Tra le modalità che si possono utilizzare per investire sui mercati azionari una delle più speculative è rappresentata dall’utilizzo di finanziamenti bancari con i quali si comprano le azioni in cambio di un tasso di interesse riconosciuto alla banca finanziatrice. L’obiettivo di questa tipologia di investitori è quello di ottenere rendimenti significativamente superiori al costo del denaro preso a prestito realizzando guadagni senza utilizzare capitale proprio.

Precisiamo da subito che non intendiamo addentrarci in argomenti riguardanti gli interessi strategici e la politica internazionale della maggiore potenza mondiale. Bensì è nostra intenzione illustrare alcune analogie che potrebbero fornire elementi per avere un quadro se possibile più completo dell’attuale situazione debitoria della Grecia e, in particolare, di come è stata possibile la sua formazione e la successiva perdita di controllo.