Ricerche e Progetti

6 Ottobre 2017 - Stefano Puppini

A ben guardare dentro gli indici

Comprare un indice azionario può assomigliare ad acquistare una scatola di cioccolatini sapendo che alcuni saranno buoni e altri meno ma che comunque faranno bella figura. E’ un ottima scelta che evita una complicata selezione che potrebbe essere solo fonte di grattacapi. Se si deve fare un regalo non si sbaglia. Se si comprano per sé forse ha meno senso rispetto ad una scelta che permetta di prendere solo quelli che piacciono ed evitare gli altri.

Leggi tutto/See full article >

6 Ottobre 2017 - Giorgio Arfaras

Quale federalismo?

Il 12 ottobre si tiene a Milano un convegno sul Federalismo. Il referendum lombardo e veneto del 22 ottobre chiede un maggior spazio da Roma sul trattenimento delle risorse prodotte localmente. Di seguito la traccia del nostro intervento (1).

Leggi tutto/See full article >

30 Settembre 2017 - Stefano Puppini

Come si chiuderà il divario?

Ha senso mettere in relazione i rendimenti delle obbligazioni governative decennali americane con un sondaggio sulle intenzioni dei direttori acquisti di oltre ventimila aziende sparse in più di trenta paesi del Mondo - il cosiddetto PMI Index (*)? Si sa che sull’esistenza di correlazioni statisticamente molto significative ma logicamente improbabili è disponibile un’ampia letteratura ed è quindi meglio essere prudenti. Ma forse non è questo il caso.

Leggi tutto/See full article >

29 Settembre 2017 - Giorgio Arfaras

Eroi e processi storici

La vittoria stentata dei democristiani tedeschi e il forte calo dei socialdemocratici – i grandi partiti della Germania del secondo dopo guerra, insieme al protagonismo del presidente francese - leader di un partito appena nato, occupano i commenti dei media. La Germania è vista in declino relativo, e la Francia, al contrario, in ascesa relativa (1). Nel mondo guidato dai leader e non dai processi storici abbiamo che la Germania è la Merkel e la Francia è Macron, i quali fanno e disfano. Un punto di vista diverso – la storia al posto dei leader - lo si ricava dallo studio delle differenze fra i due paesi, che ri-proponiamo (2). La conclusione è che non sarà facile trovare una convergenza.

Leggi tutto/See full article >

24 Settembre 2017 - Giorgio Arfaras

Elezioni tedesche - flash

Secondo le proiezioni i due maggiori partiti (CDU-CSU, SPD) hanno preso meno voti di quanti non ne avessero raccolto alle ultime elezioni, quelle del 2013. I primi hanno preso poco più del 30%, i secondi poco più del 20%. I liberali (FPD) raddoppiano i voti rispetto al 2013, e arrivano al 10%, e quindi superano la soglia di sbarramento. I Verdi tengono i voti che avevano la volta scorsa e quindi sono intorno al 10%. La novità di queste elezioni è l'arrivo al Bundestag dell'AFP (Alternative Für Deutschland), un partito di estrema destra che arriva sopra il 10% dei voti (1)

Leggi tutto/See full article >

Prossimi eventi

Diventa nostro amico su Facebook

Ricerche e Progetti

lpf logo

logo RGR medio

  • Recuperare la rotta é il titolo del XVIII Rapporto «Giorgio Rota» su Torino, presentato il 7 ottobre alla Biblioteca Nazionale.

Biblioteca F. Guerrini

biblioteca guerrini

 Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo.