Tag: USA

Cento giorni vacui

I primi cento giorni di Donald Trump segnano un esordio tra i più vacui nella storia presidenziale degli Stati Uniti.

L’America in una guerra civile fredda

Con il partito repubblicano spaccato dagli antagonismi interni e un Presidente incapace a guidare l’azione politica ed economica del suo partito, gli Stati Uniti sono sulla soglia dell’ingovernabilità.

Il turbolento avvio dell’amministrazione Trump

Del Presidente Trump numerose sono le dichiarazioni, spesso altisonanti. Molte meno le realizzazioni.

Dopo il caos, ritorna l’ordine costituzionale

I primi cento giorni di Donald Trump riportano l’attenzione di media e politici sul vetusto (ma ancora efficiente) sistema costituzionale dei “checks and balances”.

Trump e le sue realtà alternative

Il conflitto aperto tra Trump e la stampa, tradizionalmente celebrata negli Stati Uniti come il “quarto potere”, è un aspetto dirompente di come la transizione tra il vecchio e il nuovo Presidente sia quanto mai disordinata.

Le inquietudini dell’addio di Barack Obama

Per Obama potenti interessi stranieri esercitano forti pressioni sul processo elettorale americano contribuendo ad un decadimento politico senza precedenti.

Il Presidente Trump e gli equilibri di potenza

Erano in molti ad aspettarsi sorprese dal Presidente eletto Donald Trump, ma la politica estera sembrava il settore meno confacente a colpi di scena.

Il voto segreto di Trump

L’America ha detto no alla “dinastia Cinton” e si è imbarcata sull’ottovolante di Donald Trump, vincitore contro ogni previsione, che ha instaurato un reale predominio repubblicano a Washington dalle conseguenze imprevedibili.

L’America della punizione

It’s morning again in America. Era il famoso slogan di una pubblicità televisiva utilizzata da Ronald Reagan nelle presidenziali del 1984. Trentadue anni fa l’America reaganiana si univa intorno a un’epica del lavoro, del dinamismo imprenditoriale e manageriale, dell’ordinato tran tran della vita provinciale e suburbana.

A cinque giorni dal voto

È tutto cambiato, così in fretta. Nell'ultima settimana di ottobre Hillary Clinton accarezzava il sogno di vincere in stati tradizionalmente repubblicani che nemmeno Barack Obama nel 2008 era riuscito a conquistare. Georgia, Arizona, persino il Texas. Poi è successo l’affare Comey.

Un finale sconvolgente

Una cosa è certa nello sconvolgente finale della maratona presidenziale americana: sarà un cliffhanger, un esito in bilico all’insegna del suspense

Bianchi, maschi e non laureati

“Ecco come sanare l’America. Il presidente Obama firma un executive order che obbligherà lo sconfitto delle presidenziali a lasciare la nazione”. Ovviamente è satira - quella di Andy Borowitz per il New Yorker. Ma la polarizzazione estrema delle presidenziali 2016 è già entrata nella storia.

Limitare i danni

Limitare i danni prodotti dalla propria candidatura. I danni prodotti dalla propria natura, verrebbe da dire, se non suonasse forse un po’ perentorio. Ma è così.

Stamina e temperament

La consultazione presidenziale di Novembre verrà decisa dai giudizi circa lo stile e il “temperamento” dei candidati, ma anche sul modo in cui due tra i candidati più impopolari di sempre si relazionano a establishment e ruling class.

Il primo dibattito presidenziale americano

Hillary Clinton e Donald Trump si sono scontrati lunedì sera nel primo dei tre dibattiti televisivi delle presidenziali 2016. I temi erano sicurezza nazionale, direzione dell’America, economia. Ecco com’è andata, in dieci battute.

I millennials e le elezioni della paura

Lunedì 26 settembre si terrà il primo dei tre dibattiti presidenziali americani. Dopo l’impennata nei sondaggi di Donald Trump seguita alla convention di Cleveland e dopo il forte recupero di Hillary Clinton dopo la convention di Philadelphia i due candidati sono ora quasi alla pari.

Il demolition derby negli USA

Come in un “demolition derby”, la cui regola è di sfasciare le vetture degli altri contendenti, la campagna elettorale americana è solo più basata sullo scambio di insulti e accuse tra Hillary Clinton e Donald Trump. Nessun progetto, nessuna idea per il Paese.

L’eredità di Sanders

La domanda che domina la scena politica americana è principalmente questa: cosa faranno a Novembre tutti coloro che hanno abbracciato la “rivoluzione politica” di Bernie Sanders ?

Gli Americani e lo spirito di secessione

Negli Stati Unitil’esito del referendum britannico ha dato nuova linfa alle istanze indipendentiste di due grandi stati, il Texas e la California, rafforzando altresì il movimento populista e anti-establishment incarnato da Donald Trump.

Il brutto destino della classe media in America

La mirabolante ascesa di Donald Trump nel panorama elettorale degli Stati Uniti ha dato adito alle più svariate interpretazioni politiche e sociali ma un fatto è certo, che il fenomeno Trump è strettamente legato al triste destino della classe media americana.

Prossimi eventi

11 Giu
Sala Lazzati, Fondazione Ambrosianeum - MILANO
01 Giu
Campus Luigi Einaudi - Torino

Diventa nostro amico su Facebook

Ricerche e Progetti

logo RGR medio

  • Recuperare la rotta é il titolo del XVIII Rapporto «Giorgio Rota» su Torino, presentato il 7 ottobre alla Biblioteca Nazionale.

lpf logo

Biblioteca F. Guerrini

biblioteca guerrini

 Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo.