Nuovo sito REScEU

Reconciling Economic and Social Europe: the role of ideas, values and politics –REScEU” - è un progetto di ricerca quinquennale finanziato dal Consiglio europeo della ricerca (ERC) volto a indagare la complessa interazione tra due preziose eredità del XX secolo: il Welfare State e l'Unione Europea.


Read More...

Una proposta di metodo per misurare le performance di progetti sociali complessi

Il nuovo Working Paper 2Wel di Daniele Checchi, Claudio Gianesin, Samuele Poy è disponibile online.  

 


Read More...

Online il numero 212 di Biblioteca della libertà

Europa al bivio è il titolo del nuovo fascicolo di Biblioteca della libertà, appena pubblicato.  


Read More...

La sfida metropolitana

Presentato sabato 23 maggio il XVI Rapporto «Giorgio Rota» su Torino, disponibile online.

Locandina Video


Read More...

Bdl / Call for papers 2015

The Bdl call for papers 2015 is open. Deadline for submission: December 31st, 2015.

Bando / Call


Read More...
012345

copertina ebook50 home

Le nostre testate

Biblioteca della libertà

 

Agenda Liberale

UNDER CONSTRUCTION

11/03/2015

UNDER CONSTRUCTION

Per il rinnovo della linea editoriale sono sospese temporamente le pubblicazioni di Agenda Liberale

Lettera economica

Grecia Europa: colpo di scena

28/06/2015

Grecia Europa: colpo di scena

Giorgio Arfaras

Grecia Europa: la Sovranità

26/06/2015

Grecia Europa: la Sovranità

Giorgio Arfaras

Banche e Grecia

25/06/2015

Banche e Grecia

Stefano Puppini

Pubblicazioni

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

di AA.VV.

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi pubblica il Secondo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati i paper dei vincitori della seconda...

Un disperato bisogno di crescere

a cura di Mario Deaglio

Un disperato bisogno di crescere

Contributi di Giovanni B. Andornino, Giorgio Arfaras, Anna Caffarena, Anna Lo Prete, Paolo Migliavacca, Anna Paola Quaglia, Giuseppe Russo. Presentazione di Franco Polotti. Realizzato...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

 Immagine x sito

 

23 Maggio 2015

Presentazione XVI Rapporto Giorgio Rota su Torino

"La sfida metropolitana"

Bacheca

Avviso ai naviganti / I

Molti comprano – a cavallo del 2010 – le azioni dei paesi emergenti perché pensano che i prezzi non ne riflettano ancora il «radioso avvenire». Molti compravano le azioni giapponesi – a cavallo del 1990 – per lo stesso motivo, e molti, di nuovo, compravano le azioni della tecnologia – a cavallo del 2000 – sempre per lo stesso motivo. Ogni dieci anni abbiamo un’area dell'economia con un «radioso avvenire».

Che cosa hanno in comune la Cina e l’India con il Giappone del 1990 e con la tecnologia del 2000? I prezzi delle azioni pari a cinque volte il valore di libro (price to book value) delle imprese. Il grafico che proponiamo in allegato mostra il punto (1). Un paio d’anni fa la Cina e l’India avevano una valutazione pari a quella del Giappone e della tecnologia all'apice della gloria. Poi le azioni cinesi e indiane sono flesse. L’entusiasmo verso questi paesi potrebbe riportare le valutazioni verso i valori di due anni fa.

Un prezzo pari a cinque volte il valore di libro può sembrare un numero qualunque, ma è un'enormità. Se compro un’azione che ha il prezzo eguale al valore di libro penso che l’impresa avrà una crescita eguale al rendimento dei titoli di stato; il quale rendimento è – in media – pari alla crescita dell’economia. Se la pago di più penso che avrà un rendimento maggiore. Con un prezzo pari a cinque volte il valore di libro, le imprese dovrebbero avere – per ripagare l’investimento – un tasso di crescita di parecchie volte superiore alla crescita media dell’economia mondiale, e anche per moltissimi anni.

La vita è cambiata grazie alla tecnologia, si pensi a Internet e al telefonino, ma i prezzi delle sue azioni sono caduti. Il Nasdaq era a 5.000 punti, adesso è a 1.500. Un mutamento economico anche definitivo non si riflette necessariamente nel prezzo delle azioni, che non conoscono il «moto perpetuo». Il Giappone sembrava inarrestabile, per la innegabile qualità dei suoi prodotti industriali. Il Nikkei era a 40.000 punti, oggi è a 10.000.

Avvertiamo i naviganti: all’orizzonte era apparsa una «bolla», poi è scomparsa, ora sembra riapparire. Un segnale tipico della bolla è la convinzione che «questa volta è diverso». Dunque che la Cina e l’India hanno caratteristiche che le rendono uniche, e via dicendo.


(1 http://www.centroeinaudi.it/images/stories/economia/notizie/price%20to%20book%20value%20delle%20tre%20bolle.jpg

Commenti

Comments are now closed for this entry

Diventa nostro amico su Facebook

Prossimi eventi

Ricerche e Progetti

 
logo RGR medio 
 
La sfida metropolitana

 Presentato sabato 23 maggio
il XVI Rapporto «Giorgio Rota» su Torino
disponibile online