i fondamentali (misurati come la media di molti anni di dividendi scontata per il rendimento di molti anni delle obbligazioni), e vendono «allo scoperto» quando sono sopra; gli Impazienti comprano quando i prezzi sono in salita sul mese precedente, e vendono «allo scoperto» quando sono in discesa sul mese precedente; gli Accodati seguono il movimento maggiore, sia esso messo in moto dai Pazienti o dagli Impazienti.

  • Le tipologie e i comportamenti come definiti da Haldane sono estremi, e perciò rendono rendono l’idea. Per il sopravvento degli Impazienti si sono prodotti due fenomeni nel tempo, laddove il Tempo è la Borsa statunitense dal 1880 e quella inglese dal 1920: 1) i prezzi e i fondamentali sono sempre più distanti. La volatilità (la variazione positiva e negativa dalla media divisa per la media) dei prezzi rispetto a quella dei fondamentali è passata negli ultimi cinquant’anni da circa il doppio fino a un massimo di dieci volte; 2) gli scambi sono aumentati vertiginosamente. Questi sono misurati come il valore della Borsa diviso il valore degli scambi di un anno. Negli Stati Uniti si è passati da un valore di 7, in voga sessant’anni fa, ossia la Borsa era sette volte gli scambi, fino a un valore odierno inferiore a uno.

Insomma, si scambiano vorticosamente delle attività lontane dai valori ormai da decenni. Quali sono stati i risultati dell’interazione dei tipi d’investitore? Se uno avesse seguito la strategia dei Pazienti non avrebbe guadagnato nulla, mentre avrebbe guadagnato moltissimo se avesse seguito quella degli Impazienti.


Hanno quindi vinto gli Impazienti? Per il momento sembrerebbe, sempre che un’oscura vicenda come quella ricordata all’inizio non rispuntasse e, invece di rientrare dopo tre quarti d’ora, durasse una seduta intera. Gli Impazienti uscirebbero, gli Accodati si spaventerebbero e i Pazienti forse comprerebbero, ma non è detto, dipende dallo scarto fra i prezzi e i fondamentali. Gli Impazienti hanno vinto, ma le fondamenta della vittoria non sono solide. Una vicenda come quella del 6 maggio sarebbe potuta essere un «cigno nero», ossia un evento imprevedibile ad alto impatto. È stata, invece, un mezzo cigno nero, perché imprevedibile, ma senza un impatto duraturo.



(1) http://www.bankofengland.co.uk/publications/speeches/2010/speech445.pdf




Commenti

Diventa nostro amico su Facebook

Prossimi eventi

Ricerche e Progetti

 
logo RGR medio 
 
I Rapporto "Giorgio Rota" su Napoli
 
XV Rapporto "Giorgio Rota" su Torino