Tag: elezioni

Il voto segreto di Trump

L’America ha detto no alla “dinastia Cinton” e si è imbarcata sull’ottovolante di Donald Trump, vincitore contro ogni previsione, che ha instaurato un reale predominio repubblicano a Washington dalle conseguenze imprevedibili.

L’America della punizione

It’s morning again in America. Era il famoso slogan di una pubblicità televisiva utilizzata da Ronald Reagan nelle presidenziali del 1984. Trentadue anni fa l’America reaganiana si univa intorno a un’epica del lavoro, del dinamismo imprenditoriale e manageriale, dell’ordinato tran tran della vita provinciale e suburbana.

A cinque giorni dal voto

È tutto cambiato, così in fretta. Nell'ultima settimana di ottobre Hillary Clinton accarezzava il sogno di vincere in stati tradizionalmente repubblicani che nemmeno Barack Obama nel 2008 era riuscito a conquistare. Georgia, Arizona, persino il Texas. Poi è successo l’affare Comey.

Un finale sconvolgente

Una cosa è certa nello sconvolgente finale della maratona presidenziale americana: sarà un cliffhanger, un esito in bilico all’insegna del suspense

Un anno elettorale senza precedenti tra eccessi, accuse e propaganda

Il 2016 è un anno di elezioni presidenziali che certamente passerà alla storia in America per una sconvolgente moltitudine di ragioni.

Bianchi, maschi e non laureati

“Ecco come sanare l’America. Il presidente Obama firma un executive order che obbligherà lo sconfitto delle presidenziali a lasciare la nazione”. Ovviamente è satira - quella di Andy Borowitz per il New Yorker. Ma la polarizzazione estrema delle presidenziali 2016 è già entrata nella storia.

Limitare i danni

Limitare i danni prodotti dalla propria candidatura. I danni prodotti dalla propria natura, verrebbe da dire, se non suonasse forse un po’ perentorio. Ma è così.

Stamina e temperament

La consultazione presidenziale di Novembre verrà decisa dai giudizi circa lo stile e il “temperamento” dei candidati, ma anche sul modo in cui due tra i candidati più impopolari di sempre si relazionano a establishment e ruling class.

Il primo dibattito presidenziale americano

Hillary Clinton e Donald Trump si sono scontrati lunedì sera nel primo dei tre dibattiti televisivi delle presidenziali 2016. I temi erano sicurezza nazionale, direzione dell’America, economia. Ecco com’è andata, in dieci battute.

Putin trionfa alla Duma, ma i Russi disertano le urne

Il recente successo elettorale di Putin alla Duma russa è molto meno scontato e ovvio di quanto si presenti a prima vista.

Il demolition derby negli USA

Come in un “demolition derby”, la cui regola è di sfasciare le vetture degli altri contendenti, la campagna elettorale americana è solo più basata sullo scambio di insulti e accuse tra Hillary Clinton e Donald Trump. Nessun progetto, nessuna idea per il Paese.

L’eredità di Sanders

La domanda che domina la scena politica americana è principalmente questa: cosa faranno a Novembre tutti coloro che hanno abbracciato la “rivoluzione politica” di Bernie Sanders ?

Trump e la retorica del superuomo

Nella ricerca del consenso tutti candidati delle presidenziali americane hanno puntato su gruppi specifici di elettori. La retorica da superman di Trump ha guadagnato voti soprattutto tra gli uomini. Il problema di Trump è con le donne, i liberali progressisti e chi è più machista e patriottico di lui.

Gli scenari imprevedibili di Donald Trump, ovvero la politica estera USA in chiave elettorale

La sempre meno irrealistica candidatura di Trump alla Presidenza degli Stati Uniti ravviva gli attacchi dei suoi avversari, di recente focalizzati sui redditi del miliardario repubblicano. Ma è in materia di politica estera che l’elezione di Trump aprirebbe scenari imprevedibili e rischiosi, soprattutto per l’Europa.

Bernie Sanders: una sconfitta che equivale a una vittoria

Bernie Sanders, il candidato più anziano delle primarie americane, resta un temibile avversario per Hillary Clinton, ben al di là di quello che si pensi. Indipendentemente dall’esito finale, Sanders si è affermato come il leader di un movimento progressista destinato a agitare profondamente il suo stesso partito.

Il populismo in America ieri e oggi

Archiviatoil Super Tuesday del 2016, è utile riflettere sui toni populisti e “anti-sistema” adottati da Trump e Sanders: un atteggiamento che in America ha radici antiche, risalenti alla fine dell’Ottocento.

Quello che c’è da sapere sul Super Tuesday

I numeri del Super Tuesday 2016 restituiscono un quadro fosco. Hillary vince. Trump vince di più e beneficia della grande partecipazione popolare alle primarie repubblicane.

I campi scuri della Repubblica

Non c’è niente di più iconico e suggestivo, per riassumere la piega che ha preso la corsa alle presidenziali americane, del confronto tra due palcoscenici nelle primarie del South Carolina: quello del grande vincitore e del grande perdente.

Citizens United: la decisione più osteggiata della corte suprema

Dall’approvazione della legge costituzionale “Citizens United” del 2010, l’afflusso del “big money” in politica è diventata una pratica consistente e molto diffusa, con evidenti rischi per la democrazia statunitense

Primarie USA: duri, impetuosi e ribelli

All’apertura della corsa alla Casa Bianca colpisce la perdurante situazione di conflitto interna tanto ai Democratici quanto ai Repubblicani. In entrambi gli schieramenti, le candidature dei cosiddetti outsider mettono in forte difficoltà le vecchie élite di partito. Ammesso che esistano ancora.

Prossimi eventi

23 Nov
Sala "Norberto Bobbio" - Torino
21 Nov
Grattacielo Intesa Sanpaolo - Torino

Diventa nostro amico su Facebook

Ricerche e Progetti

logo RGR medio

  • Recuperare la rotta é il titolo del XVIII Rapporto «Giorgio Rota» su Torino, presentato il 7 ottobre alla Biblioteca Nazionale.

lpf logo

Biblioteca F. Guerrini

biblioteca guerrini

 Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo.