Ricerche e Progetti

Categoria/Category: WP-LPF 2017
Editore/Publisher: Centro Einaudi
Luogo/City: Torino
Anno/Year: 2017
Articolo completo/Full text: WP-LPF_2_2017.pdf

Abstract

L’idea che si possa ritenere lecita l’uccisione indolore di un neonato su esplicita richiesta dei suoi genitori anche in casi in cui ciò non è necessario per porre fine a una condizione di sofferenza intollerabile né alleviabile né transitoria incontra pochi consensi e sembra anzi urtare contro alcune delle intuizioni morali più solide di molte persone. In un saggio pubblicato nel 2013 sul Journal of Medical Ethics, Alberto Giubilini e Francesca Minerva hanno sfidato quelle intuizioni, sostenendo che chiunque sostenga la liceità dell’aborto medico, anche in casi in cui non vi sia in gioco la vita o la salute della madre, ritenendo che l’embrione e il feto non siano titolari di quello status morale che conferisce al soggetto che ne è titolare il diritto alla vita, non abbia buoni argomenti da opporre alla liceità di quello che chiamano “aborto post-nascita”. Nel loro contributo a questo fascicolo i due bioeticisti riprendono e sviluppano la loro posizione, rispondendo al alcune possibili obiezioni. Nel suo commento al saggio di Giubilini e Minerva, Nicola Riva, pur condividendo l’idea che non abbia senso attribuire al neonato il tipo di status morale che conferisce al soggetto che ne è titolare una pretesa moralmente fondata al diritto alla vita, cerca di difendere le intuizioni morali di chi afferma la liceità dell’aborto medico, ma si oppone all’“aborto post-nascita”, sostenendo che, adottando una prospettiva alternativa a quella presupposta dall’argomento dei due bioeticisti, si possa rendere conto, coerentemente, di quelle intuizioni.

Prossimi eventi

07 Ott
Biblioteca Nazionale - Torino - Torino

Diventa nostro amico su Facebook

Ricerche e Progetti

logo RGR medio

  • Recuperare la rotta é il titolo del XVIII Rapporto «Giorgio Rota» su Torino che verrà presentato il 7 ottobre alla Biblioteca Nazionale.

  • In anteprima on line la bibliografia del Rapporto Giorgio Rota su Torino 2017.

lpf logo

Biblioteca F. Guerrini

biblioteca guerrini

 Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo.