Ricerche e Progetti

6 Febbraio 2016 - Giorgio Arfaras

L'ultimo complotto, in attesa di altri

Mario Draghi, dopo una lunga disamina delle ragioni – demografia, prezzo del petrolio, eccetera – che frenano le banche centrali nello spingere in alto il livello dei prezzi, dichiara: “There are forces in the global economy today that are conspiring to hold inflation down” (1). Ossia, molti fattori “sono in azione” per tener bassa l'inflazione. Ed ecco che alcuni traducono “conspiring” non come l'agire di forze indipendenti, ma con “complottano” (2), sul quale si chiedono lumi. E ci risiamo con i complotti, dopo quello recente contro le banche italiane (3), e quello meno recente contro il debito pubblico italiano (4).

Leggi tutto/See full article >

6 Febbraio 2016 - Stefano Puppini

L'esplosione dei rendimenti negativi

L’anomalia dei rendimenti dei titoli obbligazionari governativi sta assumendo dimensioni storicamente impressionanti. L’ammontare complessivo dei titoli con rendimenti negativi è ulteriormente cresciuto ed ha raggiunto i 5.500 miliardi di dollari, quasi il 10% del debito pubblico mondiale. Questo fenomeno si è cominciato a manifestare verso la metà del 2014 e da allora non ha praticamente smesso di crescere, raggiungendo i valori attuali dopo la recente riduzione dei tassi da parte della Banca del Giappone. Rappresenta il più chiaro segnale della scarsa appetibilità che i mercati finanziari assegnano a tutte le altre classi di investimento che siano azioni, obbligazioni non governative, materie prime e ogni altra forma che non siano i titoli di Stato.

Leggi tutto/See full article >

28 Gennaio 2016 - Stefano Puppini

Perché tanta volatilità?

La correlazione tra prezzo del petrolio e Borse è sempre più evidente ed è oggetto di numerosi riflessioni alla ricerca delle motivazioni di un fenomeno che è senz’altro nuovo. Come già scritto la crescita del prezzo del petrolio nel passato segnalava crescita economica e rischi inflazionistici, favorendo le azioni a scapito delle obbligazioni. Viceversa, la discesa era associata ad attese recessive con conseguente discesa delle Borse e rialzo delle obbligazioni.

Leggi tutto/See full article >

27 Gennaio 2016 - Giorgio Arfaras

Aggiornamento: arriva la Bad bank

Le sofferenze (Non Performing Loans=NPL) sono i prestiti che una banca ha effettuato, ma che i debitori non riescono a ripagare. In Italia ammontano intorno ai 200 miliardi di euro. Per la media delle banche italiane le sofferenze sono pari al 10% degli attivi. Le principali banche europee hanno, invece, un livello di NPL in rapporto agli attivi pari al 3,5%. Come possono le banche italiane far fronte ad un volume di sofferenze così elevato?

Leggi tutto/See full article >

25 Gennaio 2016 - Giorgio Arfaras

Asset Allocation - Gennaio 2016

Un approccio molto seguito nel commentare i mercati finanziari è quello che possiamo definire della “causa esterna”. Senza shock esterni i mercati finanziari sono in, o tendono all'equilibrio. Possono quindi rompere l'equilibrio solo per l'arrivo di eventi esterni inattesi, ossia non scontati, ovvero non anticipati dai prezzi.

Leggi tutto/See full article >

Prossimi eventi

Diventa nostro amico su Facebook

Ricerche e Progetti

logo RGR medio

  • Recuperare la rotta é il titolo del XVIII Rapporto «Giorgio Rota» su Torino, presentato il 7 ottobre alla Biblioteca Nazionale.

lpf logo

  • WP 5/2018 Sud e lotta alla povertà: le esperienze di reddito minimo in Campania e Basilicata

  • Il progetto

rescue logo

logo euvision

Biblioteca F. Guerrini

biblioteca guerrini

 Dotata di oltre 9.000 volumi, offre una documentazione unica in Italia sul pensiero liberale contemporaneo.