Tag: USA

Un mese infausto per Donald Trump

Il mese di Febbraio non poteva essere più crudele per il Presidente Trump.

Trump e lo shutdown, una nazione in sospeso

Donald Trump non è mai stancato di vantare la sua capacità di “deal maker” dalla collaudata, a volte brutale, tecnica negoziale. Oggi, una cosa è certa, il Presidente Trump è totalmente incapace di trovare soluzioni negoziate con l’opposizione democratica e con la stessa leadership del partito repubblicano.

2018: Verso un redde rationem in America?

Il nuovo anno ha portato qualche certezza per i democratici, animati dalla forte e più unitaria volontà di far deragliare una Presidenza che distrugge quotidianamente i valori istituzionali dell’America.

Il declino di Trump e i sogni dei democratici

Tanto tuonò che piovve. In Alabama, tradizionale roccaforte repubblicana, la diga dei consensi trumpiani ha cominciato a sgretolarsi. La prospettiva di una presidenza one-term, ossia di un solo mandato, incombe ormai su Donald Trump.

La Virginia ha detto no al Trumpismo

La Virginia – terra madre di otto presidenti – ha detto no al trumpismo, eleggendo in massa i tre candidati democratici alle cariche statali. Altrettanto eccezionale è stata l’elezione del primo candidato transgender nella storia politica americana.

Nove mesi di sfacelo

Sono passati nove mesi ma la gestazione presidenziale di Donald Trump ha prodotto solo un topolino nella persona di un nuovo giudice della Corte Suprema, imposto da una scandalosa forzatura procedurale della maggioranza repubblicana al Senato.

Le prove di valzer del Presidente Trump

Donald Trump, un personaggio televisivo all’insegna del “make a deal” (facciamo un affare) passato ad occupare la Casa Bianca con una disinvoltura stupefacente negli annali di storia americana, è tornato a cercare un “deal” con chi meno se lo aspettava, i bistrattati democratici.

La nuova guerra civile si fa calda

La nuova guerra civile fredda, della qualesi è scritto mesi fa, si va facendo calda dopo i fatti di Charlottesville e l’avvento, generato dall’immoralità del Presidente Trump, di una falsa e distruttiva equivalenza tra la alt-right razzista e neonazista e la alt-left artificiosamente eretta dalla destra per delegittimare la crescente opposizione

...

Il mano a mano Trump - Mueller

Sono molti gli Americani, certamente una maggioranza, che sperano nel ripetersi dell’episodio che nel Giugno 1954, durante gli interminabili Army-Mc Carthy Hearings, produsse la memorabile condanna del Senatore Joseph McCarthy da parte dell’avvocato Joseph Welch.

Trump, una farsa americana

La presidenza Trump va rapidamente degenerando in una farsa che attanaglia l’America e compromette la sua credibilità sul palcoscenico mondiale.

Cento giorni vacui

I primi cento giorni di Donald Trump segnano un esordio tra i più vacui nella storia presidenziale degli Stati Uniti.

L’America in una guerra civile fredda

Con il partito repubblicano spaccato dagli antagonismi interni e un Presidente incapace a guidare l’azione politica ed economica del suo partito, gli Stati Uniti sono sulla soglia dell’ingovernabilità.

Il turbolento avvio dell’amministrazione Trump

Del Presidente Trump numerose sono le dichiarazioni, spesso altisonanti. Molte meno le realizzazioni.

Dopo il caos, ritorna l’ordine costituzionale

I primi cento giorni di Donald Trump riportano l’attenzione di media e politici sul vetusto (ma ancora efficiente) sistema costituzionale dei “checks and balances”.

Trump e le sue realtà alternative

Il conflitto aperto tra Trump e la stampa, tradizionalmente celebrata negli Stati Uniti come il “quarto potere”, è un aspetto dirompente di come la transizione tra il vecchio e il nuovo Presidente sia quanto mai disordinata.

Le inquietudini dell’addio di Barack Obama

Per Obama potenti interessi stranieri esercitano forti pressioni sul processo elettorale americano contribuendo ad un decadimento politico senza precedenti.

Il Presidente Trump e gli equilibri di potenza

Erano in molti ad aspettarsi sorprese dal Presidente eletto Donald Trump, ma la politica estera sembrava il settore meno confacente a colpi di scena.

Il voto segreto di Trump

L’America ha detto no alla “dinastia Cinton” e si è imbarcata sull’ottovolante di Donald Trump, vincitore contro ogni previsione, che ha instaurato un reale predominio repubblicano a Washington dalle conseguenze imprevedibili.

L’America della punizione

It’s morning again in America. Era il famoso slogan di una pubblicità televisiva utilizzata da Ronald Reagan nelle presidenziali del 1984. Trentadue anni fa l’America reaganiana si univa intorno a un’epica del lavoro, del dinamismo imprenditoriale e manageriale, dell’ordinato tran tran della vita provinciale e suburbana.

A cinque giorni dal voto

È tutto cambiato, così in fretta. Nell'ultima settimana di ottobre Hillary Clinton accarezzava il sogno di vincere in stati tradizionalmente repubblicani che nemmeno Barack Obama nel 2008 era riuscito a conquistare. Georgia, Arizona, persino il Texas. Poi è successo l’affare Comey.

Prossimi eventi

11 Giu
Sala Lazzati, Fondazione Ambrosianeum - MILANO
01 Giu
Campus Luigi Einaudi - Torino

Diventa nostro amico su Facebook

Ricerche e Progetti

logo RGR medio

  • Recuperare la rotta é il titolo del XVIII Rapporto «Giorgio Rota» su Torino, presentato il 7 ottobre alla Biblioteca Nazionale.

lpf logo

Biblioteca F. Guerrini

biblioteca guerrini

 Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo.