Liberalism and the Principle of Difference: Rawls Tested by Larmore’s Theory. Part II

Alberto De Luigi è l'autore dell'ultimo paper LPF della serie Political Philosophy, appena uscito.


Read More...

Free Speech. Meriti, limiti, dilemmi

Pubblicato il n. 211 di «Biblioteca della libertà», a cura e introduzione di Beatrice Magni. Editoriale di Salvatore Carrubba. Saggi di Michele Bocchiola, Luca Mori, Silvia Godano, Franco Manti, Paola Premolli De Marchi, Margarite Helena Zoeteweij-Turhan, Giuseppe Vaciago.


Read More...

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro Einaudi pubblica il Secondo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati i paper dei vincitori della seconda edizione 2013 del Giorgio Rota Best Paper Award sul tema Creative Entrepreneurship and New Media: Alessandro Gandini, Fania Valeria Michelucci, Giovanna Santanera. Presentazione di Mario Deaglio.


Read More...

Scuola di Liberalismo 2015

Dal 17 febbraio al 14 aprile, al Centro Einaudi, in collaborazione con gli Amici della Fondazione Einaudi e l'Ora Libera(le). Lezioni di Giandomenico Barcellona, Rosamaria Bitetti, Marco Bollettino, Riccardo De Caria, Luca Ferrini, Valerio Gigliotti, Kishore Jayabalan, Davide Meinero, Pietro Paganini, Emilia Sarogni, Roberto Francesco Scalon, Paolo Silvestri, Francesco Tuccari, Valerio Zanone e Giacomo Zucco.

Locandina Video ciclo incontri


Read More...

Bdl / Call for papers 2015

The Bdl call for papers 2015 is open. Deadline for submission: December 31st, 2015.

Bando / Call


Read More...

Giorgio Rota Best Paper Award

The Centro Einaudi launches the 3rd annual Giorgio Rota Best Paper Award.


Read More...
012345

copertina ebook50 home

Le nostre testate

Agenda liberale

Se si votasse oggi in Gran Bretagna

04/03/2015

Se si votasse oggi in Gran Bretagna

di Francesco Chiamulera

Obama e la risposta dei democratici al terrorismo

25/02/2015

Obama e la risposta dei democratici al terrorismo

di Anthony Louis Marasco

Lettera economica

L'illusione della certezza

03/03/2015

L'illusione della certezza

di Giorgio Arfaras

Asset Allocation febbraio 2015 - nota

27/02/2015

Asset Allocation febbraio 2015 - nota

di Giorgio Arfaras

L'Italia nelle classifiche / III

27/02/2015

L'Italia nelle classifiche / III

di Stefano Puppini

Pubblicazioni

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

di AA.VV.

II Quaderno del Premio «Giorgio Rota»

Il Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi pubblica il Secondo Quaderno del Premio «Giorgio Rota» nel quale sono presentati i paper dei vincitori della seconda...

Un disperato bisogno di crescere

a cura di Mario Deaglio

Un disperato bisogno di crescere

Contributi di Giovanni B. Andornino, Giorgio Arfaras, Anna Caffarena, Anna Lo Prete, Paolo Migliavacca, Anna Paola Quaglia, Giuseppe Russo. Presentazione di Franco Polotti. Realizzato...

Biblioteca Fulvio Guerrini

Biblioteca Fulvio Guerrini

Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo, con ampio spazio anche per pubblicazioni, banche dati e periodici italiani e stranieri.

 

Accedi e consulta l'archivio online>

I nostri video

Il ragionamento che non condividiamo

Chi pensa che «il peggio sia alle spalle» pensa anche che abbia senso comprare azioni, perché queste ultime «anticipano la ripresa». Il ragionamento, stilizzato nel primo grafico, si presenta così: 1) abbiamo la prima fase, dove cadono sia i prezzi sia gli utili, quello che è accaduto dal 2007 fino a qualche tempo fa; 2) abbiamo la seconda fase, la zona d’ombra (twilight zone), dove secondo alcuni saremmo da qualche tempo, nella quale gli utili continuano a cadere, ma i prezzi risalgono; 3) abbiamo, infine, la terza fase, che non si è ancora materializzata, dove salgono sia i prezzi sia gli utili.


Nel 1990-1991 e nel 2000-2002 le cose – almeno per lo Standard & Poor’s 500 – andarono come nel ragionamento esposto: il secondo blocco di grafici. Concludiamo l’esposizione del ragionamento che non condividiamo mostrando il terzo grafico. Qui è stilizzata la situazione odierna. (Si noti che la direzione delle cose è data dal 12 Months Forward P/E, ossia dai prezzi correnti divisi per gli utili attesi per il 2009).
 
I grafici provengono da Citigroup, che espone brillantemente il ragionamento, ma alla fine consiglia «prudenza» (1). Dissentiamo dal ragionamento. Questa è una crisi diversa da quelle del 1990-1991 e del 2000-2002, quando si è avuta una caduta dell’attività economica e una successiva veloce ripresa. Una crisi a «V». La crisi in corso avrà, secondo noi, un periodo di «decantazione» lungo, una crisi a «U», se le politiche economiche funzioneranno, e, se non funzioneranno, una crisi a «L», ossia una recessione seguita da una crescita mediocre. Quella in corso è una crisi finanziaria globale, e le crisi economiche che hanno origine finanziaria e per di più globale sono quelle che, nell’esperienza storica, durano più a lungo. In altre parole, a nostro avviso, oggi non siamo ancora nella zona d’ombra che dovrebbe essere seguita dopo poco tempo da una forte ripresa. La zona d’ombra, che in linea logica esiste, secondo noi non è ancora tale in linea pratica. Essa arriverà, ma più in là nel tempo.
 
Una nota finale. Il terzo grafico di Citigroup mostra un Forward P/E intorno a 15 volte. Gli utili attesi sono quelli «pro forma» (operating) e non quelli «rettificati» (GAAP). I primi sono gli utili senza poste straordinarie forniti dalle aziende – di solito con molta enfasi e ripresi dai giornali, con titoli quasi sempre enfatici, e senza certificazione. I secondi sono quelli rettificati secondo le regole contabili comunemente accettate, sono forniti sempre dalle aziende e sono certificati.
 
La tabella (2) divide gli utili per trimestre (QTRLY = quarterly) e li somma su base annuale, man mano che il tempo passa, perciò gli utili del primo trimestre del 2009 sono quelli dal 1° aprile del 2008 fino al 31 marzo del 2009 (TMT = Twelve Months Trailing).  Si vede la differenza a fine 2009 fra gli utili operating (58 dollari) e quelli GAAP (28,1 dollari). Quest’anno il rapporto prezzo/utili, ossia il rapporto fra il livello corrente dell’indice dello Standard & Poor’s e l’indice degli utili del 2009, secondo gli utili «pro forma» è di 15 volte, proprio come nei conti di Citigroup, altrimenti è di 30,8.
 
La differenza è abissale. Nel primo caso il mercato azionario non è caro, nel secondo lo è. In passato la differnza contabile non era abissale, ma lo è diventata dalla fine degli anni Novanta (3). Al di là della differenza contabile abissale, resta aperta la questione se gli utili si riprenderanno in fretta come nel passato.



(1) http://ftalphaville.ft.com/blog/2009/05/01/55395/you-are-now-entering-the-twilight-zone-citi-says

(2) http://www.decisionpoint.com/TAC/SWENLIN.html

(3) http://www.centroeinaudi.it/notizie/poche-parole-e-tre-grafici.html


le_tre_fasi_du_una_recessione

recessioni_90_e_00

la_recessione_in_corso

utili_2009


Commenti

Diventa nostro amico su Facebook

Prossimi eventi

Ricerche e Progetti

 
logo RGR medio 
 
 Non tutte le strade portano a Roma
Il I Rapporto "Giorgio Rota"
sull'innovazione territoriale sostenibile nel Lazio