Ricerche e Progetti

Luogo/City: Torino
Anno/Year: 2016
Articolo completo/Full text: 2WEL_WP1-2016_Pantrini.pdf

Abstract

Il volontariato è un fenomeno in evoluzione che da alcuni decenni, partecipando all’erogazione di servizi sociali ed educativi, alla programmazione e progettazione delle politiche sociali a diversi livelli, ha assunto rilevanza e riconoscimento nei sistemi di welfare occidentali. È quindi una componente fondamentale del secondo welfare in quanto risorsa privata che si aggiunge ai tradizionali strumenti del welfare pubblico implementando le politiche sociali e sperimentando nuove soluzioni per rispondere ai rischi e bisogni che colpiscono le persone. Il volontariato giovanile, in particolare, presenta numerosi aspetti d’interesse per le scienze sociali: è una forma di cittadinanza attiva, contribuisce al benessere sociale, favorisce la maturazione dei giovani, l’acquisizione di competenze, la spendibilità nel mercato del lavoro. Questo working paper illustra i risultati di una ricerca empirica sul volontariato giovanile, condotta con strumenti qualitativi (analisi di documenti e interviste a testimoni privilegiati), realizzata nella città di Piacenza tra il 2014 e il 2015. Piacenza si presenta come un contesto in cui risulta ben radicato il secondo welfare, in particolare in relazione al volontariato giovanile. Le politiche sociali sono realizzate con il coinvolgimento di soggetti diversi sia pubblici, come gli enti locali e l’Ausl, sia privati, come la locale fondazione bancaria, il Csv, alcuni enti ecclesiali e le organizzazioni di volontariato, che agiscono in sinergia fra loro. Tale sinergia è ben radicata nella dimensione locale in virtù delle reti che si sono costruite nel corso degli anni e delle particolari competenze sviluppate dalle diverse organizzazioni. In alcuni casi specifici, per esempio la promozione del volontariato giovanile, entrano in gioco anche dinamiche informali come i legami interpersonali. Il working paper evidenzia come il volontariato giovanile sia una forma di welfare bidirezionale in quanto propaga benessere in due distinte direzioni: verso i beneficiari e verso i volontari. Da un lato contribuisce significativamente al welfare locale attraverso l’apporto pratico, la creatività e l’entusiasmo dei giovani volontari, dall’altro favorisce il benessere psicofisico, la maturazione e l’acquisizione di competenze di questi ultimi. Il volontariato giovanile come welfare bidirezionale risponde così a diverse problematiche dei sistemi locali di welfare come la carenza di risorse economiche e umane, l’integrazione sociale dei giovani, l’orientamento formativo e professionale, la creazione di servizi per nuovi bisogni dei cittadini.

Prossimi eventi

10 Nov
Centro Einaudi - Torino

Diventa nostro amico su Facebook

Ricerche e Progetti

logo RGR medio

  • Recuperare la rotta é il titolo del XVIII Rapporto «Giorgio Rota» su Torino, presentato il 7 ottobre alla Biblioteca Nazionale.

  • In anteprima on line la bibliografia del Rapporto Giorgio Rota su Torino 2017.

lpf logo

Biblioteca F. Guerrini

biblioteca guerrini

 Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo.