Ricerche e Progetti

11 Settembre 2014 - Roberto Ricciuti

Il salvataggio del Banco Espirito Santo

Nella lunghissima crisi economica nell’Unione Monetaria Europea, anche le poche buone notizie passano inosservate. Uno dei punti deboli della moneta unica evidenziati negli scorsi anni è stato il legame tra debito pubblico e bilanci delle banche: al deteriorarsi del merito di credito del primo, i bilanci delle banche che detenevano quei titoli sono entrati in sofferenza, rendendo in molti casi necessario un intervento pubblico per salvare le banche stesse dal fallimento.

Leggi tutto/See full article >

11 Settembre 2014 - Giorgio Arfaras

Vivisezione del Quantitative Easing / II

Trovate di seguito un articolo pubblicato su Limes (1). La prima e la seconda parte - l'introduzione e il primo strato del carciofo - sono nuove. Il resto riprende i lavori pubblicati su Lettera Economica.

Leggi tutto/See full article >

4 Settembre 2014 - Antonio Picasso

Petrologia - seconda parte

Attaccare l’Ucraina, conquistare la Crimea e ricattare l’Occidente con l’arma degli idrocarburi. In estrema sintesi, lo schema di azione della Russia, adottato in questi ultimi mesi, è molto semplice. Altrettanto appaiono obiettivo, spiegazioni psicologiche e ragioni politiche di queste mosse. Secondo una ciclicità che non è ancora calcolabile, Mosca mostra periodicamente i muscoli ai propri rivali. In Ucraina e nel Caucaso.

Leggi tutto/See full article >

4 Settembre 2014 - Stefano Puppini

Rendimenti non-normali

Innanzitutto citiamo la fonte (1), un corposo studio sulle problematiche di gestione del rischio di portafoglio. Il tema è per specialisti delle tecniche di risk management e viene sviluppato descrivendo le diverse metodologie con analisi dettagliate dei singoli vantaggi e svantaggi. A noi interessa, più che le approfondite e variegate versioni dei modelli di gestione matematico-statistico dei portafogli, il punto di partenza dello studio.

Leggi tutto/See full article >

4 Settembre 2014 - Giorgio Arfaras

Vivisezione del Quantitative Easing

Molti vogliono il Quantitative Easing (QE) nell'Euro Area. Ossia molti pensano che gli acquisti di obbligazioni pubbliche e private da parte della Banca Centrale Europea aiuti a sollevarci dalla malasorte, perché si porterebbe sotto controllo il costo del debito pubblico, ed anche il costo del capitale, nonché, favorendo indirettamente la ripresa, aiuterebbe a risollevare il livello depresso dei prezzi. E' questa una combinazione di politica economica che può avere degli effetti positivi anche a lungo termine? Si possono sollevare dei dubbi. Quello che viene intanto in mente è che nell'Euro Area non c'è il QE, ma è come se ci fosse, se si osservano, come faremo nella quarta parte, i prezzi delle attività finanziarie. Il QE, che ci sia ufficialmente negli USA, in Gran Bretagna e in Giappone, e che ci sia di fatto nell'Euro Area, spinge al rialzo le attività finanziarie, ma non è chiaro che cosa accadrà con la sua fine.

Leggi tutto/See full article >

26 Agosto 2014 - Antonio Picasso

Petrologia - prima parte

Finché c’è emiro c’è speranza. Perché se è vero che il mercato petrolifero risente sul breve periodo delle instabilità locali legate a conflitti quali Iraq, Libia e Ucraina – forse anche Siria, ma in minima parte – è altrettanto indiscutibile che l’Arabia Saudita nel settore fa ancora la voce grossa. E fin quando a Riyadh ci sarà un re, i motori di tutto il mondo potranno marciare con una certa tranquillità. Sulle guerre appena citate si è tornati a costruire ragionamenti allarmistici in merito alle prossime oscillazioni del prezzo del greggio.

Leggi tutto/See full article >

24 Agosto 2014 - Giorgio Arfaras

La stagnazione secolare / I

Si è finalmente acceso il dibattito sulla “stagnazione secolare” (1). In breve, nei prossimi decenni potremmo avere una crescita economica molto modesta (come variazione del PIL reale e come variazione del livello dei prezzi molto modesta)? Alcune implicazioni sono evidenti, altre meno. Il dibattito è molto complesso e lo riportiamo in molte puntate.

Leggi tutto/See full article >

17 Agosto 2014 - Giorgio Arfaras

Asset Allocation - agosto 2014

I mercati finanziari sono da qualche tempo “anomali”. Normalmente, quando i prezzi delle azioni salgono, i prezzi delle obbligazioni scendono (la cedola è fissa, perciò, per avere un rendimento maggiore, i prezzi debbono scendere), e viceversa.

Leggi tutto/See full article >

27 Luglio 2014 - Giorgio Arfaras

La crescita spagnola

La crescita dell'occupazione in Spagna è stata maggiore di quanto previsto (1), probabilmente perché i modelli di previsione incorporano mercati del lavoro rigidi – come quello italiano - e non liquidi – come quello spagnolo.

Leggi tutto/See full article >

25 Luglio 2014 - Giorgio Arfaras

Nessun pasto è gratis

Dopo oltre venti anni di stagnazione – una crescita pressoché nulla con dei prezzi deboli – in Giappone hanno, con le elezioni del 2012 vinte da Shinzo Abe, tentato il “tutto per tutto”. La Abe-nomics ha “tre frecce”: 1) prima il rilancio fiscale – un maggior deficit pubblico - con finanziamento monetario del deficit – la banca centrale che compra le obbligazioni necessarie al rilancio; 2) poi le riforme del mercato dei prodotti e del lavoro; 3) infine, il consolidamento fiscale, una volta che la crescita sia tornata stabile.

Leggi tutto/See full article >

Prossimi eventi

23 Nov
Sala "Norberto Bobbio" - Torino
21 Nov
Grattacielo Intesa Sanpaolo - Torino

Diventa nostro amico su Facebook

Ricerche e Progetti

logo RGR medio

  • Recuperare la rotta é il titolo del XVIII Rapporto «Giorgio Rota» su Torino, presentato il 7 ottobre alla Biblioteca Nazionale.

lpf logo

Biblioteca F. Guerrini

biblioteca guerrini

 Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo.