La crisi in corso ha origine nel corona virus. È quindi un evento esterno all’economia. Un evento di grandissimo impatto e quasi impossibile da prevedere. La crisi per essere posta sotto controllo chiede un forte intervento pubblico. Il 10 maggio avevamo affrontato prima i numeri della crisi poi l’impatto degli acquisti di titoli da parte della banca centrale. Impatto sui conti pubblici e sui bilanci delle banche centrali stesse. Data la lunghezza della nota del 10 maggio sulle obbligazioni, oggi pubblichimo la parte sulle azioni.

Partiamo da una considerazione: negli ultimi anni l’indice azionario americano si è fortemente concentrato con una ulteriore impennata nei primi mesi di quest’anno. Si tratta di un fenomeno totalmente nuovo? Quali sono gli effetti di mercati azionari particolarmente concentrati?